L' Europa e il tabacco, proteste a Bruxelles

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Protesta a BruxellesBruxelles, 22 gennaio 2013. - di Paolo Borchia *

Direttiva tabacco, la protesta degli addetti ai lavori arriva a Bruxelles. Fontana: "Solidarietà ai manifestanti, la salute sia tutelata assieme alle produzioni. Se passa l'attuale versione della direttiva, alto rischio di aumento del contrabbando". A margine dell'imponente manifestazione di protesta che ha visto protagonisti a Bruxelles circa quattromila tabaccai provenienti da tutta Europa, in aperto dissenso con la bozza della direttiva europea sui prodotti del tabacco, interviene, a riguardo, il capodelegazione della Lega Nord all'Europarlamento, l'on. Lorenzo Fontana: "Innanzitutto, va evidenziato che le trattative per la revisione della direttiva in questione sono ancora in fase embrionale, per cui c'è tutto il tempo per giungere a soluzioni sensate.

Senza cadere in facili allarmismi - spiega Fontana -, dovremmo evitare di ignorare il segnale arrivato dalla manifestazione di oggi; credo che il percorso più logico da seguire debba necessariamente tenere conto sia dell'importanza della tutela della salute dei consumatori, sia delle esigenze di una delle realtà produttive più rilevanti nel Veneto e in Italia".

L'europarlamentare del Carroccio illustra, nel concreto, alcune tra le novità che alimentano i timori degli addetti ai lavori: "Innanzitutto, la proposta di direttiva prevede una standardizzazione delle dimensioni delle confezioni, che dovranno contenere almeno venti sigarette; inoltre, gli Stati Membri dell'UE potranno addirittura optare per un confezionamento generico, eliminando i marchi ed altri elementi di personalizzazione. Inoltre - prosegue Fontana - la Commissione Europea vorrebbe eliminare gli ingredienti caratterizzanti, come il mentolo, nelle sigarette e nel trinciato".

"A questo punto - conclude l'On. Fontana - ritengo lecito porsi delle domande; tutti questi elementi restrittivi saranno veramente in grado di apportare concreti benefici alla salute dei consumatori o, al contrario, rappresenteranno soltanto l'ennesimo paletto posto dall'euroburocrazia al comparto? Per molti elementi contenuti nella versione attuale della bozza, è fin troppo facile prevedere un aumento del contrabbando e della contraffazione. Vale la pena riflettere, e seriamente: soltanto in Italia, la filiera impiega oltre duecentomila addetti, suddivisi tra tabacchicoltura, distribuzione e rivendita".

 

Contatti:

* Paolo Borchia Office of Mr. Lorenzo Fontana MEP Vice-president of the Committee on Culture EFD Group - Head of Lega Nord Delegation 60, Rue Wiertz / ASP 07H263 - 1047 Bruxelles Tel. +32 (0) 228 37737 - Fax +32 (0) 228 49737   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

L' Europa e il tabacco, proteste a Bruxelles