Lun08032020

Last update05:36:57

Back Magazine Magazine Economia ed Esteri Il 'risveglio' dell'assessore Ugo Rossi

Il 'risveglio' dell'assessore Ugo Rossi

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Ugo RossiTrento, 2 marzo 2013. - di Walter Alotti *

Rilancio di edilizia e lavoro: il risveglio dal "lungo sonno" dell'Assessore all'Edilizia Pubblica Ugo Rossi. Terminata la campagna elettorale nazionale ed in procinto di candidarsi a prossimo Presidente della PAT, l'Assessore all'Edilizia Pubblica Ugo Rossi lancia l'allarme alla Giunta, di cui fa parte, col messaggio di "spostare tutte le risorse possibili su lavoro ed edilizia", arrivando finanche a proporre il ridimensionamento della realizzazione delle "celle ipogee della Tassullo" della sua amata Val di Non e la rimodulazione dei progetti in cantiere di Trento Rise.

Messaggio certo condivisibile, ma perlomeno sorprendente da parte di Rossi, dopo tutto il parlare e l'operare di tutti i soggetti coinvolti e colpiti dalla "grande crisi", edilizia in particolare. Fra le altre competenze, egli ha infatti anche quella delle politiche abitative sociali e pubbliche della provincia.

Certo la deludente Riforma ITEA della Dalmaso, con tutte le periodiche modifiche apportate dal 2005 ad oggi, non lo ha aiutato, costringendolo a lavorare più come legislatore che uomo di governo, ma tanti, troppi, sono gli annunci, suoi o di ITEA spa, in ultimo quello sulla ristrutturazione delle "Torri di Man", a cui non sono seguiti i fatti concreti.

Dove sono e quanti sono gli alloggi a canone sociale realizzati dei 3000 previsti dal Piano Straordinario di edilizia pubblica del 2007? E quando decollerà, con l'apertura dei cantieri, il progetto di Housing Sociale pubblico/privato per la costruzione delle 3000 abitazioni a cosiddetto canone moderato per i giovani e le famiglie, ancora fermo all'aggiudicazione da parte di Pensplan Invest nei giorni scorsi del Fondo che dovrà gestirlo?? E perché, invece di prospettare una complessa ristrutturazione miliardaria, come quella recente delle Torri di Man, non si rifinanzia la manutenzione straordinaria e la ristrutturazione dei tanti alloggi ITEA, vuoti, sfitti, perche in attesa di risanamento da "amianto", o in attesa di intervento di manutenzione ordinaria programmata, legata quindi a stanziamenti finanziari ordinari troppo dilazionati nel tempo?

E l'edilizia agevolata?? Possibile che sia letteralmente scomparsa dalle Leggi Finanziarie 2012 e 2013, tarpando le ali a tante iniziative abitative mutualistiche storicamente radicate proprio sul nostro territorio? Come si può facilmente comprendere, anche a livello locale, con una politica meno miope ed il semplice ascolto delle parti sociali, sarebbe possibile assumere provvedimenti e finanziare progetti magari meno fascinosi, ma più concreti, con maggiori ricadute economiche locali capaci di mantenere sufficientemente attiva, viva, pure l'industria delle costruzioni e con essa dinamico, sostenibile e forte lo sviluppo economico e sociale del Trentino.

 

* Segretario generale della Uil del Trentino

Il 'risveglio' dell'assessore Ugo Rossi

Chi è online

 222 visitatori online