Mar08032021

Last update04:01:27

Back Valli Valli del Trentino Valle di Non Concessioni edilizie: cittadina vince, Comune di Predaia perde!

Concessioni edilizie: cittadina vince, Comune di Predaia perde!

  • PDF
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

TAR-Sezione TNCles, 17 maggio 2018. - Redazione

Il Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa di Trento (Sezione Unica) ha condannato il comune di Predaia al pagamento delle spese del giudizio, che si liquidano in complessivi euro 1.500 oltre ad accessori di legge in favore della ricorrente, per un totale di 2.168,88 euro.

Il ricorso è stato promosso da D.C. rappresentata e difesa dagli avvocati Marco Dalla Fior e Andrea Lorenzi contro il Comune di Predaia e nei confronti degli ing. M.S e R.S., per l'annullamento del permesso di costruire del comune di Predaia n. 21 di data 9 maggio 2017 rilasciato in data 10 maggio 2017, avente ad oggetto la ristrutturazione della p.ed. 91 in CC Coredo.

La ricorrente è proprietaria nel comune catastale di Coredo di un edificio identificato con la particella edificiale 88 porzione materiale 2 in aderenza alla quale si trova la particella edificiale 91 di proprietà degli controinteressati.

La proprietaria della adiacente p.ed. 88 ha proposto il ricorso sostenuto dai seguenti motivi:

1. Violazione della disciplina prevista dal PRGIS frazione di Coredo in relazione all'edificio p.ed. 91 oggetto di intervento sia con riferimento all'ampliamento sia con riferimento alla tipologia di intervento sia con riferimento alla coibentazione, carenza motivazionale, violazione del vincolo di fronte (fronte di pregio).

2. Violazione del diritto di proprietà della ricorrente con riferimento alla pretesa demolizione di un tratto di ala del tetto, violazione dell'art. 907 del Codice Civile segnatamente delle distanze da tale articolo previste, la sopraelevazione occlude parzialmente una veduta.

In data 10 maggio 2017 il Comune di Predaia rilasciava il permesso di costruire n. 21 d.d. 09.05.2017 avente ad oggetto la ristrutturazione della p.ed. 91 in CC Coredo.

In data 5 maggio.2017 lo stesso comune emetteva il permesso di costruire n. 50, variante n. 1 all'impugnato permesso di costruire originario, elaborato con il quale si è provveduto all'eliminazione dei profili di illegittimità contestati con il ricorso.

Il gravame è, quindi, divenuto improcedibile.

La presentazione ed il rilascio della variante, che ha comportato l'eliminazione dei vizi denunciati con il ricorso, è avvenuta solo successivamente alla proposizione del ricorso e pertanto le spese in giudizio vanno poste a carico del comune di Predaia nella misura di 2.168,88 euro.

Il T.R.G.A ha quindi deciso una importante ed innovativa pronuncia.

Con delibera del Consiglio Comunale n. 18 d.d. 27/02/2018 con 14 voti favorevoli, maggioranza e minoranza in accordo (sorprendentemente) viene deliberato di riconoscere la legittimità del debito fuori bilancio di complessivi 2.188,68€ al fine di liquidare la somma relativa al pagamento delle spese legali per il ricorso n. 180/2017.

Curioso inoltre è il fatto che il Comune della Predaia, gli ingegneri M.S. e R.S non si sono costituiti in giudizio, decidendo di non difendersi, consci forse del fatto che effettivamente la licenza iniziale presentava degli aspetti di illegittimità.

A questo punto, sorgono spontanee alcune domande.

Perché il Comune di Predaia ha deciso di non costituirsi in giudizio, magari la sua difesa avrebbe portato ad identificare altre responsabilità. Il Comune tenterà una rivalsa economica tramite idonea azione legale nei confronti delle altre figure coinvolte.

L'argomento è stato valutato dal dott. Tomas Visintainer, Revisore dei Conti del Comune di Predaia, il quale con nota del 19 febbraio 2018 esprime parere favorevole sul riconoscimento del debito fuori bilancio ai sensi dell'art. 194 comma 1 lettera a) del TUEL per l'importo quantificato in complessivi euro 2.188,68.

Il dottor Visintainer ha disposto l'invio della delibera alla Procura Regionale della Corte dei Conti – Sezione di Trento – secondo i tempi e le modalità previste dalla legge, che si dovrà esprimere e se verranno riscontrate delle responsabilità deciderà eventuali sanzioni.

Concessioni edilizie: cittadina vince, Comune di Predaia perde!

Chi è online

 159 visitatori e 1 utente online