Gio08062020

Last update11:36:37

Back Magazine Magazine Economia ed Esteri Crisi ed incertezza, come muoversi sul mercato in questo momento?

Crisi ed incertezza, come muoversi sul mercato in questo momento?

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Trento, 16 aprile 2020. - Redazione

Un trimestre di alti e bassi per tutti gli investitori, quello che si è appena concluso. I listini azionari hanno infatti cominciato a registrare performance sempre peggiori: un esempio dagli Stati Uniti, dove l'indice S&P 500 ha perso oltre il 20%, dato storico negativo. In Europa la situazione è andata anche peggio. Per questo motivo gli investitori in tutto il mondo oggi si chiedono come preservare il proprio capitale in un momento di incertezza e complessità ben oltre il previsto.

Probabilmente, secondo l'opinione di Moneyfarm, la migliore delle soluzioni è quella di non reinventarsi ed anzi restare fedeli a quanto ci si era prefissati in termini di obiettivi di investimento da raggiungere. La risposta a questa soluzione è nelle stesse performance del trimestre. E la storia, da questo punto di vista, è veramente magistra vitae. Questo perché attorno alle giornate peggiori seguono e si concentrano quelle migliori, rendendo quindi difficoltosa l'impostazione di una strategia di entrata ed uscita in un momento di grande instabilità per il mercato.

Qualche investitore ha optato per il "momentaneo" parcheggio della propria liquidità, scegliendo strumenti scarsamente liquidi e perlopiù vincolanti, correndo il concreto rischio di compromettere definitivamente le prospettive di rendimento dell'investimento nel medio periodo. Sostanzialmente si tratta di un disinvestimento. Eppure, ad ogni crisi segue sempre un momento di ripresa. Per cui è lecito chiedersi come sfruttare eventuali e sempre presenti possibilità.

Nel medio e nel lungo termine, per gli investitori si tratta di valutare i ritorni attesi e le valutazioni, fondamentali quando si parla di redditività di un investimento. Certo non è mai semplice prevedere il flusso dei mercati in termini di crescita, ma alcuni punti possono essere già pronosticati e preventivati. Anzitutto molte aziende si sono viste calare gli indici stimati di profittabilità, scesi in maniera veloce e senza precedenti.

Ancora. il rapporto prezzo/utili è il più basso di sempre dal 2010: ciò significa che i prezzi sono scesi ancor di più rispetto all'abbassamento degli utili attesi. Allo stesso tempo i ritorni attesi sono tra i più alti dell'ultima decade, perché i tassi di interesse sono calati e il rendimento dell'azionario aumentato. Il premio al rischio, oggi, si attesta tra il 5 e il 6% ed è, storicamente, un attendibile indicatore. La volatilità sui mercati non è assicurata ma guardare al lungo periodo in questo senso, può essere una ottima strategia di mercato. La strategia più indicata, sul mercato in questo momento, è continuare a diversificare il proprio investimento e sfruttare altre soluzioni, come la Gestione Patrimoniale, e i collaterali vantaggi. Minimizzando i rischi e massimizzando le opportunità sul mercato.

Crisi ed incertezza, come muoversi sul mercato in questo momento?

Chi è online

 147 visitatori online