Ven09302022

Last update03:46:52

Back Sport Ciclismo Dall'8 al 12 settembre: Campionati europei di ciclismo. A disposizione una task force di 200 persone

Dall'8 al 12 settembre: Campionati europei di ciclismo. A disposizione una task force di 200 persone

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Saranno curati i dettagli organizzativi cercando di limitare i disagi. Tanti eventi collaterali per vivere il clima della competizione

Trento, 9 agosto 2021. - Redazione*

I Campionati Europei di Ciclismo su strada spiccano in questa magica estate delle due ruote in Trentino, anticipati dai Campionati del Mondo di mountain bike che la Val di Sole ospiterà pochi giorni prima. Terminato lo spettacolo dei virtuosi dell'offroad, le attenzioni del mondo ciclistico si concentreranno su Trento e il suo territorio circostante (fino al Monte Bondone e alla Valle dei Laghi) regalando cinque giorni di grandi emozioni e di straordinaria visibilità internazionale, un'esposizione mediatica di grande importanza per stimolare i flussi turistici finalmente tornati ai ritmi abituali dopo i lunghi e tormentati mesi del Covid.

Ovviamente come tutti i grandi eventi – e questo certamente lo è, con circa 800 atleti in rappresentanza di almeno 45 nazioni impegnati dall'8 al 12 settembre nelle prove in linea e a cronometro con in palio 13 titoli continentali - i Campionati Europei di Ciclismo su Strada monopolizzeranno per una settimana l'attenzione generale creando tante occasioni di incontro, momenti di interesse e qualche inevitabile disagio.

La città di Trento ha sposato questo progetto con grande disponibilità ed entusiasmo rendendo possibile un lavoro in stretta sinergia con il Comitato Organizzatore (affidato all'Azienda di Promozione Turistica Trento Monte Bondone Valle dei Laghi e a Trento Eventi Sport in collaborazione con Trentino Marketing) con due obbiettivi ben precisi: ottimizzare da ogni punto di vista i ritorni di questo appuntamento e limitare per quanto possibile i disagi alla cittadinanza ed alle attività commerciali e produttive.

Le limitazioni al traffico: una task-force in campo

Già in precedenti esperienze (l'ultima, in ordine di tempo, il passaggio del Giro d'Italia lo scorso maggio) il sistema-Trento ha dimostrato di saper gestire con competenza e flessibilità i provvedimenti che interessano la circolazione ordinaria. Chiaro che l'Europeo è molto più di una frazione di una grande corsa a tappe, perché l'evento permane sul territorio e le gare si disputano in cinque giorni. I primi due giorni riguardano il circuito della crono che si sviluppa verso sud fino ad Aldeno per poi rientrare in città, con partenza e arrivo fissati al quartiere delle Albere.

Per le gare in linea, Trento spalancherà invece il salotto di Piazza Duomo dove parte e si conclude un circuito cittadino che sale fino a Povo. Nell'ultima giornata, quella della prova elite maschile, i corridori percorreranno anche un tratto in linea che interesserà il Bondone e la Valle dei Laghi, prima di rientrare nell'anello che con otto giri designerà il nuovo titolare della maglia più ambita.

Il denso programma delle gare (13 titoli assegnati nelle varie categorie maschili e femminili) prolungherà l'impegno per molte ore al giorno ma l'impiego di risorse umane sarà massimo proprio per ridurre il disagio. Questo renderà possibile aperture negli intervalli tra le diverse gare, quindi una gestione flessibile del traffico che però richiede tanto personale sul campo, partendo dalle forze delle Polizie Locali e della Polizia Stradale con il contributo di altri corpi (Carabinieri, Polizia, Finanza, Forestale, Vigili del Fuoco), di numerose associazioni di volontariato e di un adeguato contingente di personale ASA abilitato, oltre allo staff e alle 15 motostaffette dell'organizzazione.
Insomma, un'autentica task-force di almeno 200 persone, a terra o in movimento, per garantire più sicurezza alle gare e meno disagi alla cittadinanza.
Massima attenzione alle attività produttive

L'evento coincide con un momento importante per tutte le attività produttive, che riprendono dopo la pausa estiva e particolarmente delicato per i produttori vinicoli e frutticoli, in quanto cade durante il periodo di raccolta e conferimento. Un'attività che coinvolge vaste aree del Trentino e rispetto alla quale i primi due giorni di gara dell'Europeo vanno a interessare una zona (Ravina-Aldeno-Mattarello) decisamente cruciale. La dinamica delle gare a cronometro prolunga peraltro l'occupazione della sede stradale e questo ha generato qualche giustificata preoccupazione da parte dei produttori.

