Mer10272021

Last update03:50:35

Back Politica Politica e Società Politica Estera Uno sguardo alla destra francese

Uno sguardo alla destra francese

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Marine Le PenVerona, 25 febbraio 2012. - Oggi il Front National si presenta come un partito che gode di grossi appoggi. Mercoledì scorso Brigitte Bardot con una lettera aperta rivolta ai sindaci francesi ha dato il suo appoggio a Marine le Pen, candidata per il FN. A suo avviso solamente in questo modo la Francia potrà riacquistare il suo ruolo di potenza internazionale.La nuova leader, Marine Le Pen, figlia di Jean Marie, può ottenere, come il padre nel 2002, un secondo posto al primo turno, che la porterebbe ad uno scontro diretto contro Sarkozy che, salvo sorprese, accederà quasi sicuramente al ballottaggio.

Ma il Front National ha anche punti deboli quali l'islamofobia e il razzismo. È stato in questi giorni distribuito dal Partito Socialista ai suoi funzionari un libretto intitolato Le Front National de Marine Le Pen. Apparences et rèalitès. Il libro, composto da circa cinquanta pagine, è un prezioso vademecum per il socialista che deve convertire colui che manifesta una seria intenzione di votare Le Pen. Vi sono comunque anche altri interventi diretti a colpire duramente il Partito scomodo. La giornalista Claire Checcaglini ha scritto un libro, che uscirà il 27 febbraio prossimo, intitolato Benvenuti al Fronte-Diario di un' infiltrata. Il libro è sostanzialmente un'analisi che mostra una base del Partito fortemente razzista. Nessuna menzione viene fatta nei confronti di tutte le altre attività che vengono svolte. A ciò si aggiunge anche un uso poco adatto del termine razzismo, visto che molti militanti, apprezzati e rispettati nel Partito, non sono gallici purosangue. Tutto ciò ha come scopo quello di danneggiare, indirettamente, anche Sarkozy. Un dirigente socialista ha spiegato il motivo di tale scelta.

«Il nostro interesse è che Marine Le Pen ottenga un numero di consensi il più basso possibile; il nostro scopo è quello di sottrarre a Sarkozy i preziosi voti del Front National per il secondo turno.»

In questa corsa alle presidenziali non si capisce ancora il motivo di questo screditamento nei confronti del Front National. Appare improbabile che l'elettore di estrema destra possa votare un candidato socialista. Al contempo quest'ultimo e il suo Partito non hanno la forza di attuare politiche rivolte ad acquistare consensi a svantaggio di Sarkozy. Marine Le Pen appare inoltre una candidata molto più facile da affrontare in un eventuale secondo turno contro Hollande, il candidato socialista. La campagna elettorale è appena iniziata e non ci resta che vedere i prossimi sviluppi.

Michele Soliani, L'Officia-Lettera Politica 333

Uno sguardo alla destra francese

Chi è online

 326 visitatori online