Mar02072023

Last update04:51:11

Back Sport Sport e Tempolibero Calcio Lazio e Chievo fermano Juventus e Napoli

Lazio e Chievo fermano Juventus e Napoli

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

I giocatori del Napoli esultano dopo il pareggio con il ChievoTrento, 26 gennaio 2014. - di Franco Longo

Negli anticipi della seconda giornata di ritorno del massimo campionato di calcio non sono certo mancate le sorprese. Napoli e Juventus vengono fermate rispettivamente da Chievo e Lazio. Due pareggi, comunque molto diversi fra loro. La squadra di Rafa Benitez, ancora al secco di vittorie nel girone di ritorno, dopo il pari beffa rimediato a Bologna in zona Cesarini, viene fermata fra le mura amiche dal Chievo.

I partenopei dopo essere andati subito sotto (rete di Sardo al 18') hanno evidenziato un gioco confuso, lento e troppo prevedibile. Solo Mertens e Calleicon sono sembrati all'altezza. Sotto tono fra i partenopei troppi elementi chiave, Inler, Maggio ed Higuain che ha fallito una clamorosa occasione per riportare i suoi in parità. Il match non cambiava nella ripresa. Napoli avanti a testa bassa, Chievo che riusciva a difendersi con ordine.

Molto impreciso fra i partenopei anche Marek Hamsik, giocatore al rientro da titolare, ma non ancora al top. Troppi gli errori anche del fuoriclasse slovacco, che nel match di andata, realizzò una pregevole doppietta. A poco è servito anche l'ingresso del neo acquisto Jorginhio. Più pericolo Insigne, subentrato a dieci minuti dal termine ad un deludente Cristian Maggio. Il centravanti napoletano ha colpito una traversa, da aggiungersi ai due legni di Mertens che anche ieri si è confermato un ottimo acquisto. Solo a due minuti dal termine è arrivato il pari con la prima rete nel campionato italiano del difensore ex Real Madrid Raul Albiol.

Il Napoli nei tre di recupero ha provato l'assalto finale, ma non è riuscito a ribaltare il risultato. Azzurri adesso costretti a guardarsi alle spalle per difendere la zona Champions, visto il turno agevole della Fiorentina, impegnata in casa contro il Genoa. La squadra di Benitez per salvare la stagione, deve puntare molto sulle Coppe. Mercoledì a Fuorigrotta arriverà la Lazio dell'ex Eddy Reja. In palio le semi finali di Coppa Italia, ultimo traguardo conquistato dagli azzurri, due anni fa allo stadio Olimpico contro la Juventus di Antonio Conte. In febbraio l'Europa League. Il Chievo ha fatto la sua onesta partita, conquistando un punto prezioso e allo stesso tempo meritato. La squadra di Eugenio Corini (espulso nel finale) sale cosi a quota 19 punti in classifica.

Si ferma a dodici la serie di vittorie consecutive dei campioni d'Italia che nel secondo anticipo della giornata vengono fermati da una buona Lazio. A Candreva, risponde Lliorente e cosi i bianco neri evitano il secondo ko all'Olimpico, dopo quello di martedì in Coppa Italia contro la Roma. Padroni di casa che hanno giocato per oltre 60' in superiorità numerica, complice l'espulsione di Buffon che ha provocato il rigore ottimamente trasformato da Candreva. In precedenza il portiere della Juventus e della nazionale, ieri in giornata da incubo, aveva commesso un'altra leggerezza su Klose.

Vista l'inferiorità numerica Conte doveva cambiare modulo rinunciando ad Asamoah per far entrare Storari. La Juventus con il suo grande carisma non si abbatteva e sfiorava il pari con Liorente che impegnava il portiere della Lazio.Nella ripresa (60') i campioni d'Italia trovavano il pari. Cross splendido dell'ex Lichtsteiner deviato in porta da Lliorente. Nel finale squadre lunghe che tentavano, senza riuscirci di aggiudicarsi l'intera posta in palio. Lazio più pericolosa con una traversa di Klose (grande parata di Storari) su colpo di testa ravvicinato del centravanti tedesco e palo del giovane Keita (da poco subentrato a Candreva) con una conclusione molto precisa e angolata sulla quale Storari nulla poteva fare.

La Juventus mantiene la sua imbattibilità (a Firenze l'ultimo ko della squadra di Conte) e dimostra di avere grande grinta. I campioni d'Italia anche in inferiorità numerica hanno tentato di fare la partita. Del pareggio della Juventus può approfittare la Roma, che vincendo al Bentegodi contro il Verona ha l'occasione di andare a meno sei dalla Juventus, riaprendo il campionato. I giallorossi dalla loro hanno un doppio vantaggio, non hanno le Coppe, mentre la Juventus in febbraio sarà impegnata in Europa League e inoltre hanno lo scontro diretto in casa.

Tabellini:

RETI: 27'pt Candreva (R); 15'st Llorente.

LAZIO: Berisha 6 ; Biava 6,5 , Cana 6, Dias 6; Cavanda 5(20'st Gonzalez 6), Ledesma 6, Biglia 6, Konko 6;Candreva 6.5 (39'st Keita 6), Hernanes 6.5; Klose 6.5. (Marchetti, Strakosha, Pereirinha, Novaretti, Ciani, Crecco, Vinicius, Felipe Anderson, Floccari, Perea). Allenatore: Reja 6,5.

JUVENTUS: Buffon 4; Barzagli 6.5, Bonucci 5.5, Ogbonna 6; Lichtsteiner 6.5, Vidal 5.5, Marchisio 5.5, Pogba 6, Asamoah sv (25'pt Storari 6.5); Tevez 6, Llorente 6.5. (Rubinho, Caceres, Peluso, Pepe, Pirlo, Padoin, Isla, Giovinco, Quagliarella). Allenatore: Conte 6.

ARBITRO: Massa di Imperia 6.

NOTE: ammoniti: Biava, Bonucci. Espulso al 24'pt Buffon per fallo da ultimo uomo.

 

RETI: 18'pt Sardo; 43'st Albiol.

NAPOLI: Rafael 6; Maggio 5.5 (34'st Insigne 6.5), Albiol 7, Britos 6, Reveillere 5.5; Inler 5,5, Dzemaili 5,5 (12'st Jorginho 6); Callejon 6,5, Hamsik 5.5, Mertens 7,5; Higuain 5. (Reina, Colombo, Cannavaro, Uvini, Radosevic, Bariti, Pandev, Zapata). Allenatore: Benitez 6.

CHIEVO: Puggioni 6; Frey 6, Dainelli 6, Cesar 6,5 Sardo 6.5, Bentivoglio 5.5 (29'st Radovanovic 6), Rigoni 6.5, Hetemaj 6, Dramè 6; Thereau 6, Paloschi 5.5 (33'st Estigarribia 6). (Squizzi, Silvestri, Claiton, Papp, Mbaye, Lazarevic, Sestu, Acosty, Pellissier). Allenatore: Corini 6.5.

ARBITRO: Irrati di Pistoia 6.5.

NOTE: ammoniti: Maggio, Cesar, Dainelli. Espulso Corini per proteste

Lazio e Chievo fermano Juventus e Napoli

Chi è online

 416 visitatori online