Ven12042020

Last update10:24:03

Back Valli Valli del Trentino Valle di Fiemme Cavalese: 'Spariti' i bus a idrogeno. Se ne occuperà la Corte dei Conti?

Cavalese: 'Spariti' i bus a idrogeno. Se ne occuperà la Corte dei Conti?

  • PDF
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

Minibus a idrogenoCavalese, 9 aprile 2013.Redazione

Fa scalpore la pubblica denuncia di Michele De Luca sull'acquisto di bus a idrogeno e sulla conseguente realizzazione di una stazione di rifornimento a Panchià, tutto a spese della Provincia. Una cifra non indifferente se supera 1,5 milioni di euro, solo per stazione, mentre altrettanti sabbero stati spesi per la conversione a idrogeneno.

Al di là dell'opportunità di realizzare con la stessa somma 4 o 5 stazioni di rifornimento di metano in valle, ci si chiede dove siano andati a finire i bus a idrogeno, dal momento che se ne sono perse le tracce.

L'argomento, come si può ben capire, desta sconcerto ed incredulità. Sulla bocca di tutti,  commenti del tipo "in un momento di grave crisi e di dura austerità, c'è amcora qualcuno che getta i denari pubblici dalla finestra in questo modo, vuol dire che siamo in mano a dei pazzi sconsiderati".

Forse sarebbe meglio vederci chiaro;  per questo sollecitiamo un'indagine della Corte dei Conti.

Cavalese: 'Spariti'  i bus a idrogeno. Se ne occuperà la Corte dei Conti?

Chi è online

 186 visitatori online