Gio11142019

Last update04:15:26

Back Magazine Magazine Eventi «Il cammino delle terre comuni», 1° Convegno Nazionale sui Domini Collettivi

«Il cammino delle terre comuni», 1° Convegno Nazionale sui Domini Collettivi

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Trento, 5 giugno 2019. - Redazione

Sabato 8 giugno p.v. si svolgerà nella sala consiliare del Comune di Tarquinia, organizzato dalla Società Tarquiniense d'Arte e Storia, il 1° Convegno Nazionale sui Domini Collettivi "Il cammino delle terre comuni".

All'evento sarà presentato il progetto pilota del fungo saprofita per il recupero di un terreno devastato dalla Vaia. E' la realizzazione del progetto iniziato nel 2014 con il patrocinio di Milano Expo 2015 Università, mirato alla tutela delle fragilità ambientali in cui il fungo era la "sentinella".

Segue presentazione e programma

Con la legge n. 168 del 20 novembre 2017 è stata istituita la figura giuridica dei Domini collettivi con la quale viene finalmente riconosciuta dalla Costituzione italiana, accanto alla proprietà pubblica e privata, la proprietà collettiva quale patrimonio identitario delle comunità locali che su di essa hanno costruito nei secoli la loro storia.

La Legge n. 168 rappresenta un momento epocale nella storia italiana perché pone fine ad uno scontro secolare tra due diverse modalità, egualmente legittime, di relazione ed appropriazione tra l'uomo e le cose: la proprietà privata e la proprietà collettiva.

A partire dalla rivoluzione francese queste due forme di possedere il mondo sensibile sono state le protagoniste di uno scontro ideologico che ha investito l'intera Europa segnando progressivamente, in un contesto culturale profondamente individualistico, la imposizione del modello di proprietà privata a discapito di quella collettiva, vittima di una vera e propria persecuzione legislativa culminata nelle leggi liquidatorie dei secoli XIX e XX.

Dopo secoli di persecuzioni, con la recente Legge n. 168 è stato riconosciuto il valore sociale, culturale ed economico della proprietà collettive in quanto patrimonio riconosciuto e protetto dalla Costituzione italiana.

Il proposito del presente convegno è di ricostruire - attraverso una prospettiva interdisciplinare - il lungo e avvincente cammino degli assetti fondiari collettivi (le terre comuni) a partire dalle politiche individualistiche della modernità sino alla rivoluzione culturale aperta dalla Legge sui domini collettivi. Su questo sentiero cronologico e tematico ideale la giornata di studi si apre alla riflessione di Storici, Giuristi, Avvocati, Economisti, Filosofi, Sociologi e cultori della materia operanti nelle sedi accademiche o presso gli enti collettivi (Università agrarie, partecipanze, regole, associazioni agrarie).

A solo scopo esemplificativo, costituiscono tematiche di rilevante interesse scientifico:

• Vicende storico-giuridiche legate ai domini collettivi e agli usi civici

• Riflessioni concernenti le categorie della proprietà collettiva, usi civici e beni comuni

• La consuetudine come fonte storica costituiva dei domini collettivi

• I domini collettivi come ordinamento giuridico primario delle comunità originarie

• I domini collettivi come elementi fondamentali per lo sviluppo delle collettività locali

• I domini collettivi come strumenti per la tutela del patrimonio ambientale nazionale

• I domini collettivi come basi territoriali di istituzioni storiche di salvaguardia del patrimonio culturale e naturale

• Il secolare dibattito dottrinale e giurisprudenziale sulla proprietà collettiva

• Gli enti esponenziali delle collettività titolari del diritto d'uso civico e della proprietà collettiva

COMITATO SCIENTIFICO Javier Belda Iniesta (Universidad Católica de Murcia), Alessandro Dani (Università di Roma Tor Vergata), Tiziana Ferreri (Università degli Studi di Siena), Marco Paolo Geri (Università degli Studi di Pisa), Antonella Illuminati (Avvocato), Maria Athena Lorizio (Avvocato), Fabrizio Marinelli (Università degli Studi dell'Aquila), Daniele Natili (Università di Roma Tor Vergata), Pietro Nervi (Università di Trento), Sandro Notari (Università degli Studi di Roma Tre), Francesco Nuvoli (Università degli Studi di Sassari), Antonio Perinelli (Giudice - Commissario Usi civici Lazio, Umbria e Toscana), Raffaele Volante (Università degli Studi di Padova).

