Renzi contro il Veneto

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Autonomia del Veneto: una chimera!

Verona, 1 maggio 2016. - di Paolo Danieli*

"Ragazzi, ho due notizie da darvi: una bella e una brutta. Quale volete che vi dica per prima?" "Beh, quella brutta, così ci mettiamo il cuore in pace..." "D'accordo: siamo nella merda fino al collo!" "E quella bella?" "Ce n'è per tutti!"

Sembra un po' quella barzelletta la risposta del governo alla richiesta formale del Presidente del Veneto Zaia di celebrare il referendum sull'autonomia del Veneto e avviare il negoziato per realizzarla.

Da alcune anticipazioni pare che il Governo sia intenzionato a rispondere positivamente. Notizia buona. Risultato storico della giunta Zaia sulla strada dell'autonomia, inseguita da Veneti da quasi un trentennio. Apertura quantomeno strana, se si pensa che il governo Renzi è dedito a realizzare una svolta centralista, come dimostra la sua riforma costituzionale.

Ma ecco la brutta notizia: il governo non è minimamente intenzionato ad autorizzare la celebrazione del referendum ad ottobre assieme a quello sulla riforma della Costituzione, che è appunto di segno opposto. E come se non bastasse il governo chiude a qualsiasi possibilità di statuto speciale per il Veneto.

In sostanza: visto che il referendum per l'autonomia speciale è stato approvato a stragrande maggioranza dal Consiglio regionale veneto, non posiamo impedirvi di farlo. E pagatevelo anche. Ma che poi possa avere degli effetti pratici toglietevelo dalla testa!

Insomma, Renzi chiude ad ogni possibilità di dialogo con il Veneto e svela la sua indole statalista, centralista e autoritaria. E alla faccia della spending review se ne sbatte della possibilità di fare un election day, e se la gode di far spendere ai Veneti i 14 milioni di euro che costa. Questo è il governo Renzi.

L'art. 116 della Costituzione recita: " Alla Sicilia, alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, al Friuli-Venezia Giulia e alla Valle d'Aosta sono attribuite forme e condizioni particolari di autonomia, secondo statuti speciali adottati con leggi costituzionali."

Spieghino allora Renzi e compagni perché alcune regioni sì e altre no.

Spieghino allora Renzi e i suoi reggicoda, anche quelli che fino a ieri erano federalisti, che credibilità può avere la sua politica dei "due pesi e due misure".

Ci dicano se pensano, così facendo, di rendere un buon servizio all'unità del paese, dato che una chiusura così brutale all'autonomia si traduce di fatto in un regalo agli indipendentisti.

* già senatore della repubblica - Lettera Numero: 629

Renzi contro il Veneto