Le riaperture temporanee del traffico negli intervalli tra le diverse gare è resa problematica dal rilascio di terra dai mezzi agricoli che, soprattutto in caso di pioggia, potrebbe rendere molto insidioso il fondo stradale. La soluzione è venuta dalla preziosa collaborazione che il Comitato Organizzatore ha ottenuto da Dolomiti Ambiente. Una squadra di mezzi guidati da personale specializzato effettuerà interventi programmati per eliminare ogni rischio sia in caso di strada asciutta (con l'intervento di spazzatrici) che nell'eventualità di tempo piovoso (in tal caso, verranno utilizzati mezzi con autobotti per la pulizia dell'asfalto). La soluzione renderà possibile in 40 minuti il ripristino delle migliori condizioni di percorrenza per i ciclisti.
Trasporti e sostenibilità: Trento in bici, in ogni senso

L'inizio dell'anno scolastico in Trentino è fissato per il 13 settembre (con la sola eccezione delle materne), dunque il giorno dopo la conclusione degli Europei: la decisione lungimirante della Provincia ha consentito di eliminare ogni criticità negli spostamenti degli studenti. Tuttavia Trentino Trasporti dovrà garantire comunque il servizio ed una particolare attenzione agli spostamenti dei pendolari in fasce orarie che verranno dunque protette rispetto al programma delle gare.
In linea generale, per chi ne ha la possibilità, lasciare a casa la vettura e spostarsi in bicicletta o a piedi può rappresentare un segnale importante da parte di una cittadinanza nota per amare lo sport, e un bel modo in cui la città può confermare la sua propensione alla mobilità sostenibile e alla salvaguardia dell'ambiente.
Non è un caso che la pedalata "Trento in Bici", organizzata da Fiab con il contributo dell'azienda di Promozione Turistica, chiami proprio nella giornata conclusiva degli Europei i cittadini ad una uscita tutti insieme, in pieno relax: un modo in più per far sentire che a Trento le biciclette sono sempre benvenute.
Le campagne informative: massima attenzione per anziani e disabili

E' ovviamente impossibile pretendere che tutti siano felici ed entusiasti per questo evento: ma quello è che tassativo per l'organizzazione è fare in modo che tutti siano informati. L'ultimo mese in avvicinamento agli Europei si tradurrà in un susseguirsi di messaggi per gestire la situazione con saggezza.

Lo staff organizzativo e uno stuolo di volontari – a cui va fin da ora il ringraziamento più sentito – si impegneranno per far sentire alla città l'evento come una cosa propria. Anche giovani stagisti metteranno il loro tempo e il loro entusiasmo a disposizione di questa missione.

Un'attenzione particolare sarà riservata agli anziani ed ai disabili cercando di presidiare le zone più interessate dagli allestimenti con hostess e stewart in grado di fornire aiuto e assistenza laddove occorra. L'obbiettivo è garantire a tutti di poter svolgere normalmente le proprie attività, raggiungere i luoghi di lavoro, gli uffici pubblici e i luoghi di culto anche durante lo svolgimento delle gare.

Piena collaborazione e sinergie con gli altri sport

Trovare una buona sinergia anche con le altre discipline sportive è un tema che l'organizzazione non ha trascurato. Le tre realtà di spicco di Trento nelle discipline di squadra – Trento Calcio, Aquila Basket e Trentino Volley – sono all'inizio di una nuova stagione con trasferte, incontri e allenamenti da programmare. Il dialogo con le società ha consentito di ottimizzare ogni esigenza evitando sovrapposizioni delle gare con incontri ufficiali e organizzando quanto necessario per gli spostamenti dei giocatori tra gli impianti e le rispettive residenze.

