Lun08032020

Last update05:36:57

Back Magazine Magazine Economia ed Esteri Albergatori trentini fermamente contrari all’imposta di soggiorno

Albergatori trentini fermamente contrari all’imposta di soggiorno

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Lorenzo Dellai l'illusionistaTrento, 8 ottobre 2012. - di Walter Filagrana *

La conferenza stampa congiunta di ASAT e UNAT: "Occorre percorrere altre strade per non gravare imprese e turisti di un'ulteriore tassa" Prima si predisponga un progetto di razionalizzazione e riorganizzazione del sistema promozionale e poi se ne discutano le modalità di finanziamento. Gli albergatori trentini di ASAT, Associazione Albergatori ed UNAT, Unione Albergatori respingono con fermezza l'ipotesi di introdurre un'imposta di soggiorno a carico dei turisti trentini.

"Abbiamo appreso – dice il presidente UNAT Giovanni Bort – da un documento di Trentino School of Management l'intenzione delle APT di richiedere l'introduzione di un'imposta di soggiorno in Trentino per finanziare le aziende di promozione. La cosa ci ha lasciati sorpresi: all'analisi sull'opportunità di questa richiesta potevano anche invitare la categoria degli albergatori e sentire che cosa avevamo da dire. Ad ogni modo, abbiamo manifestato stupore e ferma contrarietà. Anche se ci dicono che sarà di là da venire, il 2014 non è così lontano ed il provvedimento è stato comunque inserito nella prossima manovra finanziaria provinciale".

"Occorre percorrere altre strade – spiega Bort – perché non possiamo farci carico dell'imposizione di nuove tasse verso chissisia. C'è ampio margine per riflettere di riduzione dei costi, nuove forme di compartecipazione volontaria, o altro. Ciò su cui non possiamo transigere è l'inasprimento del carico fiscale, già a livelli altissimi sia per la nostra provincia che per l'Italia. Al di là dell'entità dell'imposta, è il principio che non va bene e non accettiamo".

"Tanto più – prosegue Bort – che la riforma delle Apt era nata anche per allargare la platea dei finanziatori e consentire loro di avere voce in capitolo sull'attività promozionale. Introducendo la tassa, sviliremmo anche quel tipo di impostazione. Dialogo e confronto tra privati ed Apt verrebbero a cessare".

"Vorrei partire – ha detto Luca Libardi, presidente ASAT – da un'analisi della strutturazione dell'apparato d'accoglienza e promozionale trentino, non dal fondo, ovvero dai sistemi di finanziamento. Le Apt e l'organizzazione di Trentino Marketing è stata pensata dieci anni fa; probabilmente ha bisogno di alcune sistemazioni. Nella proposta dei presidente delle Apt abbiamo visto affrontare molto velocemente il problema della riorganizzazione per dedicarsi più puntualmente sui sistemi di finanziamento. Non è un buon metodo di lavoro".

"Non c'è spazio – ha proseguito Libardi - per una ulteriore tassazione ma casomai per una spending review. Sui 45 milioni di euro di dotazione al sistema promozionale, c'è sicuramente la possibilità di fare economie di scala e riorganizzazione, com'è naturale in fasi di difficoltà".

"C'è un'altra questione importante: oggi il Trentino turistico, come sistema, ha dato una risposta abbastanza efficace in un momento difficile, in cui altri settori sono particolarmente in crisi. Ogni intervento di appesantimento su questo settore - che riesce ad essere anti ciclico rispetto ad altri - può essere una attività molto pericolosa: se va in crisi anche il turismo non so quali ripercussioni possa avere sull'intero indotto che vi gravita. Il turismo, infatti, è un'offerta di sistema che vede coinvolti molti attori, molti lavoratori e molte imprese. Ci auguriamo – ha concluso Libardi – che vi sia lo spazio di dialogo con il governo provinciale per ribadire le nostre motivazioni".

 

 

* Ufficio Stampa e Comunicazione Telefono 0461-880310 | Cellulare 348-8565455 | Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.    www.unione.tn.it | www.twitter.com/confcommerciotn

Albergatori trentini fermamente contrari all’imposta di soggiorno

Chi è online

 386 visitatori online