Mar02072023

Last update04:51:11

Back Valli Valli del Trentino Alto Garda e Ledro Lago di Garda: ‘Anguille alla diossina?’

Lago di Garda: ‘Anguille alla diossina?’

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Lago GardaRiva del Garda, 27 luglio 2012. – Non sembra vero, eppure è così! Ne è convinto il consigliere Claudio Civettini che ha presentato nei giorni scorsi una interrogazione in consiglio provinciale. Citando il Ministero della salute che "avrebbe rinnovato il divieto di consumo e commercializzazione delle anguille provenienti dal lago di Garda perché sembrerebbero contaminate da diossina e policlorobifenili (PCB), con provvedimento del 18 maggio 2012, per la durata di un anno"  l'esponente leghista pone al presidente della provincia autonoma alcune domande che riportiamo testualmente.

"Il "paradiso" del lago di Garda, com'è costantemente monitorato nel suo stato di "salute" dal punto di vista ambientale: si escludono fenomeni inquinanti e relazioni comunicanti, con quanto successo nei mesi scorsi, sugli sversamenti di percolato provenienti dalla discarica della Maza e dei pozzi risultati contaminati di Pratosaiano, allocati proprio nelle aree sottostanti la discarica stessa? Si conferma la proroga ministeriale del divieto di commercializzazione di anguille locali e quali le motivazioni addotte dal Ministero per reiterare tale provvedimento? Quali le sostanze presenti accertate nei tessuti delle anguille, quali le origini e le sostanze inquinanti che hanno determinato il provvedimento e quali accertamenti sono stati fatti sulla relazione origine/cause/effetto delle sostanze inquinanti accertate o in via di definizione? Quali gli esiti dei controlli predisposti sin dal 2011 da parte del Ministero competente; quali rapporti con le autorità locali sul tema; quali le ricerche sulle cause e quali le iniziative per ridurre ed eliminare il fenomeno di tali sostanze inquinanti pericolose per tutto il sistema del lago e delle persone; quali relazioni tra stati inquinanti limitrofi accertati e residui accertati come presenti nelle acque del lago e assorbiti dai tessuti delle anguille stesse."

Lago di Garda: ‘Anguille alla diossina?’

Chi è online

 419 visitatori online