Dom02052023

Last update11:11:26

Back Magazine Magazine Economia ed Esteri Legge di Bilancio 2023: le novità della “manovrina” di Giorgia Meloni

Legge di Bilancio 2023: le novità della “manovrina” di Giorgia Meloni

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Trento, 1 dicembre 202. – di Claudio Taverna

Legge di Bilancio 2023. Con la firma del presidente della repubblica entra ufficialmente in gioco il disegno di legge. Le novità: pagamenti con POS, flat tax (tassa piatta) per il lavoro autonomo, futuro del reddito di cittadinanza e pensioni.

La Legge di Bilancio è una manovra finanziaria di 35 miliardi€ che a detta del Governo Meloni "tiene conto della situazione economica nazionale e internazionale, sostenibile per le finanze dello Stato, mentre gran parte delle risorse messe in campo sono disponibili per il caro energia e inflazione". Si tratta quindi di "una manovra prudente e realista".

Inoltre, altre risorse sono stanziate per la riduzione del cuneo fiscale e dell'IVA su alcuni prodotti, dell'aumento dell'assegno unico per le famiglie, per interventi agevolativi delle assunzioni a tempo indeterminato per donne under 36 anni e per i beneficiari del reddito di cittadinanza, mentre sono prorogati le agevolazioni per l'acquisto della prima casa per i giovani.

Le risorse destinate al caro energia per famiglie ed imprese ammontano a 21 miliardi€ ma avranno un limite temporale di 3 mesi, con scadenza quindi al 31 marzo 2023.

Per imprese e famiglie è mantenuta l'eliminazione degli oneri impropri delle bollette.

Inoltre per le imprese (bar, ristoranti, esercizi commerciali) fino al 31 marzo 2023, il credito di imposta passa dal 30% al 35%. Per le imprese energivore ed gasivore dal 40% al 45%.
Per la sanità e gli enti locali (trasporto pubblico locale compreso) lo stanziamento è di 3,1 miliardi€.

Pacchetto famiglia

Per le famiglie fragili il bonus sociale bollette può essere beneficiato passando la soglia ISEE da 12mila€ a 15milia€.

Misure contro l'inflazione
Riduzione dell'Iva per alcuni prodotti Infanzia e igiene intima femminile) dal 10% al 5%.
E' prevista la "carta risparmio spesa" per cittadini con reddito non superiore a 15mila€, gestita dai comuni e destinata agli acquisti di prima necessità presso punti di vendita che aderiranno all'iniziativa.
Assegno unico per le famiglie sarà aumentato del 50% per il primo anno, e di un ulteriore 50% per le famiglie con 3 o più figli. Confermato l'assegno per i disabili.

Premi di produttività
Fino a 3mila€ l'aliquota IRPEF è fissata al 5%

Agevolazioni per l'acquisto della prima casa e per le assunzioni a tempo.
In sintesi le agevolazioni per l'acquisto della prima casa ai giovani under 36 anni e per le assunzioni a tempo indeterminato una soglia di 6mila€ per contributi (trasformazione contratto di lavoro a tempo determinato in contratto a tempo indeterminato, donne under 36 e beneficiari del reddito di cittadinanza)

Scuola, pensioni, reddito di cittadinanza
Contributi per le scuole paritarie. Anticipo pensionistico per il 2023 c.d. "Quota 103", ovvero età 62 anni contributi 41 anni. Opzione donna: in pensione a 58 anni con 2 figli o più, 59 ani con figlio, 60 anni negli altri casi. Confermata l'APE sociale per i lavori usuranti.
Dal 1 gennaio 2023, ai cittadini con età compresa tra i 18 e 59 anni, abili al lavoro (ma senza disabili nel nucleo familiare) il reddito di cittadinanza è garantito per un massimo di 7/8 mesi, non rinnovabile. Obbligo di partecipazione a corsi di formazione e riqualificazione professionale per almeno 6 mesi, altrimenti si decade dal beneficio, così pure se si rifiuta la prima richiesta di lavoro se congrua.

Misure fiscali e uso contante
Flat Tax incrementale per i lavoratori al 15%, con una franchigia del 5% e un limite di 40.000€. Innalzamento della soglia di ricavi e compensi di ingresso e permanenza del regime forfettario da 60mila€ a 85mila€.
Uso del contante: innalzamento della quota da mille€ a 5mila€.

Legge di Bilancio 2023: le novità della “manovrina” di Giorgia Meloni

Chi è online

 174 visitatori e 1 utente online