Ven10222021

Last update11:46:46

Back Politica Politica e Società Politica Estera

Politica Estera

Altri 519.000 euro in giro per il mondo!

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Trento, 22 marzo 2013. - Redazione

La giunta provinciale ha deciso di finaziare, su proposta dell'assessore Lia Giovanazzi Beltrami, con 519.000 euro tre progetti di solidarietà internazionale realizzati in Mozambico, Bolivia e Brasile. In linea generale - siamo certi di interpretare una vasta opinione pubblica - questa montagna di soldi non deve andare più in giro per il mondo, soprattutto in un momento di crisi come l'attuale. Prima si aiuti in casa nostra, e se poi avanza, si pensa agli altri.

I Marò rimpatriati…… in India. Clamorosamente vergognosa la decisione del governo

  • PDF
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

I due Marò abbandonati dal governo italiano Trento, 21 marzo 2013. – di Claudio Taverna

Clamorosa e vergognosa la decisione del governo di "rimpatriare" in India i nostri due Marò. Incredibilmente clamorosa la retromarcia di Monti e compagni che in tutta la vicenda hanno dimostrato superficialità, pressapochismo, squallido dilettantismo, fino al cinico sfruttamento elettoralistico dei due nostri poveri fucilieri, al loro rientro in Italia un mese fa. Solo uno spot, un gratuito spot, dunque, per il professore.

Marò

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

 I Marò italiani arrestati in IndiaVerona, 15 marzo 2013. - di Adimaro degli Adimari *

La vicenda dei due Marò italiani arrestati in India è stata gestita sin dall'inizio da un governo senza dignità e con volto doppiogiochista. Così l'Italia ha dimostrato tutti i limiti della sua politica estera vuota e inconsistente. Anzichè agire con fermezza da subito, si son lasciati languire in carcere i nostri due Marò, trastullandosi in inutili schermaglie con l'India che ci ha strapazzato in tutti i sensi.

Fontana: 'Draghi, Barroso, euro destinati al fallimento'

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Strasburgo, 13 marzo 2013 - di Paolo Borchia *

"Voglio dare voce all'urlo di dolore del Nord Italia, dei suoi cittadini strangolati dalla crisi, dalle tasse e dalla stretta creditizia. Porto all'attenzione di quest'Aula il dramma di tutte queste persone oneste che non ce la fanno più". Così, l'on. Lorenzo Fontana, leader del Carroccio a Strasburgo, ha iniziato il suo attacco alle istituzioni comunitarie, nell'ambito della discussione svolta dall'Aula dell'Europarlamento in preparazione al Consiglio Europeo che avrà inizio domani a Bruxelles. 

Europa: Una donna su quattro è vittima di violenza. Occorrono azioni di sostegno e pene più severe

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Strasburgo, 7 marzo 2013. - Redazione

L'europarlamentare Mara Bizzotto presenta una risoluzione al Parlamento Europeo in occasione dell'8 Marzo."Celebrare la festa della donna significa ricordare le conquiste sociali, politiche ed economiche della donna, ma anche e soprattutto continuare a combattere contro le discriminazioni e le violenze cui, ancor oggi, esse sono sottoposte in gran parte del mondo. In Europa una donna su quattro è vittima di violenza fisica, quasi una su due (il 45% circa) se si considerano anche le violenze psicologiche e le discriminazioni di vario genere. Il mio invito è rivolto pertanto all'UE affinché finanzi maggiormente tutti i programmi nazionali che si occupano di contrastare il fenomeno della violenza contro le donne e affinché si assicuri che, in tutti gli Stati Membri, tali reati vengano perseguiti d'ufficio, senza attenuanti legate alle pratiche culturali tradizionali e religiose".

Agenzie di rating: 'Stop allo strapotere delle tre sorelle Usa'

  • PDF

Strasburgo, 19 gennaio 2013. - Agenzie di rating: ok di Strasburgo alla modifica del regolamento. Fontana: "Stop allo strapotere delle tre sorelle americane, ora si prosegua verso, l'agenzia europea. L'approvazione del Parlamento Europeo delle modifiche al regolamento sulle agenzie di rating del credito rappresenta un passo in avanti in direzione della necessaria limitazione dei poteri di questi organismi. Ora, attendiamo il via libera dei governi". Così, l'On. Lorenzo Fontana, capodelegazione della Lega Nord al Parlamento Europeo, si esprime in seguito al via libera di Strasburgo al documento.

Parlamento europeo, nei biglietti di auguri scompare la Natività

  • PDF

Bruxelles, 16 dicembre 2012.  - "Il tentativo di scristianizzare l'Europa è ormai sistematico; a questo punto, abbiamo anche finito le parole per commentare questa sensazione di deriva, scaturita dall'abbandono e dalla distruzione di ogni riferimento a quelle che sono le tradizioni, le basi, le radici del Vecchio Continente. Ma non ci arrenderemo mai".

