Mer09302020

Last update08:41:57

Back Magazine Magazine Scienza e Natura

Scienza e Natura

Bruno Cell: una startup trentina alle frontiere dell’innovazione alimentare

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Conti CarneTrento, 3 agosto 2020. – di Camilla Martinelli*

La startup dell'Università di Trento, accompagnata da HIT, è tra le poche imprese al mondo ad occuparsi del tema della carne "cresciuta in laboratorio".

Una macchina piccola ma di immenso successo

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Transistor1Mr. Transistor, dalla radiolina portatile degli anni 50, al computer molecolare o quantistico

Trento, 28 maggio 2020. – di Luigi Cozzolino

Il transistor (risultato dei termini inglese, trans conductance varistor), è un dispositivo a semiconduttore largamente usato sia nell'elettronica analogica che nell'elettronica digitale.

I metodi per giungere alla conoscenza certa e per distinguere il vero: Galileo e Cartesio

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

GalileoTrento, 27 aprile 2020. - di Luigi Cozzolino

Nei 1543 ha inizio la Rivoluzione scientifica, in questo periodo si ha un radicale cambiamento del pensiero scientifico che si sostanzia in una vera e propria rivoluzione. Infatti, due principali esponenti cercano di trovare un metodo scientifico che dia risposte certe alle domande dell'uomo sui fenomeni naturali, i due protagonisti sono: Galileo Galilei, René Descartes (Cartesio).

L’ esperienza di Oesterd e l’unicità della forza elettromagnetica e quella elettrica

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Esperienza OerstedTrento, 24 marzo 2020. – di Luigi Cozzolino

Oersted Hans Christian, fisico danese, fu Consigliere di Stato, direttore del Politecnico di Copenaghen e membro dell'Accademia delle scienze di Parigi.

Millikan progetta una ingegnosa macchina per calcolare la carica…

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Millikan oil Droo ExperimentTrento, 10 marzo 2020. – di Luigi Cozzolino

L' immagine in figura n.1 rappresenta, in forma didattica, la macchina con la quale, per alcuni anni, Millikan fece i suoi esperimenti, per determinare in modo esatto la carica dell'elettrone, attraverso molte rilevazioni di misura di volume e differenza di potenziale elettrico applicata a goccioline di olio, di diverso volume, vaporizzate all'interno della macchina.

Una misura quasi perfetta eseguita più di 2200 anni fa: Eratostene di Cirene

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Meridiana soleTrento, 19 febbraio 2020. - di Luigi Cozzolino

Oggi riusciamo a misurare tutto con l'immenso catalogo di attrezzature che ci consentono di misurare alla perfezione, ma soprattutto senza alcun errore, da una misura nanometrica a misure enormi.

Lagorai: Terre alte o... alterate?

  • PDF
Valutazione attuale: / 16
ScarsoOttimo 

Trento, 14 febbraio 2020. - di Andrea Rabaglia

Egregio Direttore, approfitto, bontà vostra, dello spazio che spero vorrete concedermi per ragionare insieme, condividendo alcuni pensieri su che cosa sia (diventata) oggi la Montagna.

Dalla rivoluzione della pila di Volta alla rivoluzione delle batterie agli ioni di Litio

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Pila di VoltaTrento, 8 gennaio 2020. – di Luigi Cozzolino

Il premio Nobel assegnato ai tre della chimica il 9 ottobre 2019 è andato al tedesco Johnson Goodenough, 97 anni, al 78 enne britannico Stanley Whittingham e al giapponese Akira Yoshino, 71 anni, che hanno inventato e poi migliorato la batteria agli ioni di litio.

Come si è arrivati a misurare la velocità della luce

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

GalileoTrento, 17 dicembre 2019. – di Luigi Cozzolino

Quale miglior periodo per parlare di luce, il Natale è definito la luce dell'umanità, le luminarie per le strade e dei negozi si riempiono di luce perché più di due millenni fa nasceva la vera Luce dell'umanità, la buona notizia è che la vita dell'uomo non è destinata ad esaurirsi nei brevi e tormentati anni di vita di ognuno, la " vita non deve essere una festa per alcuni e un peso per altri, ma dev'essere un impegno per tutti " Alessandro scrisse nella sua formidabile opera, perché ci aspetta una seconda vita ove non ci sarà più pianto e stridor di denti.

 

Marie Curie: una donna che ha precorso i tempi con molto anticipo

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Marie CurieTrento, 20 novembre 2019. - di Luigi Cozzolino

La recente nomina, per la seconda volta, a Direttore Generale del CERN di Ginevra della Signora della Fisica, Fabiola Gianotti ha messo in grande evidenza il ruolo delle donne nello studio della fisica.

