Mar08202019

Last update09:45:43

Back Magazine Magazine Attualità Ben vengano le semplificazioni fiscali

Ben vengano le semplificazioni fiscali

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Il presidente dell'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Trento e Rovereto, dott. Pasquale Mazza, accoglie con favore il Disegno di legge sulle semplificazioni fiscali

Trento, 2 aprile 2019. - Redazione*

Il presidente dell'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Trento e Rovereto Pasquale Mazza, non senza uno spunto critico, si unisce al generale apprezzamento che la categoria a livello nazionale sta confermando in merito al Disegno di legge contenente disposizioni per la semplificazione fiscale, anche alla luce degli emendamenti presentati in sede di trattazione in Commissione.

Il disegno di legge ha come primi firmatari gli Onorevoli Carla Ruocco e Alberto Gusmeroli, rispettivamente Presidente e Vicepresidente della Commissione Finanze della Camera.

"Finalmente il disegno di legge sulle semplificazioni fiscali si appresta ad approdare in aula", commenta il presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti, Massimo Miani. "Si tratta di un testo contenente una serie di misure di sicura utilità per il sistema fiscale del nostro Paese. Del resto, la necessità di una forte spinta alla semplificazione del sistema tributario mi pare sia ampiamente avvertita anche dell'esecutivo, con il quale sul tema ci siamo più volti confrontati".

Tra le misure presenti del Disegno di legge, i commercialisti evidenziano quelle relative all'estensione dell'obbligo di contraddittorio preventivo, all'impegno cumulativo per la trasmissione telematica per le dichiarazioni e comunicazioni, alla possibilità di far confluire nella dichiarazione annuale IVA la comunicazione della liquidazione periodica dell'ultimo trimestre dell'anno. Tra le norme significative anche quelle che prevedono un alleggerimento del regime sanzionatorio per la violazione degli obblighi di trasparenza in bilancio relativi alle erogazioni pubbliche e la razionalizzazione dei termini di efficacia delle delibere in materia di tributi locali. "Tutte queste misure, con altre contenute nel Disegno di legge", conclude Miani, "costituiscono un pacchetto di semplificazioni a costo zero con evidenti effetti positivi per il sistema tributario e per i professionisti. Si tratta di un'occasione che ci auguriamo non vada persa".

Il presidente Trentino Pasquale Mazza aggiunge alcune considerazioni rilevanti: "Particolarmente interessante anche l'emendamento riguardante la periodicità trimestrale del cosiddetto esterometro, che si auspica sia reso applicabile dal 2019; deludente invece l'emendamento riguardante la norma in materia di obblighi di trasparenza delle erogazioni pubbliche nei bilanci delle imprese, che avrebbe meritato una completa riscrittura per meglio chiarire l'ambito oggettivo di applicazione, data l'attuale incertezza interpretativa; non condivisibile, infine, l'emendamento in materia di definizione del concetto di autonoma organizzazione ai fini IRAP, in quanto in contrasto con il consolidato orientamento della Corte di Cassazione, che, a questi fini, non riconosce alcuna rilevanza all'ammontare del volume di affari realizzato dal contribuente."

* comunicato

Ben vengano le semplificazioni fiscali
Banner