Il 'nein' austriaco al trasporto degli Euro V danneggia l'autotrasporto italiano

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Strasburgo, 13 dicembre 2012. - "L'imposizione del divieto di transito notturno sulla A12 in Austria per i Tir con omologazione Euro V andrà a detrimento soprattutto degli autotrasportatori Italiani". È quanto scrive Mara Bizzotto, europarlamentare della Lega Nord e membro della Commissione Trasporti al Parlamento Europeo, in un'interrogazione presentata alla Commissione Ue sul provvedimento varato dal Governo del Tirolo.

Invasione di pomodori 'contaminati' dal Marocco?

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Bruxelles, 3 dicembre 2012 - a cura dell' Ufficio stampa dell' on. Fontana

Fontana denuncia: "Ignorato il mio parere di rigettare l'accordo, imprese e consumatori ancora in attesa di spiegazioni sul voltafaccia del Ministro Catania"......"Si è soltanto materializzato uno scenario ampiamente prevedibile, frutto di un accordo scellerato, in grado di minare la competitività dei produttori dell'area mediterranea e, come se ciò non bastasse, di mettere in serio pericolo la sicurezza alimentare". Lapidario il commento dell'On. Lorenzo Fontana, espresso a margine della denuncia di Coldiretti; secondo tale segnalazione, il mancato rispetto delle clausole dell'accordo di libero scambio dei prodotti agricoli e derivati tra Ue e Marocco consentirebbe l'ingresso in Europa di pomodori a costi estremamente ridotti e, probabilmente, privi delle necessarie garanzie fitosanitarie.

Pace in Palestina? Una meta sempre più lontana

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Varese, 30 novembre 20012. - di Gianfredo Ruggiero *

Per duemila anni la Palestina è stata il segno della concordia e della tolleranza tra le varie confessioni ed etnie (unica parentesi i turbolenti Regni Crociati del Medio Evo). Poi, nel 1948 a seguito di una semplice deliberazione dell'ONU a carattere consultivo, in spregio al diritto internazionale e al principio dell'autodeterminazione dei popoli (la popolazione non fu neppure interpellata con un referendum), le potenze vincitrici del secondo conflitto mondiale decisero di donare metà della Palestina agli ebrei con il pretesto che questi erano originari di quei luoghi e come forma di risarcimento per aver subito la persecuzione hitleriana (in realtà per lavarsi la coscienza a costo zero scaricandolo sui palestinesi).

Fontana: Sì alla macroregione alpina

  • PDF

Bruxelles, 29 novembre 2012.  - "Vista l'incapacità degli Stati nazionali di tutelare interessi ed istanze dei territori e delle comunità alpine, è tempo di imprimere un'accelerazione alla strategia macroregionale, iniziando proprio dall'area alpina". A margine di una riunione svoltasi a Bruxelles presso la sede del Comitato delle Regioni, alla quale ha partecipato anche il Presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, l'on. Lorenzo Fontana esprime le proprie valutazioni in merito a quanto emerso.

Fondi europei, ecco come sono stati spesi

  • PDF

Bruxelles, 27 settembre 2012. - La Commissione Europea risponde all'interrogazione dell'Europarlamentare della Lega Nord Mara Bizzotto sull'utilizzo dei Fondi strutturali 2007-2013 nelle Regioni italiane. Nei mesi scorsi l'eurodeputata leghista aveva chiesto all'esecutivo comunitario un "rapporto ufficiale ed esaustivo sull'utilizzo dei fondi strutturali da parte del sistema Italia" a seguito del balletto di cifre che per diverse settimane aveva tenuto banco sui media nazionali e locali. In particolare, in Veneto si era assistito ad una guerra di numeri tra la Giunta e il Consiglio Regionale.

L'aquila bicipite russa

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Verona, 23 settembre 2012. - di Calibano *

L'aquila bicipite che spiccava sugli stemmi degli zar e che dopo il crollo del comunismo è tornata a sventolare sulle bandiere russe stava a significare a tutto il mondo che santa madre Russia guardava ad entrambi i mondi, quello d'occidente e quello d'oriente. Il nuovo zar Vladimir Putin segue la politica che fu nei secoli scorsi dei veri zar. Visto che l'Europa è un po' in ribasso e non gli dà molte gioie con l'inchiesta Gazprom, dopo aver freddamente trattato Monti in quanto gli andava, dietro incarico dell'Europa, a perorare la causa dell'inviso gasdotto Nabucco, concorrente a quello South Stream costruito dalla Russia e fiore all'occhiello del governo Putin, egli si è rivolto ad oriente ed ha organizzato a Vladivostok un forum della Cooperazione economica Asia Pacifico (Apec), organizzazione che include 21 paesi che si affacciano sul Pacifico, dalla Cina al Cile, agli Stati Uniti. Si tratta di un'area enorme dove vive il 40% della popolazione mondiale.

