Nuovo regolamento del canone unico patrimoniale e del canone mercatale per i posteggi del mercato

Trento, 16 aprile 2021. - Redazione*

Il Consiglio comunale ha approvato il nuovo regolamento che disciplina la gestione del canone unico patrimoniale (da applicare per le occupazione di suolo pubblico e per la diffusione di messaggi pubblicitari) e del canone mercatale (per i posteggi del mercato), che da gennaio sostituiscono il Cosap, l'imposta comunale sulla pubblicità, i diritti sulle pubbliche affissioni e il canone di posteggio dei mercati.

Il nuovo regolamento è frutto dell'unione dei testi regolamentari di disciplina dei prelievi che sono stati da esso sostituiti.

In estrema sintesi il nuovo regolamento non prevede variazioni sostanziali rispetto all'attuale disciplina applicativa e – quando ve ne siano – nessun adempimento in più; prevede invece un richiamo ad eventuali disposizioni nazionali, oltre che provinciali.
A seguito dell'approvazione di tale regolamento, la Giunta comunale ha approvato le tariffe per l'anno 2021, che risultano sostanzialmente invariate rispetto a quelle applicate lo scorso anno.

Per quanto riguarda le novità segnaliamo in sintesi le più importanti:

1. un sistema sanzionatorio sia per il canone legato all'occupazione di suolo pubblico che per quello mercatale. Tale sistema era ad oggi previsto solo per i casi di abusivismo. Era invece già contemplato per l'imposta sulla pubblicità e i diritti sulle pubbliche affissioni. Con il nuovo regolamento vengono applicate sanzioni anche in caso di omesso, parziale o tardivo versamento di tutti i canoni;

2. l'applicazione del canone di posteggio provinciale anche ai produttori agricoli. Tale modifica uniforma le tipologie di prelievi applicati a tutti gli operatori dei mercati e dei posteggi isolati cittadini;

3. la non applicazione della tariffa rifiuti alle occupazioni assoggettate al pagamento del canone mercatale;

4. l'eliminazione dell'obbligo di presentazione di una dichiarazione di esposizione pubblicitaria prima di effettuare la pubblicità, fatta salva l'applicazione per alcune fattispecie residuali;

5. l'esenzione per le occupazioni effettuate dallo Stato, dalle regioni, province, città metropolitane, comuni e loro consorzi, da enti religiosi da enti pubblici per finalità specifiche di assistenza, previdenza, sanità, educazione, cultura e ricerca scientifica;

6. un unico prelievo per le occupazioni di suolo pubblico associate alla diffusione di messaggi pubblicitari;

7. un Codice di autodisciplina pubblicitaria a garanzia di una comunicazione commerciale che sia onesta, veritiera e corretta, a tutela di tutti (pubblico, consumatori e imprese);

8. il rilascio dell'occupazione di suolo pubblico a seguito di procedura competitiva (gara) ad evidenza pubblica nel caso in cui sia suscettibile di sfruttamento economico da parte di più soggetti, come per esempio nel caso delle piazze durante i grandi eventi.

Il canone mercatale e il canone per l'occupazione di suolo pubblico continueranno ad essere gestiti e riscossi dall'amministrazione comunale. Mentre invece il canone pubblicitario (quota relativa alla diffusione di messaggi pubblicitari) continuerà ad essere gestito da I.C.A. in forza del contratto in scadenza nell'anno 2024.

* comunicato

Nuovo regolamento del canone unico patrimoniale e del canone mercatale per i posteggi del mercato