Mar12072021

Last update04:22:34

Back Politica Politica e Società Speciale Elezioni Denunce a Roma e Bruxelles. "Mezzo milioni di euro per le cento biciclette di Appiano?"

Denunce a Roma e Bruxelles. "Mezzo milioni di euro per le cento biciclette di Appiano?"

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Bolzano, 26 aprile 2019. - Redazione*

Sarebbero 440 mila euro di Fondi europei, e su questi nemmeno la disponibilità a renderne atto all'opinione pubblica.

Il caso delle biciclette elettriche in comodato a cifra assolutamente simbolica che ha beneficiato un selezionato numero di cittadini scelti chissà come e chissà per che cosa dall'amministrazione comunale di Appiano approderà immediatamente a livello parlamentare con un'interrogazione presentata dal Gruppo di Fratelli d'Italia e al Parlamento Europeo subito dopo le imminenti elezioni.

"Questione di trasparenza, ma anche di sobrietà – annunciano all'unisono Alessandro Urzì, consigliere provinciale di Alto Adige nel cuore – Fratelli d'Italia e Francesca Gerosa, candidata territoriale di Fratelli d'Italia alle prossime consultazioni europee. Sostenere politiche ambientali è giusto, ma i Comuni come quello di Appiano non possono rifiutare la disponibilità a rendere conto nei dettagli di fronte alle iniziative formali come quelle che avevamo mosso in queste settimane su stimolo di Rosanna Oliveri referente dell' Alto Adige nel cuore per l'Oltradige. Si chiedeva conto dei criteri di assegnazione dei mezzi, ma anche di proporzionalità dell'investimento di fronte ad emergenze conclamate, per esempio quella della viabilità nel capoluogo."

Il Comune di Appiano si è rifiutato di rispondere all'interrogazione di Urzì, la Provincia ha liquidato la questione parlando di un finanziamento una tantum di 61.750 euro, mentre si verrebbe ora a sapere dell'ammontare incredibile del finanziamento pubblico con fondi europei sino a quasi mezzo milione di euro.

"Su questo chiederemo conferme e la massima trasparenza che finora non c'è stata. Questa è l'Europa da ricostruire, quella che disperde risorse in infiniti rivoli, distraendole da azioni concrete tese ad allentare le politiche di austerità imposte a Paesi come l'Italia" – dicono Urzì e Gerosa.

* comunicato

Denunce a Roma e Bruxelles.

Chi è online

 147 visitatori online