Mar08032021

Last update04:01:27

Back Politica Politica e Società Politica Estera Austria: Exploit dei liberalnazionali del FPOE

Austria: Exploit dei liberalnazionali del FPOE

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Heinz Christian StracheBruxelles, 30 settembre 2013. Redazione

"Un risultato lusinghiero, quattro punti percentuali in più rispetto a cinque anni fa e un dato politico che si conferma: la gente è contro l'Euro e questa Europa, non vuole l'immigrazione selvaggia e la corruzione politica". L'eurodeputato della Lega Nord Lorenzo Fontana commenta così l'ottimo 21,5% della FPOE (Freiheitliche Partei Österreichs) alle elezioni di ieri in Austria. Il partito che fu di Joerg Heider e oggi guidato da Heinz-Christian Strache, è il terzo del Paese e tallona da vicino i popolari dell'Oevp.

Contrasto alla corruzione e regole ferree sull'immigrazione sul fronte interno, lotta all'Europa dei tecnocrati e all'euro su quello internazionale. "Questo è anche il manifesto della Lega Nord che si accinge a rinnovarsi al congresso del 14-15 dicembre - dice Fontana - vecchi valori, ma nuovi volti e un modus operandi politico diverso per non commettere gli sbagli del passato. E' da vent'anni che intratteniamo rapporti politici con la FPOE, partito che viene bollato - a torto - come nazionalista di estrema destra dai grandi media, i quali anziché sottolineare che molta gente anche di sinistra lo vota, assegnano scientemente patenti scomode a chiunque si batta contro questo sistema, affinché nulla cambi. Un sistema economicamente neoliberista e globalizzato, che in favore del grande capitale e della grande finanza uccide le piccole-medie aziende. Un sistema culturalmente laicista e nichilista, che disconosce le proprie radici culturali e annulla le differenze in nome di un'anonima e asettica integrazione. Ma in Europa, lo dico da tempo, il vento sta soffiando in direzione opposta, con buona pace di questa Ue".

Austria: Exploit dei liberalnazionali del FPOE

Chi è online

 159 visitatori online