Ven11272020

Last update04:50:20

Back Sport

Sport

Tre Rifugi: "Lavoro senza sosta per i responsabili del tracciato"

  • PDF

Mondovì, 16 marzo 2012. - Il lavoro del Comitato Organizzatore della Tre Rifugi è frenetico. Per la tappa di Coppa Italia - Trofeo Scarpa si lavora incessantemente su più fronti, dalla segreteria operativa per le iscrizioni ai volontari impegnati alla tracciatura del percorso. Le condizioni del manto nevoso sono ottimali, le creste e le cime che vedranno il passaggio degli atleti sono oramai segnalate e messe in sicurezza. La neve a nord è ancora farinosa mentre negli altri versanti è già trasformata. Nelle prossime ore i volontari del Cai, il Soccorso Alpino, e le Guide Alpine termineranno di segnalare il percorso di gara che come lo scorso anno sarà tecnico e molto spettacolare.

Fabbrini: “Tanto rammarico, ma il campionato non aspetta”

  • PDF

Udine, 16 marzo 2012. - Ha provato a dare la spinta in più che serviva all'Udinese negli ultimi minuti di partita ma non è bastata. Diego Fabbrini è amareggiato al termine di un incontro in cui l'Udinese ha lasciato sul campo ogni goccia di sudore: "La partita era iniziata bene – racconta l'attaccante toscano –, in poco più di un quarto d'ora siamo riusciti a pareggiare il risultato sfavorevole dell'andata, poi il gol di Falkenburg ci ha tagliato le gambe. Ci siamo rimboccati le maniche per imbastire una nuova rimonta e fare altri due gol, ma non ci siamo riusciti".

Presentata la Tre Rifugi, sogno di Coppa del Mondo

  • PDF

Mondovì, 12 marzo 2012. - La Tre Rifugi si è presentata al grande pubblico con un doppio evento del tutto inedito: prima la conferenza stampa in municipio a Mondovì, poi la serata pubblica presso la sede del Parco Naturale del Marguareis a Chiusa di Pesio. Alla presenza del Sindaco di Mondovì, Stefano Viglione, e dell'Assessore con delega allo sport, Luciano D'Agostino, il Comitato Organizzatore ha accolto i media presso la prestigiosa sala consigliare di Mondovì. Al tavolo dei relatori il presidente Prof. Sebastiano Teresio Sordo, il direttore tecnico Giorgio Colombo ed il segretario generale dell'ISMF, il monregalese Roberto Cavallo.

«Un evento che rende onore alla tradizione montanara - ha dichiarato Viglione - delle nostre vallate. Un evento non solo sportivo, ma anche turistico che unisce più realtà locali. Ringrazio il C.O. e tutti i volontari che permettono lo svolgimento della Tre Rifugi».

«Ho imparato a conoscere la Tre Rifugi - ha spiega D'Agostino - perché, ancora bambino, vidi un servizio alla Domenica Sportiva condotta da Alfredo Pigna. Ne rimasi piacevolmente colpito: un evento che raccoglie sotto un'unica bandiera la nostra tradizione e che, nonostante le difficoltà economiche punta ad un grande rilancio internazionale».

Particolarmente accorato l'intervento del Prof. Sebastiano Teresio Sordo: «Ricordo, quando ancora studente, che alla vigilia della Tre Rifugi il Maestro Abbona si assentava qualche giorno dicendo: "Vado a tracciare la Tre Rifugi". Ora sono a rappresentare questa manifestazione proprio nell'anno di una ricorrenza straordinaria, il sessantenario. Si apre dinnanzi a noi una nuova vita, fatta di scelte difficili, ma doverose per centrare un rilancio ad alti livelli. Cito Hélder Pessoa Câmara per far capire quale sia il nostro stato d'animo "Se uno sogna da solo, il suo rimane un sogno; se il sogno è fatto insieme ad altri, esso è già l'inizio della realtà." Il mio augurio è proprio questo, che l'inserimento della Tre Rifugi nel calendario internazionale diventi il sogno di molti».

L'intervento di Giorgio Colombo ha evidenziato le caratteristiche tecniche dei tracciati: la "Tre Rifugi, ora come allora", gara a coppie in tecnica libera che si svolgerà sabato 17 marzo, e la "nuova" Tre Rifugi di domenica 18, gara individuale e facente parte del calendario di Coppa Italia - Trofeo Scarpa. «Abbiamo deciso di incentivare la presenza di pubblico sul tracciato con due iniziative: l'accesso alla seggiovia da Rastello a Borrello sarà gratuito per coloro che vorranno assistere all'arrivo degli atleti e lungo il percorso, grazie al nostro main sponsor Ferrino, potremo distribuire dei particolari gadget».

Domizzi: “L’errore dell’arbitro è molto grave”

  • PDF

Udine, 12 marzo 2012. - Non le manda Maurizio Domizzi al termine della sfortunata sbandata al Silvio Piola di Novara: "Non credo che il problema principale sia stata la stanchezza. Non è facile giocare ogni tre giorni e non ci siamo abituati. Comunque abbiamo tenuto fisicamente e nel finale avremmo anche potuto portarla a casa".

Alle spalle l'Atalanta, si viaggia verso l'AZ

  • PDF

Udine, 7 marzo 2012. - Lottare per i propri obiettivi guardando chi sta davanti ma anche chi sta dietro. Come in una gara ciclistica, l'Udinese lascia il ruolo di lepre per una settimana concedendo facendosi dare il cambio, al terzo posto, dalla Lazio vittoriosa nel derby contro la Roma. La squadra di Francesco Guidolin, al terzo pareggio interno consecutivo, ha trovato sulla sua strada una squadra accorta, precisa e ben organizzata come l'Atalanta di Stefano Colantuono che ha ringraziato anche le prodezze del suo portiere per esser riuscita a strappare un punto dal Friuli.

Udinese bloccata dall'Atalanta, finisce 0-0

  • PDF

Udine, 4 marzo 2012. - Guidolin avrebbe voluto festeggiare diversamente la Panchina d'Oro davanti al suo pubblico e invece si è dovuto accontentare di un pari a reti bianche contro l'Atalanta. Il tecnico bianconero ripropone Fabbrini titolare vicino a Toto' Di Natale e lascia fuori Armero reduce dall'impegno oltreoceano con la nazionale. Primo tempo avaro di emozioni con poca brillantezza, squadre bloccate e niente o quasi da annotare alla voce "azioni pericolose e palle gol". Fabbrini e Di Natale da una parte e Marilungo e Denis dall'altra ci mettono impegno ma hanno pochi spazi a disposizione. A centrocampo si fatica a creare. Il primo tiro in porta arriva al 6' con un sinistro di Di Natale che finisce a lato.

Udinese-Atalanta, non sarà solo Di Natale e Denis....

  • PDF

Udine, 3 marzo 2012. - Udinese-Atalanta sarà sfida tra bomber ma, più in generale, confronto tra attacchi che con i loro gol hanno mandato in visibilio le rispettive tifoserie e che hanno permesso ad entrambe le squadre di essere tra le protagoniste di questo campionato.Andando a guardare nello specifico, la squadra di Francesco Guidolin ha segnato 37 gol (gli stessi della Juventus) facendo timbrare il cartellino a ben 11 giocatori diversi. La palma del leader la detiene Antonio Di Natale con 18 marcature (attualmente leader incontrastato della classifica marcatori del nostro campionato).

Chi è online

 178 visitatori online