Lun07132020

Last update11:00:58

Back Politica Politica e Società Politica Estera Dalla UE la nuova strategia Farm to Fork – dall’Azienda alla Tavola

Dalla UE la nuova strategia Farm to Fork – dall’Azienda alla Tavola

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Bruxelles, 28 maggio 2020. – di Dario Buscema

Congiuntamente ai nuovi indirizzi in materia di biodiversitá, la Commissione europea ha presentato la strategia "Farm to Fork" (F2F), all'interno di un documento innovativo per la filiera agricola e l'agro alimentare.

"L'imposizione di un'etichettatura nutrizionale fronte pacco, obbligatoria ed armonizzata, riveste un'importanza primaria" - evidenzia l'Europarlamentare Marco Dreosto, membro della commissione ENVI, da sempre sensibile alle tematiche agro-alimentari - "Ancora non sappiamo quale sistema verrà utilizzato, ma sicuramente si dovrà fare in modo che lo schema scelto non si presti a strumentalizzazioni commerciali e che non obblighi le nostre aziende a modificare le loro ricette tradizionali.

Da guardare con favore è l'ulteriore supporto della nuova PAC post 2020, grazie al quale si potranno creare migliaia di nuove realtá produttive, basate su sistemi alimentari sostenibili, che gli Stati membri dovranno poi debitamente supportare, nei propri piani strategici nazionali" conclude il deputato. Tra gli altri punti principali, figura scuramente la tanto auspicata estensione dell'etichettatura di origine, volta a soddisfare la richiesta di informazioni per tutti i consumatori europei. Importantissimo obiettivo quello della riduzione del 50% dell'uso complessivo dei pesticidi chimici entro il 2030, tramite la revisione della direttiva in materia, incentivando la lotta integrata ed altri metodi alternativi per difendere le colture dai parassiti.

Saranno poi promosse le nuove tecniche innovative, tra cui la biotecnologia e le produzioni biologiche, l'utilizzo di una maggior varietá di piante adattate ai climi e alle pressioni del cambiamento climatico, adottando misure per facilitare la registrazione delle varietà di sementi, garantendo un più facile accesso al mercato per le varietà tradizionali e adattate localmente. Verranno inoltre promosse azioni normative sull'utilizzo dei materiali destinati al contatto con gli alimenti, per migliorare sicurezza alimentare e salute pubblica, rafforzando il quadro legislativo sulla commercializzazione di prodotti agricoli sostenibili, della pesca e dell'acquacoltura, e quello sulle indicazioni geografiche.

La Commissione presenterà poi un piano d'azione interamente dedicato all'agricoltura biologica, con l'obiettivo di riconvertire almeno il 25% dei terreni agricoli dell'UE in agricoltura biologica entro il 2030 e aumentare significativamente l'acquacoltura biologica. In campo zootecnico si lavorerá al miglioramento del benessere animale, alla riduzione dell'uso di farmaci, intervenendo anche sulle regole di trasporto e macellazione. Tolleranza zero per le frodi alimentari e misure maggiormente dissuasive e severe nei controlli sulle importazioni, completano infine il programma.

Dalla UE la nuova strategia Farm to Fork – dall’Azienda alla Tavola

Chi è online

 169 visitatori online