Sab12072019

Last update11:40:03

Back Magazine Magazine Attualità Pro Loco del Trentino vs Matteo Renzi

Pro Loco del Trentino vs Matteo Renzi

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Trento, 22 ottobre 2019. - di Enrico Faes*

In questi giorni, infatti, ci siamo presi il tempo di commentare nell'opportuna sede del Consiglio direttivo quanto esternato dall'ex premier durante un dibattito televisivo. "Ma se fai il ministro stai nelle istituzioni, non fai le pagliacciate in piazza altrimenti vai a fare il presidente della Pro loco", questo è il messaggio lanciato dall'onorevole Matteo Renzi all'onorevole Salvini; messaggio che ha creato vasto malumore tra i presidenti ed i volontari delle 193 pro loco trentine (ma non solo) e delle oltre 6.000 Pro Loco d'Italia.

Ci siamo presi il tempo di riflettere sull'uso che è stato fatto del nome delle Pro Loco in rapporto alla politica e abbiamo deciso di esprimere la nostra analisi suffragata da dati obiettivi.

La Federazione Trentina Pro Loco ha attivato anni fa un filone di ricerca per validare un'ipotesi controintuitiva che vede la Pro Loco come una vera e propria scuola di formazione per gli amministratori locali. Da una ricerca del 2012 risulta che il 50 % dei sindaci trentini è stato presidente di una Pro Loco mentre da uno studio del 2017 emerge che il 90% degli amministratori comunali ha avuto un'esperienza attiva nel volontariato (nel 40 % di questi casi si tratta in maniera specifica di esperienze in Pro Loco). L'interpretazione di questo dato è per noi chiara: le Pro Loco formano gli amministratori del futuro, compito che forse non spetterebbe a loro ma che rivela quanto siano vicine alla politica reale e quanto invece siano distanti dalla propaganda.

Questi dati non sono molto conosciuti ma è indubbio che se in Trentino le istituzioni hanno funzionato, e funzionano tutt'ora, è anche perché dal territorio sono emerse figure di amministratori che nelle Pro Loco e nel volontariato hanno allenato il proprio senso civico, sperimentando responsabilità e felicità dell'occuparsi della "res pubblica".

Ecco allora che con fermezza ed orgoglio vogliamo invece sostenere che il fare Pro Loco, oggi, non solo è importante per il mantenimento di una società positiva, ricca di legami significativi, di affettività vera, di legame con la tradizione, di partecipazione e anche di qualche simpatica "pagliacciata". Fare Pro Loco è una delle poche strade rimaste per garantire la generazione di una classe politica seria e consapevole, matura e preparata ad affrontare anche la difficile sfida di amministrare l'Italia del futuro.

* Presidente della Federazione Trentina Pro Loco

Pro Loco del Trentino vs Matteo Renzi

Chi è online

 564 visitatori online