PROGRAMMA DEL CONVEGNO

Ore 09.00 -REGISTRAZIONE DEI PARTECIPANTI- Sede: Sala Sacchetti di Palazzo dei Priori

ORE 9.30 -SALUTI ISTITUZIONALI- Alessandra Sileoni - Presidente S.T.A.S. Simone Rosati - Università Cattolica di Murcia (Spagna), Segretario S.T.A.S.

ORE 10.00 – 13.00 -SESSIONE PLENARIA- Presiede: Tiziana Ferreri - Università degli Studi di Siena

Fabrizio Marinelli - Università degli Studi dell'Aquila Il paradigma della proprietà collettiva. Ambiente e solidarietà da San Francesco a Papa Francesco

Alessandro Dani - Università di Roma Tor Vergata Beni comuni: una storia da riscoprire

Marco Paolo Geri - Università degli studi di Pisa Le terre comuni in Toscana: storia ed evoluzione

Christian Zendri - Università degli Studi di Trento Ordinamento consuetudine patrimonio. Appunti di storia dei domini collettivi

11.30 - 12.00 -COFFEE BREAK-

Vittorio Tigrino - Università degli Studi del Piemonte Orientale L'indagine di Giacomo Carretto e gli usi civici tra Piemonte e Liguria all'inizio del Novecento
Paolo Passaniti - Università degli Studi di Siena Domini collettivi e tutela del paesaggio
Stefano Barbacetto Institut für Römisches Recht und Rechtsgeschichte Leopold-Franzens-Universität Innsbruck, Austria Beni d'uso comune, partecipanze, regole e diritti di pascolo nei Consilia di Paolo di Castro (1360/62-1441)
Daniele Natili - Università di Roma Tor Vergata Gli usi civici prima di Pothier e i domini collettivi. Linee di una vicenda dottrinaria dall'inizio alla fine della parabola liquidatoria

ORE 13.30 - 14.30 PAUSA PRANZO

ORE 14.30 - 18.30 SECONDA SESSIONE PARALLELA Sede: Sala Sacchetti di Palazzo dei Priori Presiede: Daniele Natili - Università di Roma Tor Vergata

Anna Maria Stagno - Università degli Studi di Genova I domini collettivi e l'intrinseca dimensione sociale del paesaggio: una prospettiva archeologica

Marco Cozza - Avvocato del Foro di Chieti I domini collettivi nell'Abruzzo basso-medioevale: il caso di una lite del XIII secolo

Nicola Capone - Università degli Studi di Salerno Gli usi civici tra tradizione e innovazione. Da fonti del diritto a principio di comunità

Mario Mazzatosta - Presidente Università agraria di Colle lungo Sabino Gli usi civici sul fiume Farfa attestati in un documento dell'archivio storico del Comune di Frasso Sabino

Fernando De Angelis - Università degli Studi della Tuscia di Viterbo Arti e corporazioni in Corneto: aspetti della organizzazione economica e della amministrazione dei beni. Il caso attuale della Università Agraria di Civitavecchia

Diego Alessandri - Avvocato del Foro di Grosseto Usi civici e strade vicinali nel territorio di Poggi del Sasso: una proposta per riscoprire nei 'diritti di uso' uno strumento di sviluppo per la collettività locale e per la tutela del patrimonio ambientale

ORE 16.30 - 16.45 PAUSA

Gioacchino Giammaria - Istituto di Storia e di Arte del Lazio Meridionale Un conflitto fra ex signoria colonnese e Comune di Patrica per l'antico beneficium feudale

Eugenio Caliceti - Università degli Studi di Trento I domini collettivi come ordinamenti storici: annotazioni critiche

Emanuele Pinna Massa - Università degli Studi di Torino La normativa di regolamentazione delle terre comuni della Sardegna dal Medioevo all'Unità d'Italia

