Sab01232021

Last update04:55:08

Back Home News Rubriche Versioni non Ufficiali “L'Adunata”, immaginaria intervista a Lorenzo Baratter

“L'Adunata”, immaginaria intervista a Lorenzo Baratter

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Lorenzo Baratter con l'assessore Franco Panizza durante una conferenza stampaTrento, 4 marzo 2012. - Mancano pochi giorni all'Adunata, in piazza Cesare Battisti a Trento...... Abbiamo immaginato di intervistare l' ispiratore-organizzatore dell'evento, il dottor Lorenzo Baratter. Ma prima, una breve presentazione. Lorenzo Baratter è nato a Rovereto il 29 gennaio 1973. Conseguita la Maturità presso il Liceo scientifico "Antonio Rosmini" di Rovereto, si è laureato in Storia contemporanea presso l'Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia, con il massimo dei voti e la lode. Il 30 settembre 2011 la Giunta Provinciale lo ha nominato Presidente del Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina di San Michele all'Adige. Dal 2007 è anche Direttore del Centro Documentazione Luserna, fondazione culturale per la quale ha curato diversi progetti di ricerca storica ecc. ecc.

Le sue simpatie verso il mondo austro-tedesco sono più che evidenti. Tuttavia non ci vogliamo far condizionare dal pregiudizio. E allora........

Trentino Libero "Dottor Baratter, qual è il motivo di questa manifestazione? Perché scendere in piazza, in difesa dell'Autonomia?

Lorenzo Baratter "Come è noto la nostra terra trentina ha da sempre manifestato la volontà di autogovernarsi, in forme e situazioni diverse. Lo ha fatto per secoli. La Costituzione italiana – legge fondamentale della Repubblica – ha sancito in modo chiaro e inequivocabile questo principio. Oggi, tuttavia, come avrete potuto constatare, la nostra Autonomia è considerata da molti un inutile privilegio da abbattere e cancellare."

Trentino Libero " Ma l'Autonomia è veramente questo? Oppure è una grande opportunità, la cui riscoperta e il cui rilancio devono partire innanzitutto dalla nostra gente?"

Lorenzo Baratter "Chi vi parla, insieme a molte altre persone, ha deciso di rispondere a questo interrogativo convocando un momento di presa di coscienza collettiva, organizzato al di fuori dei Partiti, nel quale saranno portate alcune significative testimonianze sull'Autonomia per voce di numerosi rappresentanti della società civile trentina. Io credo, noi crediamo, che possa essere un momento davvero importante per iniziare un lungo e costruttivo percorso di riscoperta delle radici del nostro spirito di autogoverno, lo stesso che abbiamo ereditato dai nostri padri e che vorremmo poter trasmettere ai nostri figli, con un profondo senso di unità, responsabilità e sobrietà, coinvolgendo il più possibile le giovani generazioni, le nostre eccellenze in ogni settore, l'associazionismo, il territorio nel suo complesso, rinnovando in altre parole quei valori e quei principi che ci hanno trasmesso i nostri antenati."

Trentino Libero "L'adunata del 10 marzo è aperta a tutti?"

Lorenzo Baratter "Noi vogliamo dialogare con tutti, senza chiusure o autoreferenzialità. Serve per questo una rinnovata dimensione popolare dell'Autonomia. Serve una partecipazione forte. Serve la presenza convinta e numerosa dei Trentini."

Trentino Libero "Che ruolo potranno avere l'associazionismo e il volontariato nella difesa dell'Autonomia?"

Lorenzo Baratter "L'associazionismo e il volontariato hanno un ruolo centrale e fondamentale nel sostenere l'Autonomia, nel dare il senso di una Comunità autonoma trentina che ha ancora voglia di mettersi in gioco, con spirito aperto, partecipato e solidale e profondo senso civico. Chiedo pertanto di essere presenti numerosi a questa manifestazione e di portare quanta più gente possibile, per dimostrare l'attaccamento della nostra gente all'Autonomia e per testimoniare, ciascuno di noi, con la nostra presenza, che l'Autonomia è innanzitutto un valore immateriale fortemente condiviso dalla nostra Comunità.  Auspico il contributo di tutti perché il successo della manifestazione è fondamentale e sono personalmente a disposizione per qualsiasi necessità ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , 340-3728640)."

“L'Adunata”, immaginaria intervista a Lorenzo Baratter

Chi è online

 192 visitatori online