Mar01192021

Last update02:32:50

Back Magazine Magazine Salute e Medicina Le eccellenze del modello lombardo in Ematologia

Le eccellenze del modello lombardo in Ematologia

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Giuseppe RossiMilano, 5 marzo 2013. - a cura di Pro Format Comunicazione  *

La Rete Ematologica Lombarda, cui aderiscono oltre 107 strutture regionali impegnate nella cura delle malattie del sangue, è un modello di riferimento nazionale che permette ai pazienti di beneficiare dei migliori percorsi diagnostico-terapeutici e di accedere alle terapie più innovative. La qualità di vita, al centro del progetto All around Patients volto a far conoscere le iniziative delle strutture ospedaliere italiane d'eccellenza, è oggi parte integrante della terapia contro le malattie del sangue ed è perseguita anche attraverso la sperimentazione clinica di nuove molecole e di formulazioni terapeutiche innovative come la somministrazione sottocute di anticorpi monoclonali, meno invasive e in grado di diminuire l'impatto delle cure sul paziente.

Pubblicheremo una serie di interviste con alcuni clici di chiara fama. Oggi, incominciamo con l'intervista al dottor Giuseppe Rossi, Direttore Struttura Complessa di Ematologia e Dipartimento Oncologia Medica dell'Azienda Ospedaliera Spedali Civili - Brescia sul tema "La rivoluzione degli anticorpi monoclonali continua: dalle nuove formulazioni a farmaci sempre più mirati".

 

Che cosa ha significato nello scenario terapeutico dei linfomi l'avvento degli anticorpi monoclonali? Quali forme ne hanno beneficiato maggiormente?

L'arrivo degli anticorpi monoclonali, i più importanti fra i cosiddetti farmaci biologici, nei primi anni Novanta ha significato moltissimo, tanto da poter affermare che queste innovative molecole costruite con l'ingegneria genetica hanno rivoluzionato l'approccio terapeutico con cui fino a quel momento venivano trattati i linfomi.

L'anticorpo monoclonale più noto e più usato soprattutto nei linfomi non Hodgkin (LNH) originati dalla linea B cellulare è senz'altro rituximab, autorizzato al momento per somministrazione endovenosa, che ha la capacità di legarsi all'antigene CD20 presente sulla membrana di tutte le cellule B, normali e linfomatose, inducendo la morte cellulare di queste ma risparmiando le altre cellule proliferanti normali che sono invece danneggiate quando si usa la chemioterapia.

 

Oggi vengono studiate nuove molecole e nuove modalità di somministrazione per il trattamento del linfoma: ci può dare un quadro delle principali novità?

Sono in fase avanzata gli studi clinici su nuove modalità di somministrazione degli anticorpi monoclonali. In particolare si studia la possibilità di somministrare rituximab per via sottocutanea. I risultati iniziali indicano indubbi vantaggi: maggiore accettazione della terapia meno invasiva e più rapida, a fronte delle 5-6 ore di infusione endovenosa sono sufficienti dieci minuti, risparmio di tempo per il paziente, minore ospedalizzazione e costi ridotti per il Centro. Al tempo stesso proseguono gli studi su altri anticorpi monoclonali, quali il nuovo anticorpo anti-CD20 GA101, che si spera possa risultare ancora più efficace di rituximab, o brentuximab-vedotin, che si lega a un altro recettore di membrana, il CD30, e porta direttamente dentro la cellula tumorale la sostanza tossica. Al momento le indicazioni d'uso clinico sono limitate ai linfomi di Hodgkin e al linfoma anaplastico che non rispondono alle terapie standard (chemio e trapianto). In fase iniziale di sperimentazione sono le cosiddette "small molecules" (ibrutinib, CAL-101), piccole molecole somministrate per via orale che spengono il segnale intracellulare di attivazione di cui hanno bisogno i linfociti B per funzionare e che è costantemente "acceso" in alcuni linfomi.

 

Quali sono i benefici che queste novità potranno comportare per i pazienti?

Siamo prossimi ad una svolta importante: il passaggio dall'èra della chemioterapia che distrugge tutto a quella di farmaci altamente selettivi che oltre a risparmiare le cellule sane assicurano una migliore qualità di vita al paziente. Questo non significa che non useremo più la chemioterapia, ma che avremo maggiori opportunità terapeutiche sempre più mirate al difetto molecolare o genetico del singolo linfoma. Naturalmente così come è avvenuto per rituximab, anticorpo monoclonale del quale oggi conosciamo molto bene il funzionamento, l'efficacia e i possibili effetti indesiderati, dovranno trascorrere diversi anni per comprendere appieno le potenzialità e i possibili effetti collaterali dei farmaci in arrivo.

 

 

* Ufficio stampa Via Flavio Domiziano 10 00145 Roma, Italy Tel. +39 (0)6 5417093 Fax +39 (0)6 59601866 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.     www.proformatcomunicazione.it

Le eccellenze del modello lombardo in Ematologia

Chi è online

 271 visitatori online