Basta atlantismo

Valutazione attuale: / 19
ScarsoOttimo 

Trento, 30 maggio 2022. – di Claudio Taverna

Nella guerra russo-ucraina, che i russi chiamano, pur con qualche ragione, "operazione speciale", l'Europa ha dimostrato di non esistere né sul piano politico, né sul piano diplomatico, né sul piano economico-finanziario (le sanzioni come le grida manzoniane).

Non starò qui a spiegare i motivi. Gli "osservatori" (più accreditati del sottoscritto), dopo l'ubriacatura dei primi momenti, se ne sono convinti e lo dicono.

La Nato, strumento militare in mano agli USA, ha smesso, dalla caduta dell'URSS e del Patto di Varsavia, di essere la "difesa" politico-militare dell'occidente contro il comunismo aggressore e negatore di libertà.

Il MSI, dopo il V° congresso nazionale (Milano novembre 1956), optò a maggioranza ( fu confermato segretario Arturo Michelini) per la scelta atlantista che venne confermata anche successivamente con la segreteria Almirante (contro l'opzione si schierarono Pino Rauti e Beppe Niccolai).

Se in quegli anni, l'opzione atlantista aveva giustificazione sia a livello internazionale contro il blocco comunista guidato dall'URSS sia a livello interno contro il PCI, il più forte partito comunista dell'occidente, per un quasi obbligatorio realismo politico, oggi quelle ragioni non ci sono più!

Spiace assistere al vile, totalitario, velleitario conformismo italico (tranne qualche coraggiosa voce dissenziente) nei confronti degli USA che conducono, avendo coscienza e vocazione imperiale, la loro politica di "gendarme del mondo" con obiettivi ed interessi squisitamente imperialistici, camuffati da Biden "siamo l'arsenale della democrazia"!

Il video di Giorgio Gaber del 1976 ( a piè pagina, solo 3'58''intitolato America "Libertà" obbligatoria) è emblematico e ci offre una descrizione esemplare!

Monologo di Giorgio Gaber  "America"

Basta atlantismo