L'Europa della finanza e delle banche ha fallito, ma Barroso è cieco

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Strasburgo, 12 settembre 2012. - "Da Barroso arrivano sempre le solite parole vuote e prive di riferimento ai problemi reali della gente. Quello che a Barroso e compagnia non entra in testa è che il loro modello di Europa, statalista, centralista e tecnocratica, è già miseramente fallito, e i cittadini non sono più disposti a riporre il proprio futuro nelle mani di euroburocrati e banchieri germanofoni privi di qualunque legittimazione popolare". Così l'Europarlamentare della Lega Nord, Mara Bizzotto, commenta l'intervento del Presidente della Commissione Europea José Manuel Barroso alla sessione Plenaria di Strasburgo.

Europa, carni bovine vincono le lobby dell'anonimato

  • PDF

Bruxelles, 11 settembre 2012. - "Con il voto di oggi l'Europa fa un passo indietro di dieci anni: l'abolizione dell'etichettatura facoltativa delle carni bovine avrà pesanti conseguenze tanto per i consumatori quanto per gli allevatori italiani e veneti, da sempre capofila nella produzione di carne di qualità". Così l'Europarlamentare della Lega Nord Mara Bizzotto commenta il via libera del Parlamento Europeo, riunito in sessione Plenaria a Strasburgo, all'abolizione dell'etichettatura facoltativa dalle carni bovine.

Emergenza siccità, interrogazione di Mara Bizzotto

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Bruxelles, 30 agosto 2012. - "La grave siccità che ha investito l'Europa negli ultimi mesi sta mettendo in ginocchio l'intero settore agricolo, soprattutto quello italiano e veneto, dove sono a rischio tutte le principali colture estive. Le misure straordinarie elaborate di anno in anno a livello locale non sono più efficaci: l'UE deve pensare a una strategia di lungo termine per far fronte all'emergenza siccità e scongiurare così un possibile aumento dei prezzi". Questa la proposta dell'europarlamentare della Lega Nord Mara Bizzotto che ha presentato un'interrogazione alla Commissione Europea per chiedere "una politica europea comune in grado di affrontare l'emergenza siccità nel lungo periodo".

Moldova: la Russia cambia idea sulla Transnistria

  • PDF

Trento, 4 agosto 2012. - di Matteo Cazzulani

Secondo l'interesse geopolitico di Mosca la Transnistria val bene una Moldova. Nella giornata di sabato, 28 Luglio, il Viceministro degli Esteri della Federazione Russa, Grygorij Karasin, ha espresso il sostegno ufficiale della Russia all'integrità territoriale della Moldova. Come riportato dal Kommersant', Karasin ha reso noto la nuova posizione di Mosca circa la questione della Transnistria durante una visita a Tiraspol, organizzata in occasione del ventennale dall'inizio della missione militare russa nella regione separatista del Mar Nero. Le dichiarazioni del Viceministro degli Esteri russo sono state anticipate da un incontro bilaterale con il Presidente della Moldova, Nicolae Timofti.

Strasburgo dice sì al Retrofit

  • PDF

Strasburgo, 3 luglio 2012. - "Più che una campagna per la sicurezza, si tratta di un'altra operazione punitiva contro l'autotrasporto, che soffocherà le aziende con nuovi costi e carichi burocratici". Una vittoria per le lobby. Così Mara Bizzotto, eurodeputata della Lega Nord e membro della Commissione Trasporti, commenta il via libera del Parlamento Europeo all'obbligo del Retrofit, cioè all'installazione del Tachigrafo Intelligente, un dispositivo appena più sofisticato, ma molto più costoso, rispetto a quello già montato sui veicoli pesanti attualmente in circolazione.

Il lupo e l'agnello

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Verona, 2 luglio 2012. - di Calibano

Obama si va lamentando che le economie europee minacciano la stabilità dell' economia americana, quando tutto il patatrack che è successo in campo bancario, con conseguente crisi generale, è iniziato negli Stati Uniti. Facciamo un esempio per far capire a coloro che non masticano di derivati, di fondi di investimento ecc. Un grande commerciante di patate ha tre partite di merce: una più piccola in sacchi rossi con le patate migliori; una così e così in sacchi verdi ed una catasta di patate mezze marce che gli riuscirà difficile vendere.

Cameron dimentica la figlia al pub

  • PDF

Trento, 12 giugno 2012. -  di Tobias Fior

Ci sono storie di ogni genere per quanto riguardo genitori che dimenticano i figli, specie quando emergono casi in cui genitori dimenticano in auto figli di pochi anni, sotto il sole cocente, mentre sono in giro a fare shopping. In tal caso i genitori vengono subito indagati. Molto probabilmente anche il primo ministro del Regno Unito non è immune da tali "errori", infatti è di alcuni giorni fa la notizia che David Cameron abbia dimenticato la figlia Nancy di solo 8 anni in un pub di Cadsden.

Mubarak in coma, ma per alcuni è già morto

  • PDF

Trento, 12 giugnp 2012. - di Tobias Fior

L'ex-dittatore egiziano questa mattina due gravi crisi cardiache, infatti il cuore si è si è fermato per ben due volte ed è stato necessario l'uso del defibrillatore per rianimarlo. Nonostante questi problemi Mubarak si è rifiutato continuamente di nutrirsi e abbia perso coscienza più volte.

Chi è online

 193 visitatori online