Ven12062019

Last update08:22:19

Back Politica Politica e Società Politica Nazionale

Politica Nazionale

Le sardine puzzano.... d'imbroglio

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

SardineLettera Politica N. 796

Trento, 5 dicembre 2019. - di Paolo Danieli*

L'avevamo detto subito: il M5S è stato un prodotto delle oligarchie finanziarie, inventato per indirizzare su un binario morto la protesta innescata dalla crisi economica. L'operazione è riuscita al punto che i cinquestelle sono addirittura arrivati al governo del paese.

Senza il nucleare

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Senza NucleareLettera Politica N. 792

Trento, 25 ottobre 2019. - di Paolo Danieli*

In tanti anni di crisi economica ne abbiamo sentite di tutti i colori: colpa dei politici, degli sprechi, della delocalizzazione, del debito pubblico, del costo del lavoro, delle tasse, della giustizia, della burocrazia. Tutte concause a loro volta effetto di cause più profonde che si evita di ricercare per paura di effetti dirompenti sull'opinione pubblica la cui attenzione viene sistematicamente deviata su falsi obiettivi.

Roma: piazza San Giovanni «occupata» dal centrodestra unito

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Piazza SANGIOVANNIIn 200 mila a Roma per dire "No al governo dell'«inciuccione»"

Trento, 19 ottobre 2019. – di Michele Beozzo

"Occupata" piazza San Giovanni per manifestare contro il Governo delle 5 sinistre e dei 5Stelle. La denuncia: il parlamento non rappresenta più il popolo italiano. Lo dimostrano le centinaia di migliaia di persone confluite nel pomeriggio di oggi nella piazza, un tempo esclusivo e assoluto utilizzo delle sinistre.

Meno parlamentari più casta

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Palazzo MontecitorioLettera Politica N. 789

Verona, 10 ottobre 2019. - di Diego Marchiori

Otto ottobre: il Parlamento ha scritto una brutta pagina nella storia della nostra Repubblica. Tutti i gruppi parlamentari hanno esultato per il taglio di 345 parlamentari. Tutti, anche quelli che qualche settimana fa gridavano "al voto al voto, ridate la parola al popolo".

Montecitorio: 553 capponi votano il taglio dei parlamentari

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

cialtroniTrento, 8 ottobre 2019. – di Claudio Taverna

I capibastone: da Di Maio a Zingaretti, passando per la Meloni e Salvini fino a Berlusconi e Renzi, all'apparenza tutti contenti.

Riduzione dei parlamentari? Coglionata all’ italiana

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Aula MontecitorioTrento, 7 ottobre 2019. Redazione

Domani a Montecitorio passerà, in quarta lettura, l'ennesima coglionata tutta italiana, ovvero la riduzione dei parlamentari.

Mai con il partito di Bibbiano prima, ora travolti da un libidinoso (per il potere) abbraccio.....

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Scheda Eelettorale UmbriaTrento, 3 ottobre 2019. - Redazione

Si predica bene, ma si razzola male. E' questa la parola d'ordine del M5S. Da movimento anticasta (proverbiale l'intenzione di aprire il parlamento come una scatola di tonno), a partito disposto a tutto pur di star attaccato alla poltrona: una fine davvero ingloriosa, per non dire di peggio.

Di Maio tace sulla cittadinanza austriaca ai tedeschi dell’Alto Adige, il governo ha cambiato idea?

  • PDF
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

Luigi Di Maio traghettatoreBolzano, 23 settembre 2019. - Redazione

«Ormai sono quasi quattro giorni che il parlamento austriaco ha votato l'impegno per estendere d'autorità la propria cittadinanza ai cittadini italiani di lingua tedesca e ladina dell'Alto Adige e che il Ministro degli esteri Luigi Di Maio tace di fronte a questa provocazione.

La spina staccata

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Matteo Salvini scritteLettera Politica N. 785

Verona, 11 settembre 2019. - di Paolo Danieli*

Glielo avevamo chiesto anche noi di staccare la spina. Glielo chiedevano i leghisti e gli elettori di destra. Poteva farlo prima, ma alla fine l'ha fatto. Però adesso che Salvini la spina l'ha staccata si sentono gli strateghi da caffè dire che non lo doveva fare, che doveva aspettare, che così ci ha messo nella merda.

Le priorità cambiano... e cambiano anche i 5 stelle

  • PDF
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 

Puttane in azioneIl partito che mai avrebbe fatto alleanze, alla fine è stato quello che si è alleato con tutti

Trento, 5 settembre 2019. - di Claudio Cia*

È fatta! Dopo un tira e molla di poltrone la truffa è servita, ha inizio il governo degli interessi convergenti. PD e M5S ne sono gli attori protagonisti, insieme hanno dato vita ad un governo di bugiardi, una maggioranza fittizia, una maggioranza costruita in laboratorio che si è negata al giudizio del popolo Italiano. Gli esponenti del M5S, talebani della democrazia diretta sempre e comunque, sono arrivati perfino a definire "il voto un errore" e a dichiarare che altre soluzioni erano preferibili per avvallare la nuova congrega governativa.

Fanno pena

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Di Maio Conte ZingarettiMonselice, 27 agosto 2019. - di Adalberto de' Bartolomeis

... per non dire peggio ed andare all'insulto. Il "Capitano" aveva lo scettro in mano, conduceva però una costante campagna elettorale che lo ha portato a "farsi saltare in aria ".

