Cantù macchina perfetta, Trento umiliata al Pianella

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Cantù TrentoCantù, 8 febbraio 2015. - di Daniele Tagliabue*

Una spettacolare Cantù compie alla grande il proprio dovere sbarazzandosi della pratica Trento con un netto 110-84 sul tabellone finale. Partita mai in discussione al Pianella, con la formazione di Sacripanti non solo vincente ma soprattutto anche convincente per quanto mostrato durante tutti i quaranta minuti gioco. Una prova che alza anche il morale tra i giocatori, caricando al meglio l'ambiente in vista dell'importantissima sfida di Mercoledì contro il Paok che, salvo risultati negativi tra il Khimki e Limoges nella giornata di Martedì, potrebbe valere il passaggio del turno per i biancoblu.

Tornando alla sfida odierna, due punti importantissimi in chiave classifica visto l'aggancio a quota 18 proprio a Trento e dato l'esito finale di oggi, significa anche sorpasso visto che l'Acqua Vitasnella ha ribaltato anche il doppio confronto (83-71 il confronto dell'andata). Entrando nel merito dei singoli,eccezionale la prova di Ivan Buva, indiscusso Mvp della contesa: 24 punti, 8 rimbalzi per un devastante 37 di valutazione finale. Ottimo anche Johnson-Odom, ormai elemento fondamentale tra i biancoblu. Il numero uno canturino sforna l'ennesima prova sublime, con 22 punti, 5 assist e 32 di valutazione. Menzione anche per gli altri due lunghi con Williams (14) e Shermadini (12), vincitori del confronto con i diretti avversari sotto i tabelloni. Per Trento una prova incolore, in cui è difficile salvare qualcuno nonostante la doppia cifra di Owens (21), Sanders (12) e Spanghero (10). Una prestazione sottotono, probabilmente la peggiore da inizio campionato. Alla fine il margine è di quelli pesanti, ma non cancella certamente quanto mostrato di buono fino ad oggi.

Cantù: Gentile-Johnson-Odom -Jones-Buva-Shermadini

Trento: Forray-Mitchell-Grant-Pascolo-Owens

JOHNSON-ODOM SI SCAGLIA SU TRENTO, CANTU' VOLA-Si segna poco in avvio di gara, con gli attacchi che sbagliano tanto. I primi punti dell'incontro portano la firma di Pascolo a cui replica Shermadini. Due schiacciate ad opera di Owens e Jones provano a ravvivare il ritmo, ma sono le troppe palle perse a farla da padrone su entrambi i lati del campo. Cantù però improvvisamente s'infiamma: il quarto punto di Shermadini apre un break in cui s'iscrivono prima Buva e poi Johnson-Odom col 2+1 che vale l'11-4 che costringe Buscaglia al primo timeout. Al rientro è ancora la squadra di casa a dettare i ritmi con la bomba di Johnson-Odom e il canestro con libero supplementare di Buva a firmare il massimo vantaggio sul 17-6. Trento prova a cambiare le carte in tavola con gli ingressi di Spanghero e Baldi Rossi, ma la sostanza non cambia e nonostante il canestro a una manciata di secondi dal termine targato Sanders, l'Acqua Vitasnella resta in controllo e chiude la prima frazione sul23-13. Anche nel secondo quarto è Cantù ha tenere meglio il campo e con il ritorno sul parquet di Gentile la squadra di Sacripanti alza i ritmi: è proprio un rimbalzo offensivo del numero trenta biancoblu a generare i tre punti di Hollis, seguiti dalla seconda tripla vincente di Feldeine che porta il punteggio sul 30-15 dopo 14'. A infiammare il Pianella arrivano però due decisioni discutibili: la prima un'interferenza a canestro contro i biancoblu che porta ai due punti di Owens, la seconda una mancata infrazione di passi di Baldi Rossi che scatena l'ira del pubblico canturino, con Trento che ricuce sul meno undici. La squadra di Sacripanti ritrova però immediatamente la via giusta: Johnson-Odom e Feldeine tornano a portare punti a referto, ma è il costante gioco sotto canestro di Williams a mettere in costante difficoltà gli ospiti e il dodicesimo punto di Johnson-Odom chiude nel migliore dei modi i primi due periodi con i brianzoli nettamente in controllo sul 47-29.

BUVA ONE MAN SHOW, TRENTO DEMOLITA-Dopo l'intervallo è Gentile ad aprire le marcature. Trento replica con Grant, ma è ancora l'ottimo Johnson-Odom a imbeccare Buva tutto solo, col numero venticinque a firmare il più ventuno a referto (54-33). Forray dai 6.75 prova a scuotere i propri compagni, ma cinque punti di un grande Buva tengono il margine in piena sicurezza sul 61-40. Trento sbanda, Cantù prova a schiacciarla: prima Jones con due punti di forza, poi Buva, letteralmente indemoniato, ruba palla e vola a schiacciare il più ventitré che obbliga Buscaglia al minuto di sospensione. La formazione di Sacripanti diverte ed esalta il pubblico sugli spalti, col croato in versione assist man per l'inchiodata di Shermadini mentre Johnson-Odom fa ciò che vuole nella difesa trentina, piazzando i due punti del 69-45. Trento non sa più cosa faare per mettere una pezza, Cantù vede una vasca da bagno al posto del canestro: Buva è tarantolato e continua a siglare punti sul bottino personale, Abass si sblocca dalla lunga distanza e in un amen sono trentadue le lunghezze di scarto. Owens e Baldi Rossi interrompono il parziale negativo, ma il terzo quarto è tutto di marca canturina con un netto 32-21 di parziale che vale il 79-50 a dieci dal termine. Nell'ultima frazione, la squadra di Buscaglia prova a metterci un minimo d'orgoglio rientrando fino al meno ventiquattro (85-61), ma è il solito Johnson-Odom a ristabilire le giuste distanze prima dalla lunetta poi con una gran tripla a bersaglio per il 90-66. Il finale serve solo alle statistiche: Johnson-Odom dall'arco porta oltre a 100 il bottino di punti della squadra di casa, mentre Buva si riprende il titolo di top scorer con quattro punti consecutivi che valgono il pazzesco 108-80. Sacripanti svuota la panchina inserendo Maspero e Bloise, con quest'ultimo che si rende anche protagonista con un assist dietro la schiena che manda a schiacciare Williams. L'ultimo canestro lo firma Owens, chiudendo la contesa sul 110 a 84.

ACQUA VITASNELLA CANTU'- DOLOMITI ENERGIA TRENTO 110-84

* da www.basketinside.com

Cantù macchina perfetta, Trento umiliata al Pianella