Ven12092022

Last update06:21:03

Back Magazine Magazine Eventi Martino Martini alle origini dell’incontro culturale tra Europa e Cina

Martino Martini alle origini dell’incontro culturale tra Europa e Cina

  • PDF
Valutazione attuale: / 50
ScarsoOttimo 

L'Opera Omnia di Martino Martini verrà presentata al Papa e al Presidente della Repubblica il 26 ottobre 2022 a Roma

Trento, 21 settembre 2022. - di Flavio Bertolini

Presso il Centro Vigilianum si è svolto il 20 settembre 2022 il convegno "Alle origini dell'incontro culturale tra Europa e Cina", organizzato dal Centro Studi Martino Martini proprio in occasione del suo compleanno, 20 settembre (Trento, 20 settembre 1614 – Hangzhou, 6 giugno 1661) All'incontro hanno preso parte i rappresentanti dei quattro centri studi italiani dei gesuiti della prima evangelizzazione in Cina sviluppatesi a partire dal finire del XVI° secolo: Matteo Ricci, Prospero Intorcetta, Giulio Aleni e Martino Martini appunto.

Ha moderato i lavori il prof. Riccardo Scartezzini, che ha iniziato la sua relazione ripercorrendo le tappe principali della storia di Martino Martini, sottolineando l'importanza delle opere principali, e di come il gesuita trentino fosse un "uomo del Rinascimento" grazie alla sua formazione presso il Collegio Romano. Questa sua preparazione scientifica polivalente, gli ha permesso di sviluppare un modo nuovo di relazionarsi con il mondo cinese e di trovare ascolto e considerazione alle corti imperiali.

Grazie alla sua opera, Martino Martini è inserito nei dieci "giganti" gesuiti sepolti in Cina, e questo testimonia l'importanza che viene data dal mondo cinese ai primi testimoni della fede cattolica operanti in Cina. Il Centro Studi Martino Martini ha completato l'anno scorso un lavoro ventennale di ricerca e traduzione, giungendo alla pubblicazione dell'Opera Omnia del gesuita trentino. Un impegno che continua visto il ritrovamento di altre sue lettere in Portogallo e in Belgio. Nel 2023 verrà pubblicata anche una prima parte dell'Opera Omnia tradotta in cinese.

Il prof. Aldo Caterino ha fornito un quadro storico dettagliato sulla vicenda storica in cui hanno operato la loro evangelizzazione i primi gesuiti che sono emigrati in Cina, precisando alcuni episodi importanti che hanno caratterizzato l'opera di Martino Martini.

Il vescovo emerito mons. Luigi Bressan, autore di varie pubblicazioni su Martino Martini, ha ricordato alcuni episodi della sua lunga esperienza di nunzio apostolico in Asia, e di come nel 1973 fece incontrare l'allora professore di Sociologia Franco Demarchi con l'ambasciatore italiano Giuliano Bertuccioli. Fu quello l'inizio di una grande epopea di studi, relazioni e viaggi del professore trentino e il mondo cinese. Mons.Luigi Bressan ha svolto il suo intervento mostrando varie testimonianze dell'iconografia dedicata a Martino Martini, ricordando come il corpo del gesuita fosse stato esposto fino agli inizi del XIX secolo nella città di Hangzhou dove è sepolto. Il suo ritratto forse più famoso, di Michelina Wontier, del 1654, è custodito nella Klesh Collection presso la Weiss Gallery di Londra.

E' stato acquistato ad un asta per 400.000 sterline. Grazie al suo impegno in Vaticano, nei giorni 26-27 2 28 ottobre 2022, l'Opera Omnia verrà presentata al Collegio Gesuita romano, al Sommo Pontefice, gesuita, al Presidenza della Repubblica, all'ambasciata cinese, in un trittico davvero esaltante in cui si celebrerà il grande gesuita trentino.

I lavori sono continuati con le relazioni dei tre centri studi italiani dedicati all'opera di altrettanti gesuiti. Il prof. Giuseppe Portogallo, della Fondazione Intorcetta, ha ricordato come i due gesuiti nel 1657-58 fecero un viaggio insieme ripercorrendo gli episodi più significativi del loro sodalizio missionario. Ha inoltre esposto la sua attività ad Hangzhou, e il suo progetto di costruire un museo permanente dedicato ai gesuiti, con testimonianze di vario genere, vicino al cimitero di Hangzhou, dove sono sepolti.

Per il Centro Aleni di Brescia, dedicato all'opera di Giulio Aleni, la prof.ssa Huinzhong Lu, ha esposto alcune peculiarità della vita di Martino Martini negli anni della sua permanenza ad Hangzhou, a partire dal 1642, e delle vicende durante la guerra civile che portò alla fine della dinastia Ming. Giulio Aleni è stato quasi un mentore per Martino Martini, vista anche la differenza d'età. Quando Martino Martini arrivò in Cina a Macao, lui aveva 30 anni, mentre Giulio Aleni sessanta, e già si trovava ad evangelizzare da molto in Asia. Alla nuova dinastia subito dopo la guerra civile nel 1646, Martino Martini promise fedeltà, e questo gli permise di continuare la sua missione ad Hangzhou.

Per il centro studi dedicato a Matteo Ricci, di Macerata, ha parlato padre Giovanni Sun.

Matteo Ricci è stato il capostipite dell'evangelizzazione gesuita in Cina. L'attività del centro studi a Macerata ha portato alla pubblicazione di oltre 60 libri, molti convegni, e soprattutto segue la linea del dialogo con le università cinesi e con i cattolici cinesi, per creare una piattaforma di studi proprio nella terra asiatica. Matteo Ricci è molto conosciuto in Cina, e ha molti estimatori anche nel mondo accademico. C'è inoltre un gruppo che sta promuovendo la beatificazione di Matteo Ricci. Padre Sun, che oltre ad essere uno studioso venuto dalla Cina, è un appassionato sostenitore del grande gesuita marchigiano, si sta battendo inoltre per costruire una statua a sua memoria proprio a Macerata.

L'obiettivo dell'incontro tra i quattro centri studi era quello di trovare delle linee comuni di programmazione di un'attività che unisse l'opera di questi grandi gesuiti. Per questo nella seconda parte dell'incontro si è definita una bozza di programma a partire dal contributo di tutti gli studiosi intervenuti. L'auspicio è quello di fare in modo di creare un collegamento
accademico, ma non solo, anche culturale, che possa portare avanti iniziative che facciano conoscere meglio l'opera dei gesuiti della prima epoca e la valorizzino come patrimonio di conoscenza e di esperienza.

(da sinistra Riccardo Scartezzini, Maurizio Marchese e S.E. Monsignor Luigi Bressan)

Martino Martini alle origini dell’incontro culturale tra Europa e Cina

Chi è online

 279 visitatori online