Mer10212020

Last update05:07:26

Back Politica Politica e Società Sprechi e Scandali Provincia dalle mani bucate

Provincia dalle mani bucate

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Rodolfo BorgaTrento, 31 ottobre 2014.Redazione

Crisi, disoccupzione giovanile, tassazione senza limiti, tiket in sanità, opere pubbliche promesse da anni rinviate sine die, eppure malgrado ciò, la Provincia autonoma dimostra ancora una volta di avere le mani bucate.

L'ennesimo esempio? Lo stanziamento di 600.000 euro per progetti di integrazioni degli stranieri.

Lo denuncia il consigliere Rodolfo Borga, con l'interrogazione che pubblichiamo di seguito.

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

Gruppo consiliare Civica Trentina

Trento, 31 ottobre 2014

Al Presidente del
Consiglio Provinciale
Bruno DORIGATTI

INTERROGAZIONE n.


600.000,00 euro per discutibili progetti d'integrazione degli stranieri: quali i criteri con cui vengono distribuite le risorse?

Con delibere nn. 1802 e 1803 del 27 ottobre scorso la Giunta provinciale ha approvato due progetti riguardanti cittadini extracomunitari simpaticamente titolati "Conosci-Mi" e "FORmazioneITaliano", dal costo complessivo di 593.700,00 euro.

Il progetto "Conosci-Mi" ha la finalità di "promuovere un sistema integrato di politiche di coesione sociale volte a favorire il dialogo interculturale e il coinvolgimento della società ospitante (cioè noi, tanto capirci) nei processi d'integrazione, utilizzando da un lato i numerosi strumenti di comunicazione disponibili, dall'altro realizzando una serie di eventi/iniziative sul territorio trentino".

Il costo complessivo del progetto è pari alla rispettabile somma di 268.000,00 euro.

Tra i costi previsti, 33.600,00 euro sono per il personale e 205.260,00 sono destinati alla produzione e messa in onda di storie di vita e rubriche (50.560,00 euro), alla produzione emessa in onda di spot (48.00,00 euro), alla produzione di brochure (6.000,00 euro), alla produzione e diffusione di cartelloni pubblicitari (16.000,00 euro), all'organizzazione di cineforum e matinée (8.000,00 euro), all'organizzazione di incontri folkloristici (48.000,00 euro), all'organizzazione d'incontri in-formativi (si noti la finezza) con circoli anziani, associazioni di migranti, forze dell'ordine, amministratori (5.700,00 euro), ed a compensi per esperti in materia d'immigrazione (10.000,00 euro), per un esperto giornalista in materia d'immigrazione (5.000,00 euro) e per un esperto ricercatore (5.000,00 euro).

Da rilevare la circostanza per cui gli oltre 200.000,00 euro di cui sopra verranno distribuiti con "incarichi diretti" e cioè, a quanto è dato comprendere, senza alcun tipo di gara o confronto.

Il progetto "FORmazioneITaliano" ha invece i seguenti obiettivi: "1) acquisizione della lingua L2; 2) educazione civica e alla cittadinanza attiva; 3) potenziamento di un sistema territoriale a supporto dell'apprendimento della L2 finalizzato all'orientamento degli stranieri".

Tra le ben 16 azioni formative previste dal progetto, merita di essere segnalata la conoscenza dei principi fondanti dei valori ispirati alla Costituzione italiana ed alla carta dei Diritti dell'uomo, che immaginiamo incontrerà particolare gradimento tra i destinatari del progetto.
Il costo complessivo del progetto ammonta alla bellezza di 325.770,00 euro, 60.000,00 dei quali sono destinati a coordinatori e amministrativi, 161.490,00 euro a docenti e mediatori e 51.957,00 agli istituti scolastici attuatori del progetto.

Anche in tal caso, il grosso delle risorse (quelle destinate a docenti, amministrativi, mediatori e coordinatori per complessivi 221.490,00 euro) viene distribuiti con affidamenti diretti.

Premesso che il sottoscritto nutre seri dubbi circa l'utilità di tali costose iniziative e l'opportunità di promuoverle nel momento in cui la Provincia opera pesanti tagli al bilancio provinciale (gli oltre 120.000,00 euro per pubblicità varia sono prima che inutili scandalosi), ciò che preme rilevare è l'assenza di criteri certi per la scelta dei soggetti cui andranno larga parte delle ingenti risorse previste, che sembrano essere destinate a venir distribuite con modalità del tutto discrezionali.

Facciamo riferimento da un lato ai 220.000,00 euro destinati a docenti, mediatori, amministrativi e coordinatori, dall'altro ai circa 170.000,00 euro destinati a produzioni televisive e pubblicità varia (spot, rubriche, brochure, cartelloni etc....).

Poiché gli allegati alle due delibere parlano di incarichi ed affidamenti diretti, non si comprende quali siano i criteri in base ai quali saranno scelti gli insegnanti, i mediatori e gli amministrativi cui spetteranno i compensi previsti dal progetto "FORmazioneItaliano", né quali in base ai quali saranno scelte le aziende incaricate di procedere all'attività informativa del progetto "Conosci-Mi" (secondo qualche malalingua i veri beneficiari dei due progetti).

Quanto sopra premesso, il sottoscritto consigliere

interroga il Presidente della Provincia al fine di conoscere

quali saranno i criteri in base ai quali saranno scelte sia le aziende che saranno incaricate di attuare il progetto "Conosci-Mi", che i docenti, i mediatori, gli amministrativi e i coordinatori che terranno i corsi formativi del progetto "FORmazioneItaliano".

A norma di regolamento si richiede risposta scritta.

cons. Rodolfo Borga

Provincia dalle mani bucate

Chi è online

 184 visitatori online