Gio08132020

Last update09:32:37

Back Magazine Magazine Economia ed Esteri Dalla Socof alla Tuc, la lunga strada della tassazione della casa

Dalla Socof alla Tuc, la lunga strada della tassazione della casa

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Letta & SaccomanniTrento, 30 novembre 2013. – di Claudio Taverna

La lunga storia della tassazione della casa affonda le sue radici nella socof, sovrinposta comunale sui fabbricati. Essa nacque nel 1983, per esigenze di bilancio dello Stato che non potendo trasferire fondi ai comuni, inventò una vera e propria patrimoniale a favore degli stessi. Restò in vigore per un solo anno e venne abbandonata, provocando un enorme contenzioso: quasi 80.000 ricorsi presentati alle commissioni tributarie. Qualcuno al ministero delle finanze fece quattro calcoli e si accorse che il gettito dell'imposta sarebbe stato inferiore ai soldi che lo Stato avrebbe dovuto spendere per retribuire i giudici tributari, i cui compensi sono determinati in ragione del numero delle sentenze pronunciate.

La tassazione sulla casa (in generale su tutti gli immobili) riemerse nel 1992, con il governo Amato (quello della rapina sui conti correnti, giustificata necessaria per entrare in Europa) che inventò l'ICI (l'imposta comunale sugli immobili) L'ICI operò con alterne fortune (Berlusconi ne promise l'abrogazione per la prima casa nella campagna elettorale del 2006, ma perse seppur di poco le elezioni; poi, Prodi introdusse, nella finanziaria 2008, un sistema di detrazioni che di fatto cancellò l'imposta sulla prima casa). Dopo la vittoria di Berlusconi del 2008, l'ICI sulla prima casa venne definitivamente e formalmente abolita e sostituita nel 2011 dall'IMU che avrebbe dovuto tassare, a favore dei comuni, tutti gli immobili ad eccezione della prima casa. Poi arrivò Monti che la estese anche a questa. Infine arrivarono, nella scorsa primavera Letta & Saccomanno che, con artefici dialettici, promisero la soppressione della prima e seconda rata IMU: una promessa taroccata almeno per milioni di cittadini (un migliaio e forse più i comuni che nel frattempo avevano alzato l'aliquota dello 0,1%, per cui per coprire il bilancio degli stessi, a carico dello Stato e dei cittadini resterebbe lo 0,05%).

L'IMU doveva essere sostituita dalla Trise, che accorpa l'IMU (tassazione sugli immobili) e Tares (tassa sui rifiuti e servizi comunali), ma non sarà così: è spuntata, dopo la legge di stabilità (approvata dal senato, ora è alla camera dei deputati) la TUC (tassa unica comunale). Cambiano le sigle, ma la sostanza è sempre quella: la casa sarà tassata ancor più di prima, in un quadro sempre più confuso e intricato. Risultato, in questa confusione sarà più difficile difendersi in sede giurisdizionale. Anche questo, un risultato pesantemente avverso al buon diritto del cittadino.

Dalla Socof alla Tuc, la lunga strada della tassazione della casa

Chi è online

 114 visitatori online