Gio01212021

Last update01:29:24

Back Magazine Magazine Salute e Medicina Veneto: Emergenza amianto

Veneto: Emergenza amianto

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Rimozioni di tetti in amiantoTrento, 21 aprile 2012. - "Sono seimila i lavoratori Veneti esposti all'amianto, un numero davvero considerevole che non può che suscitare clamore e molta preoccupazione. E' compito dell'UE verificare l'applicazione della Direttiva 2009/148/CE sulla protezione dei lavoratori contro i rischi dell'esposizione all'amianto ed intervenire a tutela di tutti quei cittadini che, loro malgrado, si trovano a vivere nelle zone limitrofe di questi cantieri ad alto rischio".

Queste la denuncia dell'europarlamentare della Lega Nord, Mara Bizzotto, che, sulla scorta dei dati forniti dalla IAES (International Academy of Environmental Sciences) ha presentato un'interrogazione alla Commissione per chiedere all'Europa di creare un fondo ad hoc per le vittime dell'inquinamento ambientale.

"In Veneto, dal 2000 al 2011 sono state effettuate 7.347 visite specialistiche che hanno evidenziato 55 casi di asbestosi, 33 di tumori al polmone, 44 di mesoteliomi e 680 di placche pleuriche – aggiunge l'on. Bizzotto - La direttiva 2009/148/CE e la legislazione ad oggi in essere in Italia, compresa quella che ha costituito il "Fondo vittime amianto", tutelano i lavoratori colpiti da patologie insorte per aver lavorato e respirato questa fibra-assina, ma non menzionano tutti quei cittadini che si trovano costretti a vivere vicino ad aziende o cantieri che lavorano allo smaltimento dell'amianto, e che rischiano di essere contaminati per il semplice fatto di respirare all'aria aperta".

"E' ormai sotto gli occhi di tutti come la Direttiva europea sulla protezione dei lavoratori esposti all'amianto non sia sufficiente – conclude l'on. Mara Bizzotto - Occorre fare meglio e fare di più, a cominciare dai controlli e dalle verifiche sull'applicazione della stessa Direttiva. E' poi doveroso pensare anche alla tutela degli abitanti delle zone limitrofe ai siti industriali che trattavano o trattano la lavorazione dell'amianto: per questi casi, che sono sempre più numerosi, è necessario stanziare dei fondi comunitari che servano a sostenere la messa in sicurezza dei siti contaminati e a garantire la tutela e la prevenzione della salute dei cittadini".

Veneto: Emergenza amianto

Chi è online

 195 visitatori online