Lun07062020

Last update08:23:26

Back Magazine Magazine Energia ed Ecologia Fitofarmaci e salute (dei bambini), interviene il Difensore Civico

Fitofarmaci e salute (dei bambini), interviene il Difensore Civico

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Scuola materna di Nave San Rocco Trento, 4 luglio 2012. - "La strada per l'inferno è lastricata di buone intenzione" così attacca l'Associazione "Lo Scudo" a difesa dei Cittadini nella lettera di risposta al sindaco di Nave San Rocco che,  lo scorso 2 maggio,  smentiva ogni pericolo alla salute degli alunni della scuola materna "Nave dei bambini" per l'uso di fitofarmaci nell'adiacente frutteto. Così assicurando, concludeva il primo cittadino.

".....Questo Comune lo scorso anno ha approvato un nuovo regolamento in materia dell'utilizzo sostenibile di fitosanitari, maggiormente cautelativo rispetto alle linee guida provinciali, sono in vigore dal primo gennaio 2012 e disciplinano la materia con norme di maggior tutela degli edifici sensibili, tra cui sono annoverati gli istituti scolastici."

Sta di fatto che la documentazione fotografica che abbiamo pubblicato,  dimostra esattamente il contrario. Gli alberi da frutto sono ad una distanza inferiore ai 30 metri previsti nel regolamento citato dal sindaco, l'atomizzatore, ripreso dalle fotografie, è in azione a ridosso della scuola materna, mentre la c. d. protezione (in tela) , installata sulla rete di recinzione del "parco giochi"  dell'asilo, assume il grottesco significato di ammissione di colpa.

Segnaliamo, con l'occasione, l' intervento del 19 giugno scorso dell'Ufficio del Difensore Civico nei confronti del sindaco di Nave San Rocco, del responsabile dell'Appa (Agenzia provinciale per la protezione dell'ambiente) e del direttore generale dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari con l'invito ad attivarsi per la denuncia de "Lo Scudo" e la richiesta di fornirgli tutte le informazione utili.

Giunti a questo punto, riteniamo che ogni inerzia per la soluzione del problema sollevato , vale a dire il pericolo di avvelenamento dei bambini e degli operatori della scuola materna di Nave San Rocco, non solo va denunciata ( l'Associazione "Lo Scudo" e Trentino Libero sono in prima linea), ma auspichiamo che se  vi sono o se vi sono stati ritardi od omissioni nella tutela della salute di minori e degli altri  cittadini,  questi dovranno essere  puniti.

Claudio Taverna

Fitofarmaci e  salute (dei bambini), interviene il Difensore Civico

Chi è online

 156 visitatori e 1 utente online