Dom01292023

Last update07:40:37

Back Valli Valli del Trentino Alto Garda e Ledro Ex imprenditrice senza stipendio con un debito di 1 milione di euro verso Equitalia

Ex imprenditrice senza stipendio con un debito di 1 milione di euro verso Equitalia

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

EquitaliaTrento, 15 marzo 2013. - a cura di Confesercenti di Trento

Confesercenti: "Il problema riguarda un sistema e un meccanismo perverso e inaccettabile che non lascia spazio ad azioni di tutela e garanzia per gli imprenditori". Confesercenti del Trentino in merito alla vicenda della ex imprenditrice dell'Oltresarca - con tre figli a carico, un milione di euro da pagare a Equitalia e che non ha neanche più di che vivere - ribadisce lo sconcerto davanti a simili situazioni.

La vicenda apparsa ne l'Adige - a pag 38 del 13 marzo - racconta di un milione di euro di debiti verso Equitalia, maturato per il fallimento dell'azienda edile di cui la donna era socia con il marito. Finito il matrimonio, all'ex imprenditrice sono rimasti i debiti verso l'Erario con interessi di mora e sanzioni. Da quanto scritto le è stato pignorato il quinto dello stipendio al quale si è aggiunto di recente il sequestro del conto corrente, con la parte rimanente dello stipendio prelevata da Equitalia a progressiva estinzione del debito. La donna si ritrova a non sapere come mantenere i tre figli e la casa Itea... non ha potuto pagare le spese condominiali, per le quali è intervenuto l'assessorato alle politiche sociali della Comunità di valle e ha rischiato lo sfratto dalla casa. La donna non contesta l'ammontare del debito ma dice: «Se devo pagare pago, capisco il pignoramento del quinto dello stipendio, ma se me lo tolgono tutto come faccio a dar da mangiare, a far studiare e a riscaldare la casa?»

Ora benchè l'aiuto dell'assessorato - che ha pagato le spese condominiali – la questione è: come si può saldate un milione di euro a Equitalia? Il problema riguarda un sistema e un meccanismo perverso e inaccettabile che non lascia spazio ad azioni di tutela e garanzia per gli imprenditori. Qui si va ben oltre il rischio di impresa e quotidianamente emergono casi drammatici anche nella nostra provincia.

Oltre alla solidarietà e alla preoccupazione per il caso umano che coinvolge l'ex imprenditrice di Arco, Confesercenti chiede, e ribadisce, un intervento a monte della normativa che regola i rapporti col Fisco e con Equitalia.

Ex imprenditrice senza stipendio  con un debito di 1 milione di euro verso Equitalia

Chi è online

 308 visitatori online