Lun05162022

Last update03:53:45

Back Magazine Magazine Attualità Raziocinio e buon senso sono molto distanti

Raziocinio e buon senso sono molto distanti

  • PDF
Valutazione attuale: / 22
ScarsoOttimo 

Monselice, 13 maggio 2022. - di Adalberto de' Bartolomeis

Il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, il 5 maggio, nella sede di Bruxelles ha detto di essere favorevole a fare in modo che i beni che appartengono ai funzionari ed oligarchi russi, sanzionati dall'Unione europea, non siano solo congelati, ma anche confiscati per destinare le risorse alla ricostruzione dell'Ucraina.

Personalmente sono piuttosto perplesso perché ritengo che sia ampiamente illegittimo dare, poi, disposizioni agli Stati membri UE affinché i 27 Paesi procedano in tal senso. Per prima cosa l'Unione Europea non è stata, al momento, attaccata dalla Russia.

Lo Stato aggredito ed invaso è l'Ucraina. Misure di questo tipo, come le sanzioni ed il blocco di beni vari, conti correnti, eccetera, di persone che non mi sembra siano combattenti russi in armi, sono comuni civili. Sono senz'altro benestanti, forse, oltre una certa media normale al mondo e che hanno l'unico torto di essere, chissà, "amici" di Vladimir Putin. Credo, poi, che la Corte Europea per i Diritti dell'Uomo potrebbe avere non poche difficoltà nel dare ragione ai destinatari di questi eventuali provvedimenti, perché chi andrebbe, successivamente, a confiscare ville, panfili, conti in banca e quant'altro? Lo farebbe ogni Stato membro e come?

Mandando le varie Guardie di Finanze? Dovrebbe essere demandato il tutto ai tribunali di ogni Stato membro dell'UE per dirette azioni politiche da parte dei governi in Occidente? Ho l'impressione che, questa disgraziatissima guerra non stia soltanto logorando un povero Stato aggredito, quale l'Ucraina, ma fra poco un mondo intero! Peraltro, sarebbe altrettanto forzato un parallelo che, riguardino confische di questi beni degli oligarchi russi, assimilabili alle modalità procedurali di confische antimafia. Striderebbe molto questo tipo di accostamento che invece parrebbe avere già molti suoi sostenitori. Mi sembra che di oligarchi ce ne siano in abbondanza, un po' dappertutto.

Non ne parliamo tra i politici! Si dichiarano "liberali" e "democratici" quando uno Stato è aborrito per tirannia e procede nel voler nazionalizzare degli assetti che non gli appartengono. In pratica, costoro che si ergono a paladini del "Bene Assoluto" altro non fanno che rendersi loro stessi dei sovranisti, condannando il sovranismo. Ho l'impressione che nelle loro azioni si contraddicano.

(nella foto Charles Michel)

Raziocinio e buon senso sono molto distanti

Chi è online

 180 visitatori e 1 utente online