La “bellezza” di due esperimenti che hanno consentito l’attuale conoscenza della materia

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Esperimento Thompson

Trento, 29 ottobre 2019. – di Luigi Cozzolino

Ormai, i tempi mitici nei quali una sola persona, una o al massimo due menti, in modo artigianale, riuscivano a compiere grandi scoperte sono definitivamente tramontati. Pensiamo a Marconi, a Volta, a Faraday a Newton ecc.ecc..oggi equipe di studiosi utilizzando attrezzature sofisticate ed altamente tecnologiche riescono a dimostrare l'esistenza dei leptoni, fermioni, bosoni, ecc.ecc., con acceleratori di particelle riescono a studiare, bosoni, quark, neutrini.

I 150 anni della Tavola degli elementi

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Dimitri MendeleevTrento, 3 ottobre 2019. - di Luigi Cozzolino

Centocinquanta anni fa un professore di chimica, nato in Siberia, Dimitri Mendeleev, pensò di classificare gli elementi, allora conosciuti .Nacque così la Tavola periodica, alla quale l'Unesco dedica, quest'anno, la celebrazione.

Allarme siccità al Nord, i geologi: in fasi di abbondanza preparare riserve per periodi siccitosi

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Il 22 marzo si celebra la Giornata Mondiale dell'Acqua: la gestione delle risorse idriche deve essere indirizzata a una visione di adattamento dei cambiamenti climatici

Fiume Po a livelli estiviRoma, 14 marzo 2019. - Redazione*

La Penisola fa i conti con le conseguenze anomale del cambiamento climatico in atto: le precipitazioni dimezzate nei mesi invernali, pochissima la neve che ricopre le montagne e l'allarme siccità nel Settentrione dovuto a un febbraio particolarmente asciutto. Basti pensare che il Po e tre grandi laghi del Nord Italia (Maggiore, Como e Iseo) hanno livelli idrometrici al di sotto della media stagionale, simili a quelli che si registrano nei mesi estivi. Due facce della stessa medaglia: da un lato l'emergenza siccità che torna a farsi sentire; dall'altro le alluvioni e le frane che lo scorso autunno hanno interessato numerose regioni italiane.

Rischi naturali e cambiamento climatico, i geologi italiani fanno il punto in Grecia

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Atene, 24 gennaio 2019. Redazione*

Un mese fa si è conclusa a Katowice, in Polonia, la COP24, la Conferenza sul cambiamento climatico organizzata dalle Nazioni Unite con l'adozione del 'Katowice Climate Package', ovvero il "libro delle regole" con cui attuare l'Accordo sul clima di Parigi sottoscritto nel 2015 che fissava, entro fine secolo, l'aumento medio della temperatura globale nei due gradi rispetto ai livelli preindustriali.

Funghi e disastro ambientale: il significato di un progetto

  • PDF
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 

Grandi 30Novembre"L'incomprensione del presente deriva fatalmente dalla non conoscenza del passato" (M. Bloch)

Trento, 9 dicembre 2018. - di Casimira Grandi*

Il 2018 Anno del Patrimonio Culturale Europeo volge alla fine, venerdì 30 novembre è terminato il ciclo di eventi dedicati al Brand della memoria (18-19-20 ottobre e 30 novembre 2018 UNITN - CCIAA), che già lo scorso maggio aveva organizzato una intensa serie di giornate di studio dedicate a Il micologo Giacomo Bresadola patrimonio dell'umanità. Nuova cornice per un'icona.

Sulla scia di Bresadola il fungo è stato ancora una volta protagonista nell'ultima giornata, dedicata alle Nuove frontiere della micoterapia, che grazie all'impegno del farmacista biologo nutrizionista Giorgio Martini ha portato a Trento illustri studiosi del settore, assecondando una volta di più l'approccio transdisciplinare che ha connotato l'iniziativa del Brand della memoria.

Nella cornice magistralmente tratteggiata dal filosofo Fabio Gabrielli (UNIMI) di territori intesi quali "patrimoni di memoria", in cui il fungo ci ricorda il problema della sostenibilità contemporanea, in cui il medico Ivo Bianchi ha esposto le sue esperienze cliniche in micoterapia, seguito dalla biologa Paola Rossi che all'Università di Pavia studia gli estratti dalla grifola frondosa e dal ganoderma lucidum nella medicina complementare e intergrativa del tumore al seno; invece la biologa genetista Stefania Cazzavillan ha illustrato la modulazione epigenetica di ophiocordyceps sinensis nell'utilizzo sportivo e il biologo molecolare Walter Balduini la tossicologia dei funghi, seguita dalla relazione sui loro composti attivi del chimico Marco Passerini.