Rispetto al resto del pianeta-ciclismo, invece, l'organizzazione ha attivato ogni forma di collaborazione con il Comitato Provinciale della Federazione Ciclistica Italiana per favorire il massimo coinvolgimento delle società e dei giovani atleti delle varie società, e di tutti i partecipanti della Coppa d'Oro che si concluderà a Borgo Valsugana proprio nella mattinata del 12 ottobre: anche loro avranno modo, se lo vorranno, di raggiungere Trento per ammirare i campioni più acclamati del pedale, i propri idoli.
Trento Fiere quartier generale e polo sanitario dell'evento

Trento Fiere è il cuore pulsante di questi Europei: sarà il quartier generale per tutte le operazioni di accredito, i controlli sanitari, gli uffici organizzativi, il coordinamento delle forze dell'ordine, la stampa. A Trento Fiere sarà anche allestito un ristorante aperto esclusivamente agli accreditati della manifestazione per garantire loro pasti anche in orari disagiati, dovuti alle esigenze operative dettate dal programma delle gare.

Il piano sanitario e le misure anti-Covid saranno molto rigorose: lo staff medico e infermieristico sono predisposti per fare fino a 3000 tamponi, anche se tutti coloro che a vario titolo partecipano all'evento avranno già effettuato anticipatamente e prodotto adeguata documentazione sul loro stato di salute. La perfetta collaborazione con l'Azienda Sanitaria darà modo di realizzare a Trento un evento assolutamente sicuro.
Immediatamente prima e dopo l'Europeo, l'Università di Trento organizza presso Trento Fiere due importanti concorsi: il 3 settembre si svolgerà il test per l'ammissione alla Facoltà di Medicina, con poco meno di 700 candidati; il 14 settembre sarà la volta degli aspiranti ad intraprendere un percorso nelle professioni mediche. Lo svolgimento ravvicinato di questi due appuntamenti rispetto ai Campionati renderà necessario uno sforzo extra per realizzare gli allestimenti all'interno dei locali preparandoli ad accogliere i circa 1500 accreditati attesi a Trento.

Tecnologia d'avanguardia e infrastrutture digitali

A Piazza D'Arogno fisserà il proprio quartier generale il team della produzione televisiva dell'Eurovisione con l'allestimento del "TV compound" con tutti i mezzi necessari per le trasmissioni in diretta nelle diverse giornate di gara. Si tratterà di un impianto tecnologico di ultima generazione con il fondamentale contributo di Trentino Digitale per la predisposizione di un'adeguata infrastruttura in fibra ottica. Collegamenti ad alta velocità saranno resi possibili anche all'interno del quartier generale di Trento Fiere.
Anche il palco principale di Piazza Duomo sarà attrezzato con tecnologia d'avanguardia per quanto riguarda audio, illuminazione e il sistema di digital network per portare il segnale video fruibile attraverso il maxi schermo in tutte le postazioni operative e nelle hospitality dove verrà predisposta un'esperienza enogastronomica legata ai prodotti e ai sapori del Trentino.

Operazioni che richiederanno, ovviamente, un adeguato lavoro di preparazione a partire dal 26 agosto.

Sicurezza ovunque, per i partecipanti e per i cittadini

I Campionati Europei produrranno una cospicua occupazione alberghiera per un periodo di dieci giorni con un volume atteso ben superiore alle 10.000 presenze. Per soddisfare le esigenze di quanti partecipano all'evento, saranno interessate gran parte delle strutture cittadine e molte altre nel raggio di circa 30 km. Il protocollo Covid predisposto dall'organizzazione prevede misure di massima sicurezza negli alberghi come pure nelle zone interessate dallo svolgimento delle gare con accessi controllati, misurazione della temperatura, distanziamento, uso delle mascherine e colonnine per la disinfezione: il personale sarà sensibilizzato a richiamare tutti al rispetto delle norme cautelative.
Il tema della sicurezza riguarda anche le gare e in generale la preparazione delle strutture che avrà inizio a due settimane dal via. Considerando in particolar modo le fasi preparatorie nel pieno centro della città, l'organizzazione osserverà massima attenzione all'incolumità delle persone, presidiando con particolare cura la movimentazione dei materiali (un dato per tutti: 6 km di transenne) e dei mezzi pesanti.

