Sab01232021

Last update04:55:08

Back Home News Rubriche Versioni non Ufficiali Trento: 'Nel PdL, chi comanda?'

Trento: 'Nel PdL, chi comanda?'

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Waler Viola con Crsitano de EccherTrento, 24 giugno 2012. - Cari amici di Trentino Libero, qualche giorno fa vi avevo tracciato, anche se in maniera ironica, lo stato dell' arte della politica italiana e locale. A proposito del PdL mi ero espresso dicendo che rischiava " l' implosione ". Mai previsione fu così azzeccata, recitava Macchiavelli. Ebbene il PdL trentino e' ai ferri corti. Dopo le defezioni di alcuni consiglieri ora rischia l'emorragia. Tutti contro tutti. Stigmatizzata la conduzione del partito di plastica. Non solo a livello centrale ma anche a livello locale.

Le critiche avverso il coordinatore o i coordinatori non si contano più. A dire il vero non si è mai capito chi comanda a Trento. Gli osservatori attenti (ed anche un po' maliziosi) dicono: i fascisti duri Plotegher e de Eccher dietro la facciata del neo segretario Leonardi ...

Altri, Borga con Coradello, sigh!

Altri ancora, il focolarino Morandini con Santini, ambedue ex democristianiDOC...

Infine i più informati dicono, Viola, con alle spalle Comunione- Liberazione di Malossini, grande puparo al servizio di Formigoni ( magistratura permettendo ).

E' tutto un programma!

Il partito, fra ex-democristiani, catto-comunisti (come li chiama un consigliere comunale), ex-fascisti (in senso politico), ex-Alleanzisti (A.N) ex di tutto e più, sono sull'orlo di unacrisi di nervi.

Come da sempre, appena si avvicinano le elezioni si aprono le danze. Si fanno i distinguo e tutti aspirano alla leadership per sperare in un posto al sole.

Sole, che bella parola...scherzava Frassica ( la spalla di Arbore )...e tutta una comica...si ma quella finale... se non la smettono di prendersi a schiaffi.

Ma come sempre ci penserà il grande Silvio a metterli in riga.

Specie ora, se è vero da quel che abbiamo appreso.

Scenderà in campo?

Con tutti i discoli che si trova in giro per l' Italia deve aver pensato ch'e meglio che si rimetta in gioco per evitare il default dell' ex-PdL (presto cambierà nome e simbolo).

Si proprio così, il Cavaliere, dalle mille risorse, risale sul famoso "predellino", vuole il 51%, che diavolo d'un Berlusca.

Da lui c'è da spettarsi di tutto.

Lo farà, si o no?

Quel ch'è certo, sarà il tormentone dell' estate che dalle premesse, non solo meteo, sarà piuttosto rovente.

Quindi cari consiglieri tutti...meditate-meditate.

Anziché litigare parlatevi e se non ci riuscite allora mettetevi da parte. La politica, quella buona, seria, onesta, fatta nell ' interesse della gente non si fiderà più di più di voi. A ci vuole intendere, intenda.

II (vostro) Cittadio Attento

Trento:  'Nel PdL,  chi comanda?'

Chi è online

 103 visitatori online