Mer11302022

Last update02:31:59

Back Sport Sport e Tempolibero Calcio Germania - Giappone 1-2

Germania - Giappone 1-2

  • PDF
Valutazione attuale: / 9
ScarsoOttimo 

rento, 24 novembre 2022. - di Gian Piero Sera

Nel vorticoso movimento di persone, merci e capitali che contraddistingue l'epoca nostra, si ha come conseguenza il diffondersi capillare di esperienze e saperi, anche calcistici, in tutto il globo terrestre.

Ciò appare evidente in questo mondiale: tutte le squadre presenti mostrano solidi principi di gioco e nelle loro rose frequentemente sono presenti giocatori che hanno accumulato esperienze di spessore nei principali campionati continentali.

Ogni partita quindi, anche se vede coinvolte squadre dal ricco palmarès contro altre dal lignaggio meno nobile, nasconde insidie mortali, soprattutto per le candidate al titolo, in bilico fra comode goleade ed epiche catastrofi.

È quanto è capitato alla Germania, squadra costruita in modo ingegnoso dal volitivo Hans-Dieter Flick, con una caleidoscopica disposizione in campo, mutevole in funzione della fase di gioco affrontata.
essa, nella fase difensiva si acquatta prudente con due linee di quattro giocatori, mentre in fase di attacco presidia il fronte avanzato con una batteria di cinque magnifici obici, supportati da due martelli nella mediana con tre soli difensori nelle retrovie.

Il gioco quindi scorre spumoso e fluido, con i tre frombolieri Gnabry, Musiala e Havertz che producono occasioni da goal a grappoli, non sfruttate per narcisismo o per animo prescioloso, realizzando così una sola misera rete arrivata per giunta su un giusto rigore.
Il Giappone si mostra tosto e ben organizzato, con di strette linee e con tentativi aggressivi di recupero del pallone per avventarsi sugli abbondanti spazi lasciati senza ansia alcuna dalla compagine biancovestita.

La partita, lasciata colpevolmente in bilico dai tedeschi, sembra destinata ad una vittoria a loro favorevole di corto muso (come direbbe Allegri...) ma dei cambi arditi del tecnico giapponese, che ha allucinato chissà come il miracolo, sbilanciano in modo sorprendente l'equilibrio, tanto da creare un uno-due pugilistico che stende al tappeto gli increduli teutonici.
Il tutto si chiude con i giocatori nipponici pazzi di gioia a festeggiare in campo e con i tedeschi a masticare amaro su una massima del calcio mai troppo ricordata: lo specchio per mirarsi innamorati della propria bellezza è accessorio da toilette di belle dame, non adatto ai verdi prati di una partita di football.

(nella foto l'esultanza della nazionale giappone)

Germania - Giappone 1-2

Chi è online

 260 visitatori online