Tutte relazioni che ricordano una volta di più la necessità di dare il giusto valore alla memoria del padre trentino della moderna micologia Giacomo Bresadola.

Ma l'universo dei funghi ci ha riservato una sorpresa nel dibattito di chiusura, dedicato a La memoria per il nostro futuro: mondo globale e connessioni sinergiche locali.

Il disastro ambientale nei boschi locali dovuto all'ondata di maltempo dello scorso ottobre potrebbe trovare nella micologia un importante aiuto, come ha evidenziato il dottor Marco Passerini, brillante chimico che ha frequentato il corso di micologia organizzato presso l' Accademia d'Impresa della CCIAA di Trento, attualmente docente presso corsi universitari di micoterapia.

Ecco la proposta del dottor Passerini

In merito agli accadimenti naturali dello scorso ottobre che in Trentino hanno portato alla caduta di molti alberi soprattutto nelle zone montane, vorrei avanzare una proposta per poter riutilizzare quella parte di biomassa residua non destinabile ai processi per la lavorazione del legno o dell'energia.

Premetto che in natura esistono dei degradatori e riciclatori di sostanza organica proveniente da diversa origine: i funghi. Alcuni funghi, detti saprotrofi, si nutrono esclusivamente di materia vegetale morta.

Inoltre, i funghi contengono composti molto utili alla salute delle persone tanto che alcune specie sono inserite nella lista positiva degli ingredienti utilizzabili negli INTEGRATORI ALIMENTARI. Non solo, ma è possibile integrare l'alimentazione anche degli animali da reddito e coadiuvare le difese degli insetti impollinatori grazie all'azione sulle difese immunitarie esercitate dai composti attivi dei funghi.

Pertanto ritengo possibile poter utilizzare in maniera altamente vantaggiosa scarti, tronchi e frammenti di abeti ed altre specie arboree utilizzandoli come substrato di crescita per la coltivazione di alcune specie di funghi adeguatamente selezionate finalizzando questa produzione allo sviluppo di integratori alimentari e di materie prime per mangimi.

E' di fondamentale importanza però selezionare le specie fungine da utilizzare in base alle piante da dover riciclare.

Come micologo e come conoscitore della normativa attinente ai due settori applicativi indicati, offro la mia collaborazione per seguire questo importante progetto di riutilizzo e valorizzazione.

Sussistono al momento alcune criticità tra cui la principale è l'umidità del substrato: i funghi sono molto sensibili all'umidità del substrato che non deve essere troppo bassa. Questo vuol dire che qualora si volesse procedere con questo progetto, il legno da utilizzare non dovrebbe essere esposto al calore ad ai venti dell'estate 2019 ma si dovrebbe procedere entro tale termine. Questo per evitare di ritardare l'attecchimento e la produzione.

Al fine di trovare lo sbocco di utilizzo nei settori dell'integrazione alimentare e della mangimistica, offro la collaborazione della mia ditta GOLDEN WAVE sas che ha in Cittadella (PD) uno stabilimento di produzione con autorizzazione alla produzione in questi settori. dottor Marco Passerini

* docente del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell'Università di Trento - Referente di Ateneo per 2018 Anno del Patrimonio Culturale Europeo

La devastante opera della Natura

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Boschi abbattutiMonselice, 15 novembre 2018. - di Adalberto de' Bartolomeis

Di fronte agli eventi di Madre Natura, se gli stessi sono di portata eccezionale, come lo è stato per una parte delle Alpi sulla fronte della pianura, dall'altopiano di Asiago fino alla Carnia ed oltre, che hanno lasciato sul terreno abbattuti interi boschi non si possono trascurare però i danni invisibili che questo cataclisma ha recato a vaste estensioni di comunità montane.

L’accordo di Parigi sul clima

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Lettera Numero: 701

Trento, 5 dicembre 2017. - di Giorgio Maria Cambié

Lo aveva detto anche il nostro professor Zichichi, che se ne intende, che l'accordo sul clima di Parigi è una bufala. Adesso anche le Nazioni Unite hanno confermato ufficialmente che tale accordo non è che una perdita di tempo e denaro.

Nel cuore del Friuli, la vacanza bio per aspiranti contadini

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

La vacanza agreste che fa riscoprire ai bambini il cielo, la terra e i segreti della campagna friulana

Trento, 2 giugno 2017.Redazione*

C'è un luogo nel cuore del Friuli, dove la terra parla con gli animali attraverso un linguaggio segreto, che solo i bambini sanno comprendere. È la terra dei Magredi, a pochi chilometri da Pordenone, dove sorge il Gelindo dei Magredi Country Resort: meta ideale per una vacanza in famiglia per riscoprire la vita agreste e far vivere ai più piccoli l'esperienza della fattoria didattica, a totale contatto con la natura. I cavalli e i pony da accudire, le mucche da mungere, le attività nei campi con gli asini, l'arrampicata sugli alberi da frutta, il picnic all'ombra dei tigli, il laboratorio di cucina, l'accampamento sotto le stelle.

