Dom09272020

Last update09:27:04

Back Home News Trentino Libero Progetto Trentino Libero Marco Giacinto Pellifroni collabora con Trentino Libero

Marco Giacinto Pellifroni collabora con Trentino Libero

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Marco Giacinto PellifroniTrento, 19 gennaio 2015. - di Claudio Taverna

Nell'edizione di ieri abbiamo ospitato l'articolo di Marco Giacinto Pellifroni "Libertà e rispetto. Perché "io non sono Charlie"". Il dottor Pellifroni scriverà anche per Trentino Libero, quando ne avrà voglia, perché come ci scrive "non sempre si sente l'impulso a fare commenti..."

Noi di Trentino Libero siamo molto onorati e lieti della sua collaborazione, nelle forme che vorrà accordarci, anche perché siamo in piena sintonia con alcune battaglie comuni, quali ad esempio la denuncia della degenerazione del sistema bancario e monetario e della necessità del recupero della sovranità monetaria, elemento tanto essenziale quanto indispensabile per la vera sovranità popolare.

Ecco il breve profilo che il dottor Marco Giacinto Pellifroni ci ha inviato e che volentieri pubblichiamo.

Milanese di nascita e durante gli studi, sino alla laurea a pieni voti in Chimica Industriale. Un anno a Ottawa, Canada, con una borsa di specializzazione del governo canadese; quindi, perfetta conoscenza dell'inglese. Dodici anni in carriera nella multinazionale anglo-olandese Unilever a Milano, dove tenevo i contatti con le consociate sparse per il mondo. Poi, a cavallo tra gli anni '60-'70, la "conversione" ecologica, dimissioni dalla multinazionale e trasferimento a Finale Ligure, dove vivo attualmente e dove trovai un lavoro che desse un senso al mio distacco dalla vita urbana e da un lavoro che mi poneva in conflitto con me stesso. Provvidenzialmente, ciò ebbe modo di attuarsi con un lavoro presso un'industria meccanica di Vado Ligure, produttrice di impianti di trattamento rifiuti solidi con l'estrazione di concime organico, fino alla pensione. Oggi ho 77 anni.

La seconda "illuminazione" avvenne nel 2005, quando si scoprì il modo in cui funziona il sistema bancario e monetario. Da allora non ho smesso di impegnarmi per portare questo segreto, sino allora gelosamente custodito, alla conoscenza di quante più persone possibile. Mio "maestro" lungo questo percorso è stato ed è tuttora l'avv. Marco Della Luna, di Mantova, assieme al quale feci la presentazione pubblica dei suoi libri più collegati al tema onetario: €uroschiavi e La moneta copernicana, nonché Neuroschiavi, sui metodi di condizionamento psicologico di massa. Non ho approfondito quest'ultimo tema, mentre mi sono concentrato sul sistema bancario e monetario, scrivendo articoli online, tenendo conferenze e promuovendo pubblici dibattiti: non in televisione, né sulla stampa, in quanto lì questo argomento viene regolarmente glissato: troppo "scomodo".

Concludo aggiungendo, tra i miei "maestri" in questo campo, il nome dell'avv. Ellen Brown di Los Angeles, presidente del Public Banking Institute (v.http://ellenbrown.com/ ), che perora la proprietà pubblica della banca centrale, come avviene nel North Dakota e, di recente nel Vermont. Altro luminare è il repubblicano Ron Paul, mio coetaneo, che si batte da una vita contro la Fed privata e il cui figlio Rand sta per candidarsi alla Casa Bianca. Tanto per sottolineare quanto la tematica non sia appannaggio di pericolosi sovversivi, ma di persone di lunga esperienza e comune buon senso. Aggiungo infine una giovane (e bella, non guasta mai!) economista indipendente: Lidia Undiemi.

Marco Giacinto Pellifroni collabora con Trentino Libero

Chi è online

 206 visitatori online