Tanti appuntamenti in città per vivere il "clima" europeo

La città si prepara a vestirsi per l'occasione: dopo i primi pannelli apparsi in corrispondenza con cinque rotonde in punti di grande passaggio, numerosi interventi di arredo urbano sono previsti in avvicinamento, a partire dal 23 agosto, per creare un'atmosfera di forte partecipazione e di benvenuto per gli ospiti stranieri. Tutti i principali esercizi di bar e ristorazione verranno dotati di un abbigliamento dedicato all'evento. Trentino Marketing è la "regia" di tutta l'attività promozionale di questi Europei.

Le iniziative e gli eventi collaterali si intensificheranno già nella settimana precedente con la serata "Aspettando l'Europeo" in Piazza Duomo il 4 settembre, quindi con la mostra dedicata alla bici in Piazza Battisti dove nei giorni successivi avrà luogo un interessante programma di "talk show" con protagonisti personaggi del ciclismo e di storie sportive. Di nuovo in Piazza Duomo, l'11 settembre, un altro suggestivo appuntamento per il pubblico, la Notte degli Europei.
Anche il Muse sarà epicentro di numerose iniziative: dopo la serata con orario prolungato fino alle 23, un appuntamento di cinema all'aperto e infine sabato 11 settembre la cena di gala nella suggestiva cornice del Museo.

Le disposizioni dell'amministrazione comunale: dialogo aperto

Per disciplinare tutta la fase esecutiva dell'evento, l'amministrazione comunale comunicherà nel dettaglio nei prossimi giorni i provvedimenti relativi alle chiusure o limitazioni al traffico, alla gestione dei parcheggi interessati dalla manifestazione, all'occupazione del suolo pubblico e delle piazze, allo spostamento temporaneo dei mercati settimanali e infine alla gestione dei plateatici per gli esercizi pubblici che insistono nelle zone interessate dall'evento.
Parallelamente, l'impianto dei provvedimenti assunti sarà oggetto di un aperto confronto con le associazioni di categoria, con le rappresentanze delle circoscrizioni e con tutti i soggetti in qualche modo coinvolti nel garantire la migliore gestione di questo impegno. Il dialogo e la collaborazione sono i criteri ai quali è affidata la migliore riuscita dell'evento in un clima di partecipazione da parte di tutta la cittadinanza.

Allo stesso modo, il Comune istituirà un servizio informativo per dare assistenza ai residenti relativamente a qualsiasi criticità dovesse emergere. È compito di tutti dare un contributo per vincere questa sfida: Trento ha lungamente atteso un appuntamento di tale rilevanza, rinviato di un anno per la pandemia, e finalmente il "magic moment" sta per arrivare: l'invito a tutti è saperne apprezzare il valore.

*Per ulteriori informazioni:
Ufficio Stampa Campionati Europei di Ciclismo su Strada "Trentino 2021"
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
https://www.trentino2021cycling.eu/

PROGRAMMA CAMPIONATI EUROPEI DI CICLISMO SUI STRADA

Mercoledì 8 Settembre 2021
9:15 Cronometro individuale donne junior
10:45 Cronometro individuale uomini junior
14:30 Team Relay (crono a squadre uomini/donne)

Giovedì 9 Settembre 2021
9:15 Cronometro individuale donne élite
10:45 Cronometro individuale donne under 23
14:15 Cronometro individuale uomini under 23
16:00 Cronometro individuale uomini élite

Venerdì 10 Settembre 2021
9:00 Prova in linea donne junior
13:50 Prova in linea uomini junior
16:30 Prova in linea donne under 23

Sabato 11 Settembre 2021
9:00 Prova in linea uomini under 23
14:15 Prova in linea donne élite

Domenica 12 Settembre 2021
12:30 Prova in linea uomini élite

* comunicato

( vedi modifiche alla viabilità)

Dall'8 al 12 settembre: Campionati europei di ciclismo. A disposizione una task force di 200 persone

Chi è online

 188 visitatori online