La vita contadina non avrà più segreti e saranno i bambini ad impararne i benefici grazie alle opportunità di vacanza proposte dal Gelindo dei Magredi Country Resort di Vivaro (PN): il soggiorno per tutta la famiglia è l'ideale per i genitori che desiderano trovare del tempo per loro con escursioni nei sentieri della pedemontana pordenonese, o con visite ai borghi storici dei dintorni e degustazioni di prodotti e vini locali delle vicine cantine vinicole della zona Friuli DOC Grave; nel frattempo i bambini seguono il contadino nelle attività della fattoria, proprio accanto all'hotel. Relax assicurato anche per i genitori single che decidono di dedicarsi alla tintarella a bordo piscina o agli sport estremi, come il canyoning in Val d'Arzino, pronti ad assaggiare durante il pranzo nel ristorante del resort il risultato del corso di cucina a cui i figli hanno partecipato nella mattina.

La novità dell'estate 2017 è il campus estivo per gli appassionati della fattoria chiamato Agricampus: è la soluzione ideale pensata per chi desidera che i propri figli dai 6 ai 14 anni passino le giornate in un ambiente sano, controllato e con la supervisione di personale esperto. Dalle 8.30 del mattino fino alle 17.30 del pomeriggio i piccoli contadini potranno correre nei prati, imparare ad accudire un cavallo, dare da mangiare ai conigli e alle capre, arrampicarsi sugli alberi per raccogliere la frutta e poi utilizzarla durante il laboratorio didattico in cucina e realizzare dolci e marmellate.

I ragazzi dagli 8 ai 16 anni possono scegliere la formula Cavalcampus con pernottamento nel resort e attività giornaliere funzionali all'avvicinamento al mondo equestre. Oltre ad imparare ad avere cura del cavallo, si potranno fare cavalcate nei campi, lezioni di ippologia, nuoto in piscina, laboratori di educazione alimentare e bivacchi notturni in tenda per ammirare le stelle.

Famiglia in fattoria: dal 01/07 al 30/07/2017, soggiorno con 1 bambino in camera, a partire da € 98,00 a notte per la camera.
Agricampus: attività in fattoria per 5 giorni (lunedì-venerdì), dal 19/06, a partire da € 175,00
Cavalcampus: attività in fattoria con pernottamento (5 giorni e 4 notti), dal 18/06 a partire da € 350,00

*comunicato

Una pioggia di meteoriti sulla Terra

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Secondo antropologi ed astrofisici di Liverpool e Oxford. Fra mille anni la vita sul nostro pianeta verrà sterminata

Verona, 2 maggio2017. - di Sergio Stancanelli

Sfogliando, prima di finalmente disfarmene, le mie maniacali raccolte d'intere annate di giornali e riviste perseguite per decenni, m'imbatto in un articolo che desta attenzione non solo per i miei interessi astronomici ma anche sul piano umano per la sopravvivenza della vita animale sul nostro pianeta.

“Porti mare territorio”

  • PDF

Trimestrale di informazioni marittime dell'editore Giuffrè

Riviste ricevute

Verona, 24 gennaio 2017. - segnalazione di Sergio Stancanelli

Voglio oggi segnalare questa rivista fondata nel 1979, anche se il numero che ho sott'occhio non è più attuale (ed in origine mi era stato recapitato per via postale un anno dopo la datazione del fascicolo). "Porti mare territorio" è un trimestrale di informazioni marittime edito dal dott. A. Giuffrè di Milano ma che ha sede in Roma e viene stampato in Varese.

Rebis inizia a vivere

  • PDF
Valutazione attuale: / 13
ScarsoOttimo 

feto-nella-panciaTrento, 9 maggio 2016. - di Massimo Sannelli

Dopo i decenni [decine o unità] i pezzi e i pezzetti si riuniscono. Non nasce niente di grande, ma un grumo nasce, piccolissimo. Non è un grumo fantastico, ma è pratico [ha un piccolissimo peso, ma ha peso]; non è patetico, ma vive, sicuramente [e impara súbito le qualità di questa vita: la durezza e il distacco, nello stesso tempo, la violenza e la dignità]. Rebis è un nome abbastanza giusto per definire la cosa. Oppure uomo-donna, re, opera, ma non sarà un nome definitivo. Il nome definitivo dovrà essere un nome cristiano e tradizionale.

Chi è online

 152 visitatori online