Fiore Fontarosa - Università degli Studi del Molise Il principio autonomistico nei domini collettivi: una prospettiva comparatistica

Stefano Deliperi - Gruppo d'Intervento Giuridico Onlus I demani civici in Sardegna, un grande patrimonio da difendere

Claudia Federico - Avvocato del Foro di Roma e del Foro di Madrid Dall'erosione dei beni civici, tra vendite illegittime, legislativamente ammesse e sclassificazioni, alla piena valo- rizzazione della proprietà collettiva attraverso il tenace intervento della Corte costituzionale ed il riconoscimen- to legislativo disposto dalla legge 168/2017

ORE 14.30 - 18.30 TERZA SESSIONE PARALLELA Sede: Sala Consiliare del Comune di Tarquinia Presiede: Marco Paolo Geri - Università degli studi di Pisa

Davide Olori - Alma Mater Studiorum; Gabriele Ivo Moscaritolo - Università degli Studi di Napoli - Dalla memoria al futuro: verso il riconoscimento del lavoro ecologico nelle comunanze montane

Francesco Saverio Oliverio - Università della Calabria Una governance self-oriented per le risorse comuni

Antonio Perinelli - Giudice-Commissario usi civici Lazio, Umbria e Toscana Una nuova forma di proprietà: I domini collettivi. Prime riflessioni sulla legge 168 del 2017

Giulia Dimitrio - Università degli Studi di Viterbo Il "cammino" verso i beni comuni. Un nuovo modo di possedere

Umberto Imperi - Segretario Generale dei comuni di Sant'Angelo Romano, Scandriglia e Orvinio Variante speciale per il recupero urbanistico dei nuclei abusivi e compatibilità con la presenza di domini collettivi e usi civici

Alessandro Alebardi - Perito Demaniale della Regione Lazio Una nuova legge nazionale per la tutela degli usi civici in sede di programmazione urbanistica

Giandomenico Alberati - Dottore Agronomo Manziana Sintetica riflessione sull'operatività di un CTU nell'ambito del Commissariato Usi Civici

16.30 – 16.45 PAUSA

Athena Lorizio - Segretario generale Associazione per la tutela delle proprietà collettive e dei diritti di uso civico Dalle comunità originarie di abitanti agli enti gestori della l. 168/2017 sui domini collettivi – vecchi e nuovi conflitti: casi giurisprudenziali

Marcello Marian - Presidente Consulta nazionale sui domini collettivi La nuova Legge 168/2017 e il futuro delle Università agrarie laziali

Patrizio Zucca - Presidente dell'Ordine dei Dott. Agronomi e Forestali di Roma e del Lazio Valorizzazione economica delle risorse agro-silvo-pastorali di dominio collettivo. Opportunità e limiti gestionali alla luce della L.168/2017

Natale Vescio - Università degli Studi del Salento Storiografia economico-giuridica e riforme sociali. Rileggendo Feudi e Demani di Romualdo Trifone

Robert Brugger - ASUC Rover Carbonare Proprietà collettiva Rover Carbonare. Verso una nuova autonomia
Antonella Illuminati - Avvocato del Foro di Roma Profili di danno ambientale in caso di occupazione dei domini collettivi

ORE 18.45 CHIUSURA DEI LAVORI

Sede: Sala Consiliare del Comune di Tarquinia Presiede: Simone Rosati - Università Cattolica di Murcia
Il Cammino delle terre comuni: Video presentazione del progetto "il cammino delle terre comuni" a cura di Alessio Telloni - Presidente Università agraria Manziana

APERITIVO DI CHIUSURA DEL CONVEGNO

Organizzato da:

SOCIETÀ TARQUINIENSE D'ARTE E STORIA

Direttore responsabile:
SIMONE ROSATI

Segreteria generale:

ALESSANDRA SILEONI

Segretari aggiunti:

FABIO CASTELLI
GIUSEPPE GIACCHETTI

«Il cammino delle terre comuni», 1° Convegno Nazionale sui Domini Collettivi

Chi è online

 236 visitatori online