I morti della 2° Guerra Mondiale

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Lettera Politica N. 790

Trento, 23 ottobre 2019. - di Paolo Danieli*

E' appena scoppiata una nuova guerra al confine fra Turchia e Siria. Eppure negli anni immediatamente successivi alla 2^ guerra mondiale s'era diffusa la convinzione che sarebbe stata l'ultima guerra, anche grazie all'equilibrio del terrore nucleare che s'era instaurato fra le maggiori potenze dell'epoca, gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica, rispettivamente a capo di due blocchi imperialisti: quello capitalista e quello comunista.

Ben presto l'illusione fu smentita con la guerra di Corea (1950-1953), cui ne seguirono molte altre in Asia, Africa e America. La convinzione allora si trasformò nella speranza che almeno non ci sarebbe più stata una guerra mondiale, anche grazie al consolidarsi della "coestistenza pacifica" fra i due blocchi. Accanto alla quasi-certezza che di guerre non ce sarebbero state più almeno nella vecchia Europa. Ma, assieme al muro di Berlino ed al comunismo, cadde anche questa convinzione dopo che nel 1991 scoppiò la guerra nei Balcani (1991-2001) e nel 2014 in Ucraina, conflitto che è ancora in corso.

Insomma l'uomo non riesce a liberarsi da questo mostro che evidentemente porta dentro di sé visto che sono millenni che scoppiano guerre dappertutto perché dappertutto avvengono prevaricazioni ed ingiustizie e, come si sa, non ci può essere pace senza giustizia, perché ad un'azione ingiusta o ritenuta tale ci sarà sempre una reazione.

Per riflettere su che cosa significhi davvero la guerra può essere utile leggere delle cifre sui morti della 2^ guerra mondiale. Sono numeri di un compendio che non avevo mai letto e che sottopongo alla sensibilità ed all'intelligenza di chi legge.

URSS: 13.500.000 militari 7.500.000 civili totale 21 milioni morti

CINA: 5.500.000 militari 14.500.000 civili totale 20 milioni morti

GERMANIA: 4.000.000 militari 3.000.000 civili totale 7 milioni morti

POLONIA: 300.000 militari 5.300.000 civili totale 5.600.000 morti

GIAPPONE: 2.700.000 militari 300.000 civili totale 3 milioni morti

YUGOSLAVIA: 300.000 militari 1.200-000 civili totale 1.500.000 morti

FRANCIA: 220.000 militari 310.000 civili totale 530.000 morti

REGNO UNITO: 380.000 militari 70.000 civili totale 450.000 morti

ITALIA: 300.000 militari 100.000 civili totale 400.000 morti

USA: 300.000 militari 5.000 civili totale 305.000 morti

* già senatore della repubblica scrive su «L'Officina»

I morti della 2° Guerra Mondiale