Gio04182019

Last update09:59:12

Back Magazine Magazine

Magazine

Di maso in maso, di vino in vino

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Di maso in maso25 aprile |Colline avisiane di Pressano e Sorni. Cresce ogni anno l'evento, all'insegna della sostenibilità e della sensibilità, che rende omaggio al territorio, ai prodotti e alla vocazione vitivinicola delle Colline Avisiane. Una nuova tappa e nuovi produttori coinvolti per la sua terza edizione, per rafforzare i due elementi di punta della manifestazione: la vasta e qualificata offerta enogastronomica, tra ricercatezza e tradizione, e la spettacolarità del percorso, immerso tra colline e masi storici. 50 aziende e associazioni locali, 10 tappe, 10 masi storici, più di 30 gustosi piatti tipici, 9 km tra i vigneti, oltre 5.000 partecipanti lo scorso anno

Trento, 16 aprile 2019. - Redazione*

Conoscere i prodotti del territorio entrando all'interno dei masi in cui questi prodotti nascono; parlare con i produttori ed assaggiare sul posto le eccellenze enogastronomiche; godere di un paesaggio meraviglioso con il beneficio dell'assenza di traffico; scegliere da un menù di oltre 50 prodotti trentini: questa la proposta di Di Maso in Maso, di Vino in Vino, l'itinerario gastronomico che omaggia il territorio e le produzioni enogastronomiche delle colline avisiane. Una proposta pensata per mettere in contatto diretto gli ospiti con i produttori nel loro luogo di produzione e per far conoscere a trentini e non il contesto e le persone che stanno dietro alle nostre eccellenze locali; proposta che si è rivelata azzeccata, come dimostrano le oltre 5.000 le presenze registrate lo scorso anno.

L'evento, organizzato dalla Pro Loco di Lavis in collaborazione con i Comuni di Lavis e di Giovo, propone una passeggiata di 10 chilometri tra Pressano e Sorni, da percorrere a piedi, in bicicletta o con il caratteristico trenino. Il tracciato è intervallato da dieci tappe in altrettanti masi storici, dove viene servito un variegato menù a base di specialità trentine, che va dalle proposte più ricercate (i fagottini di carne fumada, i tagliolini alla stella alpina, il brasato in birra stout) ai piatti rustici della tradizione (l'orzetto, la carne salada, gli spatzle). Degna di un'enoteca è la carta dei vini e delle birre, con proposte di alto livello offerte a prezzo fisso. Ogni maso ospita inoltre spettacoli, intrattenimento, e laboratori, per rendere ancora più piacevole la sosta.

Oltre che per la qualità dell'offerta enogastronomica e la cura del programma, l'evento si distingue anche per la sua sensibilità nei confronti sia dell'ambiente (con la chiusura al traffico della strada delle colline avisiane per l'intera giornata, le isole ecologiche, l'acqua attinta dalle fontane per evitare la plastica), sia delle esigenze di tutti i tipi di ospiti, anche quelli con disabilità motorie e visive, grazie ad una gamma di servizi ad hoc di accessibilità ed assistenza lungo il percorso (tra cui una joëlette, una carrozzella da fuori strada per raggiungere le tappe più alte).

Tra le altre novità di quest'anno: l'aggiunta di una nuova tappa, la partecipazione di nuovi produttori, la collaborazione neonata collaborazione tra i Comuni di Lavis e di Giovo, che ha permesso di rendere ancora più vasto il percorso, nuovi spazi messi a disposizione per la sosta per i camper, i menù ad hoc dei ristoranti locali.

In conferenza stampa (questa mattina presso la Federazione Pro Loco), la vice presidente della Pro Loco di Lavis Camilla Weber sottolinea il valore dell'evento per il borgo di Lavis, "la cui intera comunità si è coesa per gestire la manifestazione: sono quasi 400 volontari impegnati, a tutti loro va il più sentito ringraziamento dalla Pro Loco."

L'Assessore all'ambiente del comune di Lavis, Franco Castellan, fa sapere che "sono già oltre 1000 gli iscritti e 500 i bambini, ci aspettiamo quindi numeri elevati." Sottolinea anche il significato dell'evento, che "nasce come un elogio ai prodotti di eccellenza che vengono coltivati nella nostra zona ma non solo. L'idea è di dare visibilità al territorio ed ai produttori (quasi 50, molti dei quali afferenti alla Strada del Vino e dei Sapori del Trentino), che con fatica ed impegno portano avanti produzioni anche molto particolari. Per noi non è solo una festa, ma un modo per far partecipare i cittadini le famiglie, a cui è dedicato in particolare l'intrattenimento, che riempirà l'intera giornata. Puntiamo molto sulla sostenibilità, spingendo per limitare l'utilizzo delle auto, sfruttando i collegamenti ferroviari attraverso bus navetta dalla stazione FS a Pressano, due trenini."

Isabella Caracristi, assessore alle attività sociali del comune di Lavis, evidenzia come "per il comune la volontà è di rendere accessibile a tutti la manifestazione: oltre che ai bambini, anche ai disabili motori e disabili visivi . Forte anche l'attenzione al sociale con laboratori e giochi offerti dalle associazioni locali."

Stefano Pellegrini, assessore all'ambiente del Comune di Lavis, esprime "un grande apprezzamento per la collaborazione che siamo riusciti a istituire tra i due Comuni ed un encomio e ringraziamento alla Pro Loco di Lavis e alle associazioni locali. Anche per chi viene dalla Val di Cembra sono stati predisposti parcheggi e bus navetta. Allargando il tracciato fino al comune di Giovo, si è potuto creare quest'anno anche il percorso dei masi alti."

*Info

Partenza dalle ore 9.30 dalla piazza di Pressano (chiusura enogastronomia ore 18.00)

Preiscrizioni: FB Di maso in Maso di Vino in Vino

Pagina FB: Di Maso in Maso, di Vino in Vino

Raggiungibilità

La Strada del Vino da Pressano a Maso Rosabel rimarrà chiusa al traffico, eccetto biciclette, residenti e veicoli per disabili.

2 trenini gratuiti alla scoperta dei masi con partenza dalla piazza di Pressano e dal bivio per Maso Nero per chi arriva da San Michele e da Giovo (circa 20 min. per giro).
Possibilità, per le persone disabili, di prenotare alcuni parcheggi auto a Pressano e una Joëlette (con partenza alle ore 9.30 da Pressano), una carrozzella da fuori strada che permetterà loro di raggiungere anche le tappe "alte" del percorso dei masi grazie all'aiuto di due accompagnatori volontari. Ricordiamo che il percorso "basso", lungo la "SP131 Strada del Vino", dalla piazza di Pressano a Maso Nuovo, può essere fatto tranquillamente in carrozzina o a bordo del trenino (accessibile anche alle carrozzine per disabili).

Parcheggi e trasporto gratuiti.

Sarà comunque possibile parcheggiare le autovetture a Lavis presso la cantina La-Vis, le stazioni della Ferrovia Trento Malé di Lavis e di Zambana da dove partirà un bus navetta gratuito di andata e ritorno per la piazza di Pressano durante tutta la giornata. Un altro parcheggio sarà disponibile, per chi proviene dalla Val di Cembra, in località Serci di Giovo presso il piazzale del Consorzio 5 Comuni, con un bus navetta gratuito che dalle 13.30 alle 18.00 assicurerà il rientro da Maso Rosabel. Quest'anno sono state istituite anche due aree sosta per tutti gli amici camperisti che saranno attive dalla sera del 24 aprile.

* comunicato

Le parole per alterare la realtà

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Words powerLettera Politica N. 763

Verona, 11 aprile 2019. - di Paolo Danieli*

Attraverso il linguaggio il potere mondialista s'insinua nel pensiero della gente per condurla a pensare come vuole il Grande Fratello. Non ci si obietti che non esiste. E' una figura plurale, simbolica di un potere planetario come George Orwell aveva profetizzato col suo "1984".

Rinnovati gli organi sociali dell'ANVGD di Trento

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Ass. ANVGD TNTrento, 6 aprile 2019. - Redazione

Si è svolta, quest'oggi, presso l'Hotel Everest di Trento, l'Assemblea sociale dell'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia del Comitato provinciale di Trento per il rinnovo delle cariche sociali.

“L’Aquila dieci anni dopo: criticità e prospettive”

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Foto AQUILAFrancesco Peduto, Presidente CNG: « in Italia si continua a morire per un terremoto, manca la pianificazione e la cultura della prevenzione»

Roma, 5 aprile 2019. - Redazione*

"A dieci anni dal sisma che sconvolse L'Aquila e i territori limitrofi continuiamo a registrare tante criticità e questioni irrisolte. L'Aquila, ma più recentemente anche Amatrice e Ischia, sembrano non aver insegnato nulla: anche se, nel tempo, alcune cose importanti sono state indubbiamente fatte, di terremoto in Italia si continua a morire e forse rischio sismico e prevenzione avrebbero meritato una maggiore centralità nell'azione dei governi negli anni". Queste le parole di Francesco Peduto aprendo la conferenza stampa "L'Aquila dieci anni dopo: criticità e prospettive" che si è svolta giovedì 4 aprile presso la Sala Caduti di Nassirya del Senato della Repubblica.

La libertà dei costumi è eccessiva

  • PDF
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

Lesbiche in MarinaMonselice, 4 aprile 2019. - di Adalberto de' Bartolomeis

"Evviva"! "Guai se non fosse così in una democrazia stra liberale, ultra permissiva, fondamentalista nel consociativismo di un'emancipazione dei propri costumi, ma anche dei propri atteggiamenti".

Banner