Mer01272021

Last update03:55:55

Back Magazine Magazine Salute e Medicina Per i nostri politici emergenza è proibire il seno rifatto alle minorenni.

Per i nostri politici emergenza è proibire il seno rifatto alle minorenni.

  • PDF
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 

protesi-al-seno-pipRoma, 22 Maggio 2012 - di Loris Modena

In clima di emergenza nazionale, che dovrebbe porre al centro del lavoro parlamentare lo sviluppo e la crescita per uscire dalla crisi - emergenza tanto grave da convincere i nostri litigiosi politici della necessità di sostenere un governo tecnico - cosa faranno i nostri Politici? Varano leggi idiote e stupide ovviamente!

Finalmente dopo lo speco di risorse e di ore di lavoro parlamentare, hanno varato una legge che vieta gli interventi estetici al seno per le minorenni.

Argomento evidentemente di emergenza nazionale, più impellente della revisione dei rimborsi elettorali o di altre tematiche. Importantissima ovviamente, una tale legge che di fatto aumenterà il turismo ospedaliero verso strutture e cliniche di altri paesi europei e non fermerà il fenomeno, ma probabilmente lo accentuerà.

La Spagna è già meta prediletta, per aggirare l'ostacolo della Legge 40 e ricorrere così alla procreazione assistita, qualche altro paese europeo diverrà meta prediletta per il Turismo del Bisturi. Il costo medio di un intervento di mastoplastica additiva, è di 6.000,00 Euro che ovviamente non è mutuabile, aggiungere a questa cifra il costo di un biglietto d'aereo non inciderà poi così tanto.

Oltre a perdere tempo con leggi simili che interessano pochi casi all'anno, i nostri politici come al solito si dimenticano che l'Italia non è certo la Cina e che ogni cittadino europeo può liberamente rivolgersi a cliniche, ospedali e strutture di altri paesi comunitari. E' un dato di fatto che quando sfornano leggi si dimenticano dell'Europa e credono di avere ancora confini e dogane.

E' da sottolineare che proprio la Cina ha proibito molti interventi di carattere estetico, per tentare di arginare una nuova e pericolosa moda, quella si sottoporsi a complicati interventi per aumentare la propria statura. Il divieto non ha fermato il fenomeno anzi lo ha reso più pericoloso perché clandestino e molto più ambito dalle teenagers con gli occhi a mandorla, disposte a tutto per assomigliare un po' di più alle coetanee occidentali e per assecondare l'illusione di sfondare nel mondo dello spettacolo.

Invece, di una simile e inutile legge se proprio volevano sprecare del tempo, potevano proibire in fascia protetta la presenza di siliconate di qualsiasi età e elogi alla chirurgia estetica di qualsiasi tipo. Certamente il palinsesto TV perderebbe moltissimi volti tra soubrettine e giornaliste che di naturale non hanno più praticamente nulla e solo intervenendo su mamma RAI. Inutile proibire e poi tempestare le teenagers italiane con trasmissioni come Amici, X-Fattor e Grande Fratello, che sponsorizzano il ricorso al bisturi. Non si può nemmeno seguire un Telegiornale senza vedere labbra e seni rifatti. Se si tempestano con i media i nostri giovani con questi modelli, il ricorso alla chirurgia estetica sarà ambito e se babbo non potrà spendere di più per mandarti in una clinica estera a sedici anni, appena compiuti 18 anni e un giorno al posto di ambire l'indipendenza di un autovettura si ambirà a un seno nuovo.

Certamente sarebbe molto meglio che i nostri politici, si occupino di temi che sono alla base dell'emergenza per la quale si è posta la necessità di un governo tecnico. E non credo che impedire l'aumento di seno alle minorenni, porti il nostro paese fuori dalla crisi economica o che abbassi di colpo il famoso Spread.

Loris Modena

Autore di "L'Ateo Scettico"

Per i nostri politici emergenza è proibire il seno rifatto alle minorenni.

Chi è online

 754 visitatori online