Lapidare non è umano perseverare è perfido

  • PDF
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

Conte SalviniMonselice, 20 agosto 2019. - di Adalberto de' Bartolomeis

Cominciamo da nostro Signore, Gesù Cristo e lo scrivo rivendicando il richiamo ad un uomo che, per altri motivi che possano riguardare una fede religiosa, poiché si dichiarò re dei Giudei fu lapidato, torturato e crocifisso.

Oggi, il giorno della verità della italica politica

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Conte Salvini MattarellaTrento, 20 agosto 2019. - Redazione

Oggi, per la politica italiana, il giorno della verità. Alle 15.00, al Senato, il presidente del consiglio Giuseppe Conte pronuncerà il suo discorso. Sarà un duro "j'accusa" nei confronti di Matteo Salvini. Poi l'"avvocato degli Italiani" salirà al Colle per rassegnare le dimissioni.

Il ribaltone di mezza estate

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Matteo Salvini Monselice, 16 agosto 2019. - di Adalberto de' Bartolomeis

Pazzesco di quanto si possa riuscire a fare in questo bislacco Paese! O meglio, direi che sia stravolgente quello che sanno fare, solo loro, i politici: sono semplicemente da voltastomaco. Esiste una sinistra italiana che ha il primato in Europa di sapersi distinguere per essere la più sinistra di tutto l'occidente, ma anche della sinistra che ci può essere, per esempio, in Ucrania, in Moldavia, in Russia, per confermare sotto meschine spoglie, non smentite, di volere apparire con la faccia del "moderato", ma dove?

La politica altro non è che una continua eredità drammatica

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Salvini Di MaioMonselice, 11 agosto 2019. - di Adalberto de' Bartolomeis

Crisi di governo? La Tav Torino Lione è una linea ferroviaria per merci e passeggeri lunga 270 chilometri, di cui il 70% in Francia e solo il 30% in Italia. È bastata una divergenza sulla fattibilità di questa (non grande) opera per far cadere un governo e gettare un intero Paese nel caos.

Beffa (mangiata) ….continua

  • PDF
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

Di Maio & Salvini mangianoTrento, 25 luglio 2019. Redazione

Dopo settimane di feroci accuse ed pesantissimi insulti, in un'ora, a pranzo, (sempre se magna...) i due "amici-nemici", all'unisono, esclamano: "Conte ha detto di andare avanti".........ebbene "noi andiamo avanti".

Retromarcia a tutto spiano: i duellanti sotterrano l’ascia di guerra e fanno pace

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Salvini Di MaioCommedia (tragica) senza fine

Trento, 19 luglio 2019.Redazione

Spettacolo indecoroso, un tira molla indecente: protagonisti Di Maio-Salvini, spettatori impotenti gli italiani che non ne possono più!

Locatelli (chi è costei?): «Io a Verona non c'ero» (ovvero Salvini come Pinocchio)

  • PDF
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

Salvini PinocchioTrento, 13 luglio 2019. - di Mirko De Carli*

"Io non c'ero a Verona". Con queste poche parole esordisce il neoministro della famiglia Alessandra Locatelli dopo aver giurato davanti al Presidente della Repubblica e al premier Conte.

Di Maio&Fraccaro, “assoluti protagonisti di giornata”

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Di Maio FraccaroTrento, 9 luglio 2019. – di Claudio Taverna

Iscritti d'ufficio al registro degli " assoluti protagonisti di giornata", i ministri Di Maio e Fraccaro, campioni di ignoranza, nel senso che ignorano (o fanno finta) ciò che hanno scritto sui vitalizi nella sentenza, di cui oggi si parla, i giudici della Cassazione a Sezioni Unite civili.

Mirko De Carli (PdF): “Una misura shock per le imprese? Basta IRAP!”

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Mirko DE CARLIPdF: "senza lavoro non c'è famiglia ma senza famiglia non c'è lavoro"

Trento, 27 giugno 2019. – di Danilo Bassan

«È più che mai evidente che le piccole e medie imprese italiane, nella stragrande maggioranza di carattere familiare, non siano più in grado di reggere la sfida della globalizzazione e la necessaria riorganizzazione per mettere in pratica una sera internazionalizzazione. Ci sono evidenti difficoltà che non siamo mai stati capaci di affrontare a livello di governo del paese: l'incapacità dei nostri imprenditori ad operare, in Europa e nel mondo, attraverso una vera e propria logica di "distretto" o "comparto" industriale, la mancata volontà di presentarsi nella competizione globale sotto un unico brand "Italia" anziché divenire sempre più marginali proponendosi come marchi territoriali limitati, non competitivi e sconosciuti negli altri continenti e l'impossibilità di riqualificare la propria attività economica a causa di un'eccessiva burocrazia e di un'insostenibile pressione fiscale» dichiara Mirko De Carli, coordinatore alta Italia del Popolo della Famiglia.

Le comunità e i partiti

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Scheda elettoraleLettera Politica N. 770

Trento, 17 giugno 2019. - di Diego Marchiori

La discrepanza dei risultati dei partiti vincitori alle elezioni europee rispetto alle comunali segnala un aspetto che dovrebbe far passare notti insonni ad ogni leader di partito. Laddove viene meno il concetto di comunità politica a vantaggio di una gestione del partito in chiave leaderista, i voti sul territorio sono slegati e contraddicono il consenso nazionale. Berlusconi, che ha sempre gestito il partito ad personam, in vent'anni è riuscito ad insegnare agli attuali 40enni al potere che oggi si può ottenere il consenso senza avere il popolo alle spalle.

Chi è online

 562 visitatori e 1 utente online