Sab10232021

Last update05:08:03

Back Politica Politica e Società Speciale Elezioni I lamentosi in infradito

I lamentosi in infradito

  • PDF
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

Renzo Piano, Alberto Pacher, Alessandro Andreatta un brindisi alla speculazioneTrento, 11 maggio 2015. - di Alex Boller

Ancora una volta è mancato il coraggio.
Già, forse avete ragione, non è solo questione di coraggio. Ci sono altri elementi, molto più complessi (ma molto meno dignitosi) della paura del cambiamento.
E' pur vero che Andreatta & Co. hanno raccolto una percentuale minore di consensi, tuttavia non è questo che a noi importa. Il dramma sta nel fatto che per altri cinque, interminabili anni, ritroveremo al timone di questa bagnarola mal galleggiante, qual è la nostra Trento degli ultimi tempi, degli Schettini che, invitati al timone, preferiscono una serata conviviale in cambusa.

E' stata persa un'occasione irrinunciabile.

I primi responsabili di tutto ciò sono comunque gli elettori. Una percentuale ridicola si è recata alle urne. I lamentosi accigliati, coloro sempre in prima linea a denunciare la mala amministrazione degli scorsi anni, hanno scelto il lago alla faticosissima incombenza di vergare una croce su uno dei simboli di cambiamento.

C'è rabbia nel constatare che un piccolissimo sforzo (che sacrificio non dovrebbe essere, quando c'è in gioco il futuro) pesi talmente.
Devo dire che negli scorsi giorni un campanello d'allarme era scattato nella mia testa. Troppi: "Tanto qui da noi non cambia mai" incominciavano a preoccuparmi. Nonostante tutto, quale inguaribile ottimista sono, mi ero detto che questa sarebbe stata la volta buona, invece...
Il candidato sindaco che la coalizione di centro-destra aveva presentato era, secondo la mia opinione, una persona che rispecchiava alla perfezione il sindaco che tutti vorrebbero. Impegnato, altruista, ascoltatore instancabile, poco politico.

La prima dichiarazione dell'eletto Alessandro, è stata indirizzata al risultato positivo della Lega Nord. Sconvolto da ciò, dice che il primo step che lo aspetta è "Lavorare sulla cultura".
Siamo spacciati! La città alla deriva non ha nemmeno sfiorato i suoi confusi pensieri.

Questo è ciò che ci aspetta, questi sono gli amministratori che abbiamo scelto.

Punto il dito verso i soli rei di tale risultato: gli allegri piagnucolosi in infradito.

I lamentosi in infradito

Chi è online

 242 visitatori online