Dom05262019

Last update02:33:53

Back Politica Politica e Società Politica Locale Museo mummia, per il Pascoli c'è la mozione di Urzì, la Lega archivi i progetti di Tommasini

Museo mummia, per il Pascoli c'è la mozione di Urzì, la Lega archivi i progetti di Tommasini

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Bolzano, 14 aprile 2019. - Redazione

«Tempistiche stravolte, continui rinvii, incertezze in ogni caso sull'esecuzione dell'opera e la necessità di un investimento fra i 40 ed i 60 milioni di euro per una biblioteca nell'epoca del digitale: il Polo bibliotecario deve essere riconsiderato dalla nuova Giunta provinciale coniugando anche la tutela dell'originario complesso architettonico dichiarato dal Docomono International di pregio storico.

Gli annunci dell'assessore Bessone sinora non lasciano presagire nessuna riconsiderazione dei progetti milionari messi in campo dal predecessore Tommasini.

Per questo abbiamo ripresentato anche in forma ufficiale dopo averlo fatto mediaticamente una richiesta di conversione del progetto Biblioteca in progetto museale (in alternativa al cohousing già proposto che mantiene tutta la sua validità).

Trasferire in quella sede in Polo museale si tratterebbe in un impulso vitale per l'intera area commerciale oltre il Talvera, nell'apertura della politica degli investimenti provinciali anche oltre il centro storico della città. Faremo discutere la mozione dal Consiglio. Anche le nuove forze politiche che hanno sostituito il Pd al governo della provincia devono dichiarare se stanno con la continuità rispetto ai progetti lanciati dall'ex assessore Tommasini o per un reale cambiamento

Lo ha dichiarato il consigliere provinciale-regionale Alessandro Urzì

Ecco la mozione presentata da Alessandro Urzì.

&&&&&&&&&

Al Signor Presidente

del Consiglio provinciale

B O L Z A N O

Mozione

Polo museale archeologico alle ex Pascoli/Longon

Premesso che

- l'ipotesi di riorganizzazione del Virgolo, con una destinazione pubblica rimane un affascinante progetto da tenere in considerazione;

- alle legittime obiezioni sollevate per ragioni diverse a trasferire il Museo archeologico nella collina sopra Bolzano, è possibile rispondere con progetti alternativi, economicamente sostenibili, logisticamente validi, socialmente utili ad integrarsi positivamente nel territorio moltiplicandone le opportunità di sviluppo anche al di fuori della stretta area del centro storico;

- che il previsto Polo bibliotecario anche a seguito della crisi di Condotte spa potrà trovare la sua diversa, nuova e funzionale riorganizzazione anche in altra sede, possibilmente valorizzando un rapporto di collaborazione con l'Università.

Considerato che

- la collocazione del Polo museale archeologico all'ex Pascoli/Longon sarebbe una possibile soluzione per uscire dall'impasse e allargare il centro commerciale naturale e di interesse turistico di Bolzano oltre il Talvera;

- che la soluzione non prevederebbe la spesa di un solo euro per l'acquisto dell'immobile che risulta già essere di proprietà della Provincia;

- non sarebbe necessario costruire nulla perché i volumi sono più che sufficienti per realizzare una grande struttura pubblica anche eventualmente realizzando un nuovo piano rialzato e utilizzando la dimensione, con interrati, dei grandi giardini esterni quindi anche preservando un complesso architettonico di rilievo storico ed inserito fra i beni da preservare come testimonianza del razionalismo pubblicati da Docomomo International in "Heritage in danger";

- Il Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano in data 11.04.2019 ha approvato un impegno a valutare con indagini indipendenti la più opportuna collocazione di realtà di forte valore sociale, culturale e economico, come il museo archeologico e la sua mummia, nell'ambito del territorio del Comune di Bolzano e fuori di esso;

Rilevato che

- si manterrebbe una testimonianza architettonica pregevole, come quella del vecchio polo scolastico in cui sono cresciute generazioni di bolzanini;

- si permetterebbe di agganciare una porzione di città "nuova" al centro storico rivitalizzando il commercio e le attività dell'intera area, creando un percorso perfetto di collegamento fra piazza Walther, ponte Talvera, piazza Vittoria, piazza Mazzini, a cui si potrebbe agganciare prossimamente uno snodo verso Corso Italia, sbocco verso i quartieri fra via Torino e via Milano e verso il centro commerciale del Twenty.

Tutto questo premesso e considerato

IL CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

IMPEGNA

LA GIUNTA PROVINCIALE

a avviare un progetto preliminare, con studio di fattibilità ed indagine indipendente come in premessa, per realizzare il nuovo Polo archeologico museale nell'area delle ex scuole Pascoli/Longon di Bolzano.

Bolzano, 12 aprile 2019

Alessandro Urzì

Museo mummia, per il Pascoli c'è la mozione di Urzì, la Lega archivi i progetti di Tommasini
Banner