L'immoralità come metodo di governo

Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

Matteo RenziBolzano, 19 maggio 2015. - di Salvatore Piras

I tre governi preconfezionati da Napolitano con metodo bolscevico senza elezioni e fatti ingoiare con l'imbuto al popolo italiano – Monti, Letta e Renzi – hanno rubato ai 16 milioni di pensionati italiani una cifra tra i 16 e i 18 miliardi di euro, bloccando illecitamente l'adeguamento delle pensioni al costo della vita. Tanto i pensionati non possono scioperare!

Ora che la Corte Costituzionale ha certificato il furto e intimato di restituire il malloppo, Renzi, che ancora crede di incantare i gonzi, se ne esce promettendo (!) di restituire solo a 4 milioni di pensionati, appena 500 euro, "una tantum" e non subito ma il 1° agosto prossimo. Il che significa restituire solo 2 miliardi. E gli altri 14-16? Dice che non ci sono i soldi!

Ma, quando ci arriva una cartella delle imposte, giusta o sbagliata, possiamo forse noi cavarcela dicendo che non abbiamo i soldi e quindi che paghiamo solo quello che possiamo? O non è forse vero che basta pagare anche con un solo giorno di ritardo e scattano multe, more e penali che moltiplicano la somma dovuta?

Queste considerazioni devono essere tenute presenti anche per le votazioni del ballottaggio tra Urzì e Spagnolli del 24 maggio prossimo

Votare Spagnolli è come sostenere ancora Renzi. Intanto perché sono tutti e due del PD e quindi seguono la stessa politica economica e sociale , inoltre perché a Bolzano Spagnolli ha fatto le stesse cose di Renzi. Oltre ad averci riempito di chiacchiere e di promesse, ha riempito la città di mendicanti e prostitute, di delinquenza stanziale e nomade, sostenendo sempre che tutto va bene, esattamente come Renzi. Ma ha anche applicateo le maggiorazioni irpef al massimo possibile e l'IMI che abbiamo pagato nel 2014 ( in base al quale pagheremo nel 2015) è stata molto maggiore dell'anno precedente. Dunque SPAGNOLLI = RENZI e RENZI = SPAGNOLLI.

Ricordatevelo il 24 maggio prossimo!

L'immoralità come metodo di governo