Gio01212021

Last update04:17:00

Back Politica Politica e Società Politica Locale Trento: "Disastro" centrodestra

Trento: "Disastro" centrodestra

  • PDF
Valutazione attuale: / 13
ScarsoOttimo 

Trento, 5 gennaio 2021. Redazione

Andrea Merler e le sue sciagurate dichiarazioni aggravano il "disastro centrodestra" che nel recente passato si è reso protagonista di una serie di pesanti infortuni per l'inconsistenza culturale e politica di una classe dirigente di scarsissimo valore.

Andrea Merler non è nuovo nemmeno a proposte sciagurate. Basti pensare che, costringendo la maggioranza di centrosinistra e il sindaco Andreatta alla lottizzazione di una vasta area di Gardolo, ha portato alle dimissioni, presidente in testa, di tutto consiglio circoscrizionale: sinistra, centro e destra uniti nella protesta verso la scandalosa variante al PRG, approvata dal consiglio comunale, contro la volontà della Circoscrizione

Nemmeno si può sottacere, condannandola, l'autosospensione pomposamente sbandierata dal consiglio di amministrazione di Patrimonio Trentino spa perché candidato a sindaco del capoluogo per il centrodestra. Eppure Merler non poteva non sapere, vista la sua esperienza politica e professionale, che l'autosospensione in linea generale è una furbata della peggior specie, ancor più grave perché proclamata nel mese di agosto, quando i consigli di amministrazione sono tutti o quasi in vacanza.

La scandalosa sostituzione per modi e tempi, in "zona Cesarini", di Alessandro Baracetti, candidato sindaco di Trento, prima scelta del centrodestra, certifica il "disastro" elettorale Merler (30,22%), logico risultato di un'operazione di dilettantismo senza pari.

Nella competizione elettorale del 2015, il candidato sindaco di Trento del centrodestra, era stato Claudio Cia che, pur in un contesto politico meno favorevole e costretto a gareggiare con il sindaco uscente Andreatta, fece meglio di Merler con il 31,20% dei consensi.

Claudio Cia, uno dei primi affossatori della candidatura Baracetti, nel sodalizio con Marcello Carli (candidato sindaco) nella mini coalizione centrista per le amministrative del comune di Trento, in competizione con il centrodestra, pur assessore regionale a guida SVP, ha aderito, recentissimamente, a Fratelli d'Italia.

Dunque, il "neo fratello", già feroce accusatore dell'assenteista deputato autonomista Mauro Ottobre, si potrebbe, per una beffa del destino, accompagnare con lui nella nuova "casa" politica.

Ci fermiamo qui. Altro ci sarebbe da dire...... Tuttavia, il quadro descritto è sufficiente per dimostrare il "disastro" del centrodestra trentino.

altri articoli

Avv. Merler, perché “meter el cùl en le peàde”?

Campagna acquisti di Fratelli d’Italia: in arrivo Mauro Ottobre?

Trento:

Chi è